Announcement

Collapse
No announcement yet.

Polestar1, il futuro presente.

Collapse
X
Collapse
 
  • Filter
  • Time
  • Show
Clear All
new posts

  • #16
    Originally posted by giova3419 View Post
    ...specie se senza anticipo una quasi supercar come questa da ca. 135.000 Euro non avrà un canone esattamente abbordabile...

    no vabbè allora passo ... :gaen:
    vivi... corri per qualcosa, corri per un motivo... che sia la libertà di volare o quella di sentirti vivo...

    Comment


    • #17
      Originally posted by filotto View Post
      si ma hai pagato un anticipo?
      sì.sui 4.500 Iva compresa mi pare..
      Ho tanta nostalgia di un'amica canadese in bikini che mi ha lasciato (e del didietro di una donzella conoscente di un altro forumer, di cui non ricordo il nome e che purtroppo non ho mai conosciuto...) :gaen:

      Comment


      • #18
        Originally posted by giova3419 View Post
        sì.sui 4.500 Iva compresa mi pare..
        in questo caso, se "spalmi" l'anticipo sulla rata, diventano quasi 500 euro al mese ... non so che macchina è, ma una macchina decente con meno di quella cifra tutto compreso è impossibile con 2-300 euro al mese totali compri solo macchine piccole che ti danno anche senza anticipo
        vivi... corri per qualcosa, corri per un motivo... che sia la libertà di volare o quella di sentirti vivo...

        Comment


        • #19
          Originally posted by filotto View Post
          in questo caso, se "spalmi" l'anticipo sulla rata, diventano quasi 500 euro al mese ... non so che macchina è, ma una macchina decente con meno di quella cifra tutto compreso è impossibile con 2-300 euro al mese totali compri solo macchine piccole che ti danno anche senza anticipo
          Sì ma compresa IVA e soprattutto Kasko, interventi e bollo (ovviamente non essendo mia).

          L'auto è una Toyota Rav 4 Hybrid business.

          Mi ero fatto i conti ed infatti era una bella offerta. Conveniva.

          Per poco mi è scappata la Jaguar XE R-Sport awd. Stesso prezzo ma più anticipo (6.000 più Iva mi pare, quindi 7.300). Quella era MOLTO conveniente. Così come la Bmw serie 5 station, iperaccessoriata ma fine serie
          Ho tanta nostalgia di un'amica canadese in bikini che mi ha lasciato (e del didietro di una donzella conoscente di un altro forumer, di cui non ricordo il nome e che purtroppo non ho mai conosciuto...) :gaen:

          Comment


          • #20
            Originally posted by giova3419 View Post
            Sì ma compresa IVA e soprattutto Kasko, interventi e bollo (ovviamente non essendo mia).

            L'auto è una Toyota Rav 4 Hybrid business.

            Mi ero fatto i conti ed infatti era una bella offerta. Conveniva.

            Per poco mi è scappata la Jaguar XE R-Sport awd. Stesso prezzo ma più anticipo (6.000 più Iva mi pare, quindi 7.300). Quella era MOLTO conveniente. Così come la Bmw serie 5 station, iperaccessoriata ma fine serie
            di buono adesso c'è la Ford Edge Vignale, 495+iva senza anticipo, 20.000 km annui inclusi, tutto compreso ma proprio tutto, macchina da quasi 60.000 euro
            vivi... corri per qualcosa, corri per un motivo... che sia la libertà di volare o quella di sentirti vivo...

            Comment


            • #21
              Originally posted by filotto View Post
              di buono adesso c'è la Ford Edge Vignale, 495+iva senza anticipo, 20.000 km annui inclusi, tutto compreso ma proprio tutto, macchina da quasi 60.000 euro
              Dove?

              Comunque anche la serie 5 station che ti dicevo io a 299+ Iva era da quasi 60.000. 15.000 km annui però. Solo due anni. Ma era un'eccezione perché fine serie. Anche la Jaguar comunque costava. Meno ma costiccjiava. Sui 49.000 mi pare
              Ho tanta nostalgia di un'amica canadese in bikini che mi ha lasciato (e del didietro di una donzella conoscente di un altro forumer, di cui non ricordo il nome e che purtroppo non ho mai conosciuto...) :gaen:

              Comment


              • #22
                Originally posted by giova3419 View Post
                Dove?

                Comunque anche la serie 5 station che ti dicevo io a 299+ Iva era da quasi 60.000. 15.000 km annui però. Solo due anni. Ma era un'eccezione perché fine serie. Anche la Jaguar comunque costava. Meno ma costiccjiava. Sui 49.000 mi pare
                sito Ford è un'offerta diretta.

                Comunque io avrei preso il Bmw :gaen:
                vivi... corri per qualcosa, corri per un motivo... che sia la libertà di volare o quella di sentirti vivo...

