annuncio

Comprimi
Ancora nessun annuncio.

Falso commercialista truffa 25 clienti. Gdf: Dovranno pagare loro i debiti col Fisco

Comprimi
X
 
  • Filtro
  • Ora
  • Visualizza
Elimina tutto
nuovi messaggi

  • mito22
    ha risposto
    Originariamente inviato da Semiramide Visualizza il messaggio
    PORDENONE - Ha svolto per anni, senza averne i titoli, l'attivit? di commercialista e ha inoltre incassato il denaro ricevuto dai propri clienti per i vari versamenti di imposta: alla fine si ? intascato 400mila euro.
    Il finto professionista, residente a Pordenone, ha truffato ben 25 clienti ed ? stato indagato dalla Guardia di Finanza per esercizio abusivo della professione, falso e appropriazione indebita. Nell'inchiesta sono stati denunciati anche due imprenditori per i reati di emissione e utilizzo di fatture false. L'uomo certificava il titolo di commercialista attraverso un ?centro elaborazione dati? che, per?, era abilitato per la mera trasmissione delle dichiarazioni fiscali.

    Per ?coprire? gli omessi versamenti modificava le attestazioni di avvenuto pagamento all'Erario (che consegnava ai clienti) certificando, in particolare, inesistenti compensazioni dalle quali apparentemente non si rilevavano debiti erariali. Il raggiro ? emerso quando il Fisco ha notificato le cartelle esattoriali ai clienti per gli omessi versamenti di imposta.

    A seguito di ulteriori attivit? investigative si ? scoperto che lo stesso ?falso commercialista? era un evasore totale e che aveva occultato al Fisco, nel periodo dal 2014 al 2018, oltre un milione di euro di ricavi non dichiarati. Grazie al pentimento e alla sua collaborazione sono stati inoltre scoperti contribuenti che occultavano i propri redditi, anche in maniera fraudolenta. Tra questi una societ? con sede in Pordenone, operante nel settore del web marketing non aveva dichiarato ricavi per oltre due milioni euro mediante la contabilizzazione di fatture per operazioni inesistenti pari a circa 900 mila euro.

    Nei confronti dei due rappresentanti di questa societ?, il Gip ha emesso un decreto di sequestro preventivo per equivalente fino alla concorrenza di 413 mila euro pari al profitto conseguito attraverso il mancato pagamento delle imposte. Nei confronti di uno di questi ultimi indagati il Gip ha, inoltre, emesso un provvedimento di custodia cautelare ai domiciliari per lesioni personali aggravate e tentata induzione a rendere dichiarazioni mendaci avanti all'autorit? giudiziaria. L'uomo, infatti, dopo la contestazione delle evasioni fiscali, aveva aggredito in un locale pubblico, ferendolo, il sedicente commercialista, ritenendolo responsabile delle attivit? ispettive della Guardia di Finanza.

    LA BEFFA
    ?In relazione ai debiti tributari originati dal mancato versamento delle imposte da parte del falso commercialista, le obbligazioni verso il Fisco originate pda chi si avvale di un professionista - spiega la Gdf - devono comunque essere onorate dagli obbligati che, in caso di loro inconsapevolezza delle irregolarit? perpetrate, possono essere ridotte delle sole sanzioni applicabili?.

    Il comandante provinciale della Guardia di Finanza di Pordenone, colonnello Stefano Commentucci aggiunge: ?Gli assistiti difficilmente potranno essere dispensati dal pagamento delle imposte dovute all'Erario, per rientrare delle quali l'unica via percorribile potr?, quindi, essere un'azione legale risarcitoria nei confronti dello stesso?. ?L'attuale quadro normativo, nonch? l'orientamento giurisprudenziale, prevede che l'obbligo di presentazione della dichiarazione e del versamento delle imposte dovute non si esaurisce con il semplice affidamento delle relative incombenze a un professionista, ma necessita di una attivit? di vigilanza e controllo sulla loro effettiva esecuzione da parte del contribuente cui le obbligazioni si riferiscono - ammonisce Commentucci -.Ricade, quindi, sempre sul contribuente l'obbligo non solo di porre il professionista nelle condizioni di poter operare in piena legittimit?, ma anche di verificare che il suo operato avvenga in modo corretto e puntuale?.

