Announcement

Collapse
No announcement yet.

Hamilton a Rossi: devo venire al Ranch

Collapse
X
  • Filter
  • Time
  • Show
Clear All
new posts

  • #46
    Originally posted by Amico Fritz View Post
    Mi tornano i valori degli incidenti.

    Unvece 7g in frenata penso di no, probabilmete si tratta di un picco strano letto dalla telemetria in tv.
    Ma tu dicevi di altre categorie che hanno decellerazioni più alte? Non ho capito.
    Sono 6.7 g in parabolica registrati quest'anno nessun errore.

    Mi riferivo ai g negli incidenti,il post dell'utente a cui rispondeva riguarda quello

    Inviato dal mio SM-J510FN utilizzando Tapatalk

    Comment


    • #47
      Continuano a sembrarmi troppi 6.7g. Indago
      Si negli incidenti concordo si parla di ben altri valori.
      http://l-esperimento-piu-bello-della...tml#Gianpaolo1

      Comment


      • #48
        Poche e intensissime. Sono le frenate che caratterizzano un giro a Monza, Tempio della velocità e delle decelerazioni estreme. Numeri impressionanti su due fronti opposti, che fanno salire in cattedra l’impianto frenante. Ben 5.6G è il dato di decelerazione media previsto da Brembo, frutto di sole 6 staccate e un tempo di fatto irrisorio speso con il piede sul freno: il 12% del giro, grossomodo 9,9 secondi. Ogni singolo istante ad abbattere le velocità over-320 km/h con le quali si arriva ad aggrapparsi ai freni nel Gran Premio d’Italia.

        Il dato in assoluto più elevato in termini di G si registra in frenata allaParabolica: un picco di 6,7G negli appena 72 metri nei quali scalare tre marce e inserire l’anteriore in curva. Si passa da 314 km/h a 205 km/h in 1,22 secondi, dati velocistici destinati a essere aggiornati (al rialzo) nel week end in arrivo, che punta ad abbattere il muro dei 260 km/h di velocità media sul giro (quasi 257 orari nelle libere 2, le ultime sull'asciutto, nel 2017).

        La staccata più lunga per metri percorsi è in fondo al dritto principale, con 140 metri attaccati esercitando una pressione di 165 kg sul freno: in 2,6 secondi si passa da 320 km/h a 84 km/h, operazione che sviluppa 5.4G, dai dati Brembo. Ancor più violenta è la frenata della Roggia, 5.7G frutto dei 326 km/h di punta massima ridotti ai 117 km/h in ingresso della chicane: servono 2,37 e 127 metri per rallentare, con una pressione di 180 kg sul freno. Complessivamente, i piloti esercitano più di 1.000 kg di pressione sul pedale a ogni giro e il settore centrale è quello più impegnativo, visto il susseguirsi delle due curve di Lesmo (Lesmo 1 registra 5.5G, Lesmo 2 5.1G) e della variante Ascari, con 5.3G.

        Il numero ridotto dei punti di frenata fa sì che la dispersione d’energia in staccata sia equivalente al dato registrato a Barcellona o Baku, con un valore di 180 kWh.


        Fonte autosprint.

        Inviato dal mio SM-J510FN utilizzando Tapatalk

        Comment


        • #49
          Boia sara cosi allora, pensavo piu sui 5.5 in frenata, cmq sarà un picco probabilmente, soprattutto ad inizio frenata col carico aerodinamico massimo dei 300kmh, da più fastidio al pilota i 4 o 5 g in curva che sono più prolungati , tipo curva 3 a barcellona per capirsi
          http://l-esperimento-piu-bello-della...tml#Gianpaolo1

          Comment


          • #50
            Originally posted by Amico Fritz View Post
            Boia sara cosi allora, pensavo piu sui 5.5 in frenata, cmq sarà un picco probabilmente, soprattutto ad inizio frenata col carico aerodinamico massimo dei 300kmh, da più fastidio al pilota i 4 o 5 g in curva che sono più prolungati , tipo curva 3 a barcellona per capirsi
            5.6 è il valore medio di Frenata

            Inviato dal mio SM-J510FN utilizzando Tapatalk

            Comment


            • #51
              Si si ho letto, intendevo che il picco di 6 e rotti sarà subito ad inizio frenata, man mano che frenano diminuisce perche il carico aerodinamico si riduce sempre più
              http://l-esperimento-piu-bello-della...tml#Gianpaolo1

              Comment


              • #52
                Originally posted by Amico Fritz View Post

                in realta in un incidente beccarsi 8g non è granche. Ti salvi di sicuro direi. Il problema sono le decellerazioni quasi istantanee che ti smacellano il cervello o altro. Se vedi un cappottamento mega con l'auto che si sfracella da tutte le parti il pilota non si farà nulla perche l'energia viene dissipata in molto tempo. Se invece decelleri in 1 metro di 100kmh tipo Senna o razemberger ci resti secco, si parla di boh...50g
                Senna non è morto per la decelerazione ma per un pezzo di sospensione entrata nel casco....