                Comment


                • #23
                  Polestar 1, la prima sportiva GT 2+2 Hybrid del gruppo Volvo

                  Shadow2818 Ott 2017
                  La divisione sportiva di Volvo la Polestar diventa un brand a se stante e debutta al salone di Shangai con il suo primo modello denominata Polestar 1. Una divisione che traghetterà la gamma sportiva di Volvo verso quella elettrificazione già dichiarata dal costruttore svedese per i prossimi anni. Il primo modello è una bella coupè elegante e sportiva, una Gran Turismo 2+2 ibrida, da 600 CV ed 1.000 Nm con prestazioni di alto livello con uno scatto dichiarato nello 0-100 in soli 3,8 secondi. Per chi stesse già scattando dalla poltrona dobbiamo dire che l’arrivo nelle concessionarie sarà previsto per il 2019. Un modello la Polestar 1 farà da apripista da una intera gamma che prevederà anche una Polestar 2, una berlina che avrà la componente elettrica molto marcata chiaramente per contrastare la Tesla Model 3 e la Polestar 3, la solita Suv sportiva.

                  Dal punto di vista tecnico la base è la piattaforma già in uso per la gamma T8 Hybrid della Volvo denominata Spa, ma che vede una completa riprogettazione di più della metà delle sue componenti. Con una lunghezza di quattro metri e 50 ed un passo accorciato di 32 cm, ha un design contraddistinto da uno sbalzo posteriore ridotto di 20 cm. Una 2+2 che non sacrifica troppo la zona abitabile posteriore ma soprattutto che conserva un ottimo bagagliaio. La via verso l’elettrificazione diffusa passa per l’ibridazione sempre più presente che vede la Polestar 1 abbinare il due litri benzina anteriore quattro cilindri sovralimentato da 320 CV T6 gia oggetto di un dettagliato focus sulla nostra rubrica Best Engine, e da un doppio motore elettrico da 218 CV.


                  Ogni motore elettrico agisce su ciascuna ruota, ed ha anche la funzione di Torque vectoring. Il sistema è integrato con due batterie, una situata sul nella zona del tunnel centrale ed una posteriore trasversale. Un bilanciamento dei pesi studiato per dare alla GT svedese le caratteristiche di una buona guidabilità e piacere di guida. Quando è richiesta la massima prestazione la Polestar 1 si comporta come una trazione è integrale sotto la spinta del motore termico e i due elettrici al retrotreno, mentre diventa una vettura a trazione posteriore quando si usano solo i motori in full elettrico. L’autonomia con la sola energia elettrica si attesta sul valore di 150 km una distanza di tutto rispetto per una vettura dal piglio sportivo. Come per molte tedesche rivali la velocità massima è bloccata a 250 km/h, con i 160 km/h in modalità full elettrico.

                  I tecnici Volvo si sono impegnati per contenere il peso con l’adozione di gran parte della carrozzeria e telaio in fibra di carbonio per un risparmio di ben 230 chili. Un vantaggio di peso che consente di limitare i problemi dovuti alla aggravio delle batterie che possono essere più grandi con maggiore capacità. La dinamica di guida è assicurata dall’adozione di nuove sospensioni regolabili della Öhlins, attraverso un sistema di controllo Continuously Controlled Electronic Suspension (CESi). Anche i freni sono al top con la collaborazione di Akebono, un sistema che prevede pinze a sei pistoncini all’avantreno e dischi ventilati da 400 mm di diametro. La trasmissione è dotata di cambio è un automatico a otto marce. La Polestar 1 sarà prodotta nel nuovissimo stabilimento cinese di Chengdu in collaborazione con Geely proprietaria del marchio Volvo. Indiscrezioni sul prezzo prevedono che si attesti a partire dai 130.000 euro ma non è escluso anche per questa Polestar l’adozione di formula dell’abbonamento con rata mensile come previsto già per i modelli XC60, una soluzione che prevede solo la restituzione della vettura senza nessuna maxirata. Quando e come sarà commercializzata la Polestar 1 per l’Italia sarà ancora da definire.

                  https://www.giornalemotori.com/2017/...estar-1-volvo/

                  È un filino cara , però ha le ohlins
                  no delta martini...no party


                  Il problema dell umanità è che gli stupidi son pieni di certezze, mentre le veri menti son piene di dubbi (cit)

                  Comment


                  • #24
                    Originally posted by filotto View Post
                    sito Ford è un'offerta diretta.