    ?Bisogna sempre verificare se il professionista cui affidare tali incombenze ? un commercialista iscritto nell'apposito albo - conclude l'ufficiale - liberamente consultabile on-line sul portale dedicato, oppure un mero ?consulente?, verificando di volta in volta, in relazione alle proprie esigenze e finalit?, a chi richiedere le prestazioni professionali di cui si ha bisogno?.

    notizia da:ilgazzettino.it
    Vabb? ma serviva scrivere una notizia? Mi pare ovvio ah,ah.... ITALIA

    Lascia un commento:


  • michi14
    ha risposto
    Originariamente inviato da luciocabrio Visualizza il messaggio

    mi spiace non volevo dare indirettamente del cogl.ione al uo amico...
    per? scusa non si ? rivolto a nessuno per avere "consigli" sul da farsi? Non si era informato prima sulla reale situazione della ditta?
    Siccome la sfiga non ha mai fine, quando mor? il padre lui era a Milano per cercare di curare una Leucemia fulminante, cio? comparsa in tempo zero e che se lo stava uccidendo....

    La testa quindi non era proprio lucida, cos? ha fatto sta cazz@ta...

    Fortunatamente per? l'hanno preso per un capello ed ? vivo e vegeto, e dopo aver rischiato cos? la pelle, ora fa l'operaio e si gode la vita....

    Lascia un commento:


  • luciocabrio
    ha risposto
    Originariamente inviato da Lele-R1-Crash Visualizza il messaggio

    I debiti possono saltare fuori anche il giorno dopo che hai accettato l'eredit? ... controllo AE per esempio ?

    Mai sentito parlare delle teste di legno che per 4 spiggi si intestano attivit? ? Io ne conosco uno che ? finito in carcere per aver "rilevato" un'azienda troppo fasulla ...
    io sono dell'idea che se controlli le inculate non le prendi...
    magari uno non controlla perch? si fida del genitore.
    E in certi casi credo si possa impugnar el'eredita quando ci son odi mezzo truffe,raggiri elusioni ecc

    Lascia un commento:


  • JB hsm
    ha risposto
    Originariamente inviato da michi14 Visualizza il messaggio

    Ce ne sono, ce ne sono.... Ultimamente un mio cliente/amico.... Si ? mangiato tutto per accettare l'eredit? del padre, dopo 4 mesi ? arrivato il fallimento, era una snc, ci ha rimesso una bella villa e un palazzo che erano suoi, oltre alla societ?, capannone, mezzi ecc.
    Ereditare una snc... penso che bisogna avere un bel coraggio, o pazzia... sopratutto se in 4 mesi ? stata dichiarata fallita...

    Lascia un commento:


  • Lele-R1-Crash
    ha risposto
    Originariamente inviato da luciocabrio Visualizza il messaggio

    chi ? quel coglione che accetta un'eredit? coi debiti se non per interesse\investimento e con possibilit? di risanarli?
    I debiti possono saltare fuori anche il giorno dopo che hai accettato l'eredit? ... controllo AE per esempio ?

    Mai sentito parlare delle teste di legno che per 4 spiggi si intestano attivit? ? Io ne conosco uno che ? finito in carcere per aver "rilevato" un'azienda troppo fasulla ...
    Ultima modifica di Lele-R1-Crash; 18-09-20, 10:21.

    Lascia un commento:


  • luciocabrio
    ha risposto
    Originariamente inviato da michi14 Visualizza il messaggio

    Ce ne sono, ce ne sono.... Ultimamente un mio cliente/amico.... Si ? mangiato tutto per accettare l'eredit? del padre, dopo 4 mesi ? arrivato il fallimento, era una snc, ci ha rimesso una bella villa e un palazzo che erano suoi, oltre alla societ?, capannone, mezzi ecc.
    mi spiace non volevo dare indirettamente del cogl.ione al uo amico...
    per? scusa non si ? rivolto a nessuno per avere "consigli" sul da farsi? Non si era informato prima sulla reale situazione della ditta?