                Parli di 8 G ma le F1 non arrivano a tanto.
                Ci sono picchi che superano i 6 e in qualche modo si avvicinano a quelle di alcuni caccia....ma sui questi è il computer di bordo a limitarne il numero, altrimenti ciao...
                "La grandezza di un uomo si dimostra da quanti stupidi gli danno addosso"

                "Non si può tifare Stoner...o almeno non ho mai visto nessuno andare in chiesa e tifare
                D.I.O."



                Comment


                • #53
                  Non vi è alcun strumento di bordo che possa limitare i G ne in frenata ne in curva in quanto tutti i sistemi di controllo attivo o passivo sono vietati.

                  È consentita solo l'elettronica che consente di selezionare le mappature motore,cambio e parte ibrida,oltre a ripartitore di frenata e DRS.

                  Inviato dal mio SM-J510FN utilizzando Tapatalk

                  Comment


                  • #54
                    Mi riferivo agli aerei....per quanto sia affascinante il confronto, i caccia hanno il sistema di bordo che limita alcune manovre e le conseguenti forze generate
                    "La grandezza di un uomo si dimostra da quanti stupidi gli danno addosso"

                    "Non si può tifare Stoner...o almeno non ho mai visto nessuno andare in chiesa e tifare
                    D.I.O."



                    Comment


                    • #55
                      Originally posted by Nigel76 View Post
                      Senna non è morto per la decelerazione ma per un pezzo di sospensione entrata nel casco....

                      Parli di 8 G ma le F1 non arrivano a tanto.
                      Ci sono picchi che superano i 6 e in qualche modo si avvicinano a quelle di alcuni caccia....ma sui questi è il computer di bordo a limitarne il numero, altrimenti ciao...
                      Sbagliato. Senna è morto per la decelerazione terribile e rottura della base cranica. Il pezzo di sospensione ha procurato poco piu che una ferita sopra l'occhio. Vatti ad ascoltare la dichiarazione del dottore, postai anche il video del dottore sulla sezione 4 ruote tempo fa.

                      Non ho mai detto che le formula1 arrivano ad 8g. È proprio il contrario quello che ho scritto....

                      http://l-esperimento-piu-bello-della...tml#Gianpaolo1

                      Comment


                      • #56
                        Aggiungo il video del dottore che soccorse senna, da ascoltare sicuramente tutto. Al minuto 7.47 parla della ferita sopra l'occhio e che la rottura della base cranica è la causa della morte:


                        https://youtu.be/twdNgQU0p-E
                        http://l-esperimento-piu-bello-della...tml#Gianpaolo1

                        Comment


                        • #57
                          Originally posted by Amico Fritz View Post

                          Sbagliato. Senna è morto per la decelerazione terribile e rottura della base cranica. Il pezzo di sospensione ha procurato poco piu che una ferita sopra l'occhio. Vatti ad ascoltare la dichiarazione del dottore, postai anche il video del dottore sulla sezione 4 ruote tempo fa.

                          Non ho mai detto che le formula1 arrivano ad 8g. È proprio il contrario quello che ho scritto....
                          SENNA UCCISO DALLA SOSPENSIONE

                          BOLOGNA - Era proprio in quella piccola ferita sulla fronte di Senna, quel foro dall' aspetto non particolarmente significativo che però venne subito rilevato dall' autopsia, la causa della morte del campione brasiliano. La perizia medico-legale, depositata nei giorni scorsi, sembra infatti confermare indiscrezioni già pubblicate all' indomani del terribile incidente avvenuto sul circuito di Imola, il 1 maggio scorso, e nel quale il pilota di San Paolo perse la vita. Fatale viene considerata l' azione della sospensione, il colpo violentissimo di un braccio del delicato meccanismo spaccatosi nel momento in cui la Williams urtò il muretto della curva Tamburello. Il braccio spezzato, un troncone di metallo appuntito, con la ruota anteriore destra ancora attaccata, schizzò verso il casco di Senna, attraversandolo con la violenza (e gli effetti) di un proiettile. Il casco gialloverde del tre volte campione del mondo di F1 presentava infatti un buco ed una ' smagliatura' nella guarnizione gommosa della visiera, proprio in corrispondenza di una ferita lunga una decina di centimetri che, all' ospedale di Bologna, venne riscontrata nella zona frontale destra della testa di Senna. I medici hanno scoperto che, in quel punto, il cranio presentava un foro dal quale si irradiavano varie fratture, piccole e grandi. Lesioni irreversibili, aggravate da uno schiacciamento generale della scatola cranica. Fu quella la causa della morte di Senna che, ha adesso confermato la perizia, per il resto non subì altri traumi particolarmente gravi, nell' impatto contro il muro: nessun' altra frattura, né danni ad organi vitali, vennero rinvenuti, ma soltanto ematomi di vaste proporzioni al torace e alla base della spina dorsale. Se la sarebbe cavata, insomma, Senna; avrebbe avuto la vita salva, se la sospensione non fosse impazzita.


