annuncio

Comprimi
Ancora nessun annuncio.

Honda, moto con radar e assistenza alla sterzata: ? la guida "autonoma"?

Comprimi
X
Comprimi
 
  • Filtro
  • Ora
  • Visualizza
Elimina tutto
nuovi messaggi

  • Honda, moto con radar e assistenza alla sterzata: ? la guida "autonoma"?

    Questo brevetto diHonda, ci mostra un sistema in grado di gestire, oltre ad accelerazione e frenata automatiche, anche l?assistenza alla sterzata. Diffuso dai colleghi di bennetts.co.uk, il brevetto, che secondo il modus operandi dell'azienda ? stato sviluppato internamente e non acquistato da altri colossi dell?high tech (come nel caso della Ducati ?affidatasi? al know how di Bosch), mostra un servomotore montato dietro il cannotto di sterzo con una catena che lo collega alla forcella. In condizioni normali, il motore agirebbe un po? come un ammortizzatore di sterzo adattivo, aiutando a prevenire o a controllare pericolosi ed indesiderati movimenti dell?avantreno.

    Si tratta di un ulteriore - e certo non indifferente - passo in avanti: esattamente come avviene per il controllo automatico della velocit? adattivo, che utilizza radar e telecamere per mantenere una distanza di sicurezza intervenendo su freni e acceleratore, il nuovo sistema di "servosterzo" potrebbe intervenire automaticamente per contrastare per esempio improvvise sbandate agendo magari insieme al controllo di trazione e all?ABS. Facendo un ulteriore passo in avanti, se ne potrebbe immaginare un'ulteriore evoluzione capace di trasformare la moto in un veicolo a guida autonoma fungendo da ?sterzo automatico? in grado seguire le istruzioni del navigatore satellitare.

    Poich? un tale livello di controllo conferisce al computer responsabilit? senza precedenti, in ambito automobilistico (che ? di fatto culla ed incubatore per lo sviluppo di tali tecnologie) i produttori stanno progressivamente inserendo sempre pi? telecamere ed altri sistemi di monitoraggio necessari ad assicurarsi che il conducente rimanga comunque vigile anche quando l'auto aziona in autonomia i vari comandi.

    Il brevetto Honda non fa eccezione: il documento mostra per esempio una telecamera posizionata nel cruscotto della moto puntata verso il busto del pilota ed un'altra nella coda che guarda alla schiena. L?idea, probabilmente, ? quella di utilizzare i dati riguardanti la posizione del pilota come parametri fondamentali per il calcolo degli input affidati al computer di bordo.

    Bench? sempre pi? rapito, lo sviluppo di questi sistemi richieder? ancora parecchio tempo. Gli scogli da superare sono ancora numerosi, uno su tutti quello riguardante il ?ruolo? affidato al pilota che, da parte attiva nella conduzione del mezzo, potrebbe un giorno passare a quello di mero ?supervisore?.

    notizia da:insella.it


  • #2
    Ehm.....no,decisamente no.
    La macchina che guida da sola e me porta do' je chiedo mentre magari me ne sto bello abbioccato col sedile allungato s?...non vedo l'ora e spero che succeda presto.
    La moto proprio no.....l'abs e le mappature sono il massimo dell'elettronica che ammetto.....io so' contrario anche al traction control,vedimp?.

    Cmq sia,Honda sempre 10 passi avanti a tutti.

    Commenta

    Sto operando...
    X