    Lascia un commento:


  • michi14
    ha risposto
    Originariamente inviato da luciocabrio Visualizza il messaggio

    chi ? quel coglione che accetta un'eredit? coi debiti se non per interesse\investimento e con possibilit? di risanarli?
    Ce ne sono, ce ne sono.... Ultimamente un mio cliente/amico.... Si ? mangiato tutto per accettare l'eredit? del padre, dopo 4 mesi ? arrivato il fallimento, era una snc, ci ha rimesso una bella villa e un palazzo che erano suoi, oltre alla societ?, capannone, mezzi ecc.

    Lascia un commento:


  • Lele-R1-Crash
    ha risposto
    Originariamente inviato da JB hsm Visualizza il messaggio

    Su questo non ho dubbi, e sono d'accordo che tanti si fidano anche perch? non hanno le conoscenze. Quello che intendo ? che a fronte di un maggior debito tributario, la parte relative a sanzioni e interessi se le deve ciucciare il commercialista (se sono causate da un suo errore), ma la parte relativa alle imposte, quella sarebbe stata comunque dovuta quindi ? giusto che la paghi il contribuente. Poi possiamo discutere che un soggetto sapendo di non dover versare un importo x spende quei soldi per altro, o li investe e magari dopo si trova fregato... ecco ma in quei casi ? pi? difficile.. ma il punto fondamentale sarebbe che l'ordine dei commercialisti si facesse sentire giu a roma per pretendere che chi non ha l'abilitazione certe cose non le fa. Finche ? concesso farle fare a tutti poi ? pi? facile finire nei casini a causa di soggetti poco preparati..
    Succede cosi e non vedo motivo per cui cambiare le cose .
    Rimane che molte aziende investono nell'azienda in funzione dei soldi che hanno come utile .
    Se un'azienda ha investito in funzione di questo e poi si trova anche le tasse maggiorate rispetto a quel con cui ha effettuato le valutazioni dell'investimento, capisci che ? dura .
    Lo stato concede dilazioni al massimo in 10 anni (120 mensilit?) ... insomma non ? una passeggiata .
    Aprire un attivit? in Italia richeide del coraggio .
    Ultima modifica di Lele-R1-Crash; 17-09-20, 18:17.

    Lascia un commento:


  • JB hsm
    ha risposto
    Originariamente inviato da Lele-R1-Crash Visualizza il messaggio

    Beh che le tasse si pagano non v'? dubbio alcuno . La tassazione in Italia ? asfissiante ma la si conosce dal principio di ogni attivit? : pertanto ognuno sceglie se accollarsi tale onere o se investire in attivit? in altre nazioni . Se invece si apre attivit? in Italia ? dovere imprescindibile versa ogni tributo imposto dallo stato .
    E' altres? vero che potrei darti diversi nominativi di microaziende che lavorano a capo basso fidandosi del proprio commercialista . Se egli lavora male ci andranno di mezzo questi artigiani , ma loro non hanno le competenze per capire se il lavoro del commercialista ? corretto o meno . Sono davvero tante le realt? travolte da errato lavoro del commercialista .
    Su questo non ho dubbi, e sono d'accordo che tanti si fidano anche perch? non hanno le conoscenze. Quello che intendo ? che a fronte di un maggior debito tributario, la parte relative a sanzioni e interessi se le deve ciucciare il commercialista (se sono causate da un suo errore), ma la parte relativa alle imposte, quella sarebbe stata comunque dovuta quindi ? giusto che la paghi il contribuente. Poi possiamo discutere che un soggetto sapendo di non dover versare un importo x spende quei soldi per altro, o li investe e magari dopo si trova fregato... ecco ma in quei casi ? pi? difficile.. ma il punto fondamentale sarebbe che l'ordine dei commercialisti si facesse sentire giu a roma per pretendere che chi non ha l'abilitazione certe cose non le fa. Finche ? concesso farle fare a tutti poi ? pi? facile finire nei casini a causa di soggetti poco preparati..