                    Comunque io avrei preso il Bmw :gaen:
                    Anche io. Il problema è che l'offerta sulla serie 5 è arrivata quando avevo la mia già da un pò di mesi. E non ho fatto in tempo a muovermi per la cessazione del mio contratto e la conclusione del nuovo che erano gia state esaurite le macchine...
                    Ho tanta nostalgia di un'amica canadese in bikini che mi ha lasciato (e del didietro di una donzella conoscente di un altro forumer, di cui non ricordo il nome e che purtroppo non ho mai conosciuto...) :gaen:

                    Comment


                    • #25
                      Originally posted by arabykola View Post
                      Polestar 1, la prima sportiva GT 2+2 Hybrid del gruppo Volvo

                      Shadow2818 Ott 2017
                      La divisione sportiva di Volvo la Polestar diventa un brand a se stante e debutta al salone di Shangai con il suo primo modello denominata Polestar 1. Una divisione che traghetterà la gamma sportiva di Volvo verso quella elettrificazione già dichiarata dal costruttore svedese per i prossimi anni. Il primo modello è una bella coupè elegante e sportiva, una Gran Turismo 2+2 ibrida, da 600 CV ed 1.000 Nm con prestazioni di alto livello con uno scatto dichiarato nello 0-100 in soli 3,8 secondi. Per chi stesse già scattando dalla poltrona dobbiamo dire che l’arrivo nelle concessionarie sarà previsto per il 2019. Un modello la Polestar 1 farà da apripista da una intera gamma che prevederà anche una Polestar 2, una berlina che avrà la componente elettrica molto marcata chiaramente per contrastare la Tesla Model 3 e la Polestar 3, la solita Suv sportiva.

                      Dal punto di vista tecnico la base è la piattaforma già in uso per la gamma T8 Hybrid della Volvo denominata Spa, ma che vede una completa riprogettazione di più della metà delle sue componenti. Con una lunghezza di quattro metri e 50 ed un passo accorciato di 32 cm, ha un design contraddistinto da uno sbalzo posteriore ridotto di 20 cm. Una 2+2 che non sacrifica troppo la zona abitabile posteriore ma soprattutto che conserva un ottimo bagagliaio. La via verso l’elettrificazione diffusa passa per l’ibridazione sempre più presente che vede la Polestar 1 abbinare il due litri benzina anteriore quattro cilindri sovralimentato da 320 CV T6 gia oggetto di un dettagliato focus sulla nostra rubrica Best Engine, e da un doppio motore elettrico da 218 CV.


                      Ogni motore elettrico agisce su ciascuna ruota, ed ha anche la funzione di Torque vectoring. Il sistema è integrato con due batterie, una situata sul nella zona del tunnel centrale ed una posteriore trasversale. Un bilanciamento dei pesi studiato per dare alla GT svedese le caratteristiche di una buona guidabilità e piacere di guida. Quando è richiesta la massima prestazione la Polestar 1 si comporta come una trazione è integrale sotto la spinta del motore termico e i due elettrici al retrotreno, mentre diventa una vettura a trazione posteriore quando si usano solo i motori in full elettrico. L’autonomia con la sola energia elettrica si attesta sul valore di 150 km una distanza di tutto rispetto per una vettura dal piglio sportivo. Come per molte tedesche rivali la velocità massima è bloccata a 250 km/h, con i 160 km/h in modalità full elettrico.

                      I tecnici Volvo si sono impegnati per contenere il peso con l’adozione di gran parte della carrozzeria e telaio in fibra di carbonio per un risparmio di ben 230 chili. Un vantaggio di peso che consente di limitare i problemi dovuti alla aggravio delle batterie che possono essere più grandi con maggiore capacità. La dinamica di guida è assicurata dall’adozione di nuove sospensioni regolabili della Öhlins, attraverso un sistema di controllo Continuously Controlled Electronic Suspension (CESi). Anche i freni sono al top con la collaborazione di Akebono, un sistema che prevede pinze a sei pistoncini all’avantreno e dischi ventilati da 400 mm di diametro. La trasmissione è dotata di cambio è un automatico a otto marce. La Polestar 1 sarà prodotta nel nuovissimo stabilimento cinese di Chengdu in collaborazione con Geely proprietaria del marchio Volvo. Indiscrezioni sul prezzo prevedono che si attesti a partire dai 130.000 euro ma non è escluso anche per questa Polestar l’adozione di formula dell’abbonamento con rata mensile come previsto già per i modelli XC60, una soluzione che prevede solo la restituzione della vettura senza nessuna maxirata. Quando e come sarà commercializzata la Polestar 1 per l’Italia sarà ancora da definire.

                      https://www.giornalemotori.com/2017/...estar-1-volvo/

                      È un filino cara , però ha le ohlins
                      Già. Cara però bellissima...
                      Ho tanta nostalgia di un'amica canadese in bikini che mi ha lasciato (e del didietro di una donzella conoscente di un altro forumer, di cui non ricordo il nome e che purtroppo non ho mai conosciuto...) :gaen:

                      Comment

                      Working...
                      X