                          Leggi bene, te le ho pure sottolineate le parti fondamentali...le cause, quelle vere.
                          Se poi vuoi avere ragione com su PI 2015....beh abbiamo tutto l'inverno per sbizzarirci
                          "La grandezza di un uomo si dimostra da quanti stupidi gli danno addosso"

                          "Non si può tifare Stoner...o almeno non ho mai visto nessuno andare in chiesa e tifare
                          D.I.O."



                          Comment


                          • #58
                            Conosco benissimo l'incidente di senna. Era gia stato detto all epoca che aveva una ferita gravissima alla base cranica, in più ci fu sto discorso della sospensione.
                            Quello che si è sempre saputo è che Senna mori per la violenta decelerazione e la frattura cranica, anche fosse stata la sospensione ( e il dottore lo nega, l'avrai ascoltato spero) sarebbe morto comunque nell'impatto. Cosi come Razemberger che di sospensioni nel casco non ne ha avute. Perche il corpo umano non può reggere a certe decelerazioni....tutto qui.
                            Questo è il senso del mio discorso ad Alesco5 che ovviamente tu hai travisato, cosi come sei riuscito a capire che io avrei detto che le F1 girano anche ad 8g. Non capisci un caz.zo e vuoi pure la ragione.
                            Su Philip Island 2015 è uguale, non ho certo cambiato idea, ma al solito cerchi qualcosa solo per metter zizzania.

                            Te l'ho già detto altre volte, per me non sei un interlocutore con cui vale la pena di perder del tempo, non intervengo mai nei tuoi post, fai lo stesso che evitiamo polemiche inutili
                            Last edited by Amico Fritz; 07-12-18, 10:23.
                            http://l-esperimento-piu-bello-della...tml#Gianpaolo1

                            Comment


                            • #59
                              Originally posted by Amico Fritz View Post
                              Conosco benissimo l'incidente di senna. Era gia stato detto all epoca che aveva una ferita gravissima alla base cranica, in più ci fu sto discorso della sospensione.
                              Quello che si è sempre saputo è che Senna mori per la violenta decelerazione e la frattura cranica, anche fosse stata la sospensione ( e il dottore lo nega, l'avrai ascoltato spero) sarebbe morto comunque nell'impatto. Cosi come Razemberger che di sospensioni nel casco non ne ha avute. Perche il corpo umano non può reggere a certe decelerazioni....tutto qui.
                              Questo è il senso del mio discorso ad Alesco5 che ovviamente tu hai travisato, cosi come sei riuscito a capire che io avrei detto che le F1 girano anche ad 8g. Non capisci un caz.zo e vuoi pure la ragione.
                              Su Philip Island 2015 è uguale, non ho certo cambiato idea, ma al solito cerchi qualcosa solo per metter zizzania.

                              Te l'ho già detto altre volte, per me non sei un interlocutore con cui vale la pena di perder del tempo, non intervengo mai nei tuoi post, fai lo stesso che evitiamo polemiche inutili
                              Di quello che pensi di me non frega un caz.zo a nessuno così come non frega che spari minchiate.

                              Puoi credere anche a babbo Natale e credere a questo soccorritore che in buona fede dice la sua....ma non puoi diffondere questo tuo credo come verità, c'è un autopsia che parla e quella è inequivocabile.
                              Vai vai a fare l'albero
                              "La grandezza di un uomo si dimostra da quanti stupidi gli danno addosso"

                              "Non si può tifare Stoner...o almeno non ho mai visto nessuno andare in chiesa e tifare
                              D.I.O."



                              Comment


                              • #60
                                https://ricerca.repubblica.it/repubb...spensione.html

                                perizia medico legale....
                                Last edited by mauri954; 07-12-18, 11:06.

                                Comment

                                Working...
                                X