    Lascia un commento:


  • luciocabrio
    ha risposto
    Originariamente inviato da michi14 Visualizza il messaggio

    Se fanculizzi si, se accetti e hai capitali gi? tuoi, e quelli ereditati non bastano a coprire, vengono anche su di te, questo ? il punto...
    chi ? quel coglione che accetta un'eredit? coi debiti se non per interesse\investimento e con possibilit? di risanarli?

    Lascia un commento:


  • Lele-R1-Crash
    ha risposto
    Originariamente inviato da JB hsm Visualizza il messaggio

    Se il commercialista/abusivo non ti ha fatto versare imposte che erano dovute, be quelle ti tocca versarle e basta (ed ? anche giusto) quello che l'abusivo/commercialista dovrebbe accollarsi sono le sanzioni e gli interessi, poich? sorti a causa di un suo errore/frode. Dove ho lavorato io era cos?, non c'era manco da discutere. L'unico caso in cui sanzioni e interessi se li ciucciava il cliente ? quando il commercialista gli comunica gli importi da versare, e il cliente semplicemente non ha la liquidita necessaria per adempiere all'obbligazione tributaria (cosa che succede molto pi? spesso di quanto uno possa credere), in quel caso non ? colpa del commercialista se il cliente non ha soldi e tocca versarli in ritardo con ravvedimento, o peggio quanto ti arriva la letterina di equitalia.
    Beh che le tasse si pagano non v'? dubbio alcuno . La tassazione in Italia ? asfissiante ma la si conosce dal principio di ogni attivit? : pertanto ognuno sceglie se accollarsi tale onere o se investire in attivit? in altre nazioni . Se invece si apre attivit? in Italia ? dovere imprescindibile versa ogni tributo imposto dallo stato .
    E' altres? vero che potrei darti diversi nominativi di microaziende che lavorano a capo basso fidandosi del proprio commercialista . Se egli lavora male ci andranno di mezzo questi artigiani , ma loro non hanno le competenze per capire se il lavoro del commercialista ? corretto o meno . Sono davvero tante le realt? travolte da errato lavoro del commercialista .

    Lascia un commento:


  • michi14
    ha risposto
    Originariamente inviato da luciocabrio Visualizza il messaggio

    si ma se non ci sei in mezzo non ? che ti becchi i debiti! e l'eredit? ,se ? in negativo,la fanculizzi
    Se fanculizzi si, se accetti e hai capitali gi? tuoi, e quelli ereditati non bastano a coprire, vengono anche su di te, questo ? il punto...

    Lascia un commento:


  • Torakiky
    ha risposto
    Originariamente inviato da luciocabrio Visualizza il messaggio

    dimenticate che ci sono interessi moratori e sanzioni...nell'esempio che vi hjo portato io hanno fatto decollare la cifra
    S?, ma nel caso del post il tipo dice che li sconteranno, chiedendo solo l'importo originario (come di legge, tra l'altro, in queste circostanze)

    Lascia un commento:


  • luciocabrio
    ha risposto
    Originariamente inviato da michi14 Visualizza il messaggio

    Ni, non passano beghe su LORO capitale se prendono l'eredit? con beneficio d'inventario, quindi possono salvare capitale se gi? intestato a loro, altrimenti, se tutto era intestato al padre, portano via tutto e stop?????.

    Viceversa, se loro hanno capitale personale per valore esempio di 100k, accettano l'eredit? del padre di esempio 100k ma lui aveva debiti per 200k, gli portano via tutto... I 100 del padre e i loro 100....
    si ma se non ci sei in mezzo non ? che ti becchi i debiti! e l'eredit? ,se ? in negativo,la fanculizzi

    Lascia un commento:


  • luciocabrio
    ha risposto
    Originariamente inviato da Torakiky Visualizza il messaggio

    Hai ragione, mea culpa: l'Agenzia "c'entra", ma come parte lesa. Dal suo punto di vista, il contribuente non ha versato le imposte sui guadagni, quindi ? in debito.



    Certo, si parla in astratto: se poi la vicenda fosse falsa, quanto detto non sarebbe applicabile
    dimenticate che ci sono interessi moratori e sanzioni...nell'esempio che vi hjo portato io hanno fatto decollare la cifra

    Lascia un commento:

Sto operando...
X