Announcement

Collapse
No announcement yet.

Announcement

Collapse
No announcement yet.

26-10-2020 vs 26/10/2021

Collapse
X
Collapse
 
  • Filter
  • Time
  • Show
Clear All
new posts

  • Font Size
    #46
    Originally posted by Mr.Molla View Post
    Complotti? Con ste pecore non serve
    O meglio serve il Termine per non capire che è un Progetto ben orchestrato... in un mondo dove al Gregge basta Mulino Bianco per parlare di scieMza
    La pubblicità dei biscotti dice: Non usiamo olio di Palma ... ed ecco programmi Tv con scieMziati che spiegano perché è nocivo etc etc ... e tutti a crederci
    Sfortunatamente in questo caso si sono trovati Ferrero che lo usa nella Nutella facendo una colossale figuremmerda... ma oggi mezza itaGlia evita prodotti con OP

    Questo è l’effetto di una Pubblicità... immaginatevi quando sigle altisonanti come OMS, EMA, ISS, AIFA vi dicono che Morirete di Raffreddore... chiamandolo col suo nome scientifico Coronavirus ...
    Magari credete pure che siano Enti di Beneficenza invece sono Aziende Private pagate dal Gregge, ma sponsorizzate dalle Farmaceutiche, da un produttore di Software e dagli stessi che hanno Finanziato Whuan per creare il Virus ...
    Niente dai ora vi danno pure il permesso di Pascolare con una Tessera
    L'olio di palma non è dannoso per la salute. O non di più di altri oli/grassi. Ma la sua produzione reca un grave danno all'ambiente. Ecco perché era nata una campagna contro l'olio di palma. Ma poi la gente è abituata a sentire critiche sugli ingredienti e ha capito (come te) che fa male alla salute.... Pensa, è bastata una pubblicità a farti credere quello che manco volevano farti credere......

    Comment


    • Font Size
      #47
      Originally posted by arabykola View Post
      Per schiarire le idee a chi le ha un po’ confuse

      questo grafico l'ha chiaramente disegnato Bill gates, svegliaaaaaaaaa

      Comment


      • Font Size
        #48
        Bisogna leggere questo

        https://www.istat.it/it/files//2021/...a-mondiale.pdf

        e piantarla di sparare kazzate


        Una terza guerra mondiale?
        Gian Carlo Blangiardo
        Il quarto picco di mortalità nella storia demografica dell’Italia unita
        Il bilancio demografico del 2020 ci presenta uno straordinario incremento del numero di decessi: un dato che non avremmo mai immaginato di vedere, o almeno non così presto. Nel corso dell’anno si sono contati ben 746 mila morti – 112 mila in più rispetto al 2019 – e si valuta che, a fronte dei circa 76 mila casi che il Sistema di Sorveglianza Nazionale integrata dell’Istituto Superiore di Sanità ha attribuito direttamente a COVID-19 si siano verificati 99 mila decessi aggiuntivi. Un surplus calcolato con riferimento a quanto si sarebbe osservato in base ai livelli di sopravvivenza, ovviamente liberi dall’effetto della pandemia1, relativi all’anno 2019.
        Sono numeri che segnano un cambiamento impressionante, e lo sono ancor più se vengono visti nel quadro delle variazioni della frequenza annua di morti susseguitesi a partire dal primo bilancio demografico del 1862, all’indomani dell’Unità Nazionale. I dati mostrano come, passando da un anno al successivo, solo tre volte si è avuta in Italia una crescita superiore alle 100 mila unità – al pari di quanto è avvenuto nel 2020 – e si tratta di esperienze che si perdono nella notte dei tempi. Si va dall’imperversare del “colera asiatico” nel 1867, con 137 mila morti in più rispetto al 1866, alle devastanti conseguenze del primo anno di conflitto nel 1915 (+171 mila), sino alla terribile pandemia di “spagnola” nel 1918. Un anno, quest’ultimo, che segna un incremento di 334 mila morti (il più alto di sempre); oltre tutto rispetto a un drammatico 1917 che, già di suo, presentava una crescita significativa rispetto al 1916 (+96 mila). Ma eravamo, non a caso, al tempo di quella che è passata alla storia come la “Grande Guerra”!
        1 Istituto nazionae di statistica - Istat. 2021. “Indicatori demografici. Anno 2020”. Statistiche Report, 3 maggio 2021 (https://www.istat.it/it/archivio/257243).
        31 maggio 2021
        ISTITUTO NAZIONALE DI STATISTICA 1

        UNA TERZA GUERRA MONDIALE?
        Il nemico invisibile del 2020
        Non così accade per il 2020. Un anno il cui bilancio demografico si colloca entro una cornice di pace, almeno se la si intende secondo l’usuale accezione di assenza di un conflitto armato. Tuttavia, di fronte alle circa 126 mila persone che a tutt’oggi risultano decedute per (o di) COVID-19 – dall’inizio della pandemia a fine maggio 2021 secondo i dati ufficiali – viene da chiedersi se esse non siano assimilabili ai caduti di una nuova guerra, certo non convenzionale ma non per questo meno cruenta. Una sorta di Terza Guerra Mondiale, ben più “mondiale” delle due precedenti, combattuta contro un nemico invisibile, che fa numerose vittime tra le persone e che, pur senza seminare distruzione, alimenta paura, insicurezza e genera gravi limitazioni alla nostra vita.
        Chi, come nel mio caso, appartiene a una generazione che, per sua fortuna, non è mai stata coinvolta nei drammatici eventi bellici, si è trovato per la prima volta di fronte a una sequenza di bollettini con “il bilancio dei caduti”, qualcosa di cui non aveva mai avuto esperienza, e da cui ha colto, giorno dopo giorno, il macabro messaggio dei numeri.
        Sino ad ora – per me così come (credo) anche per i miei coetanei – il tema della guerra era solo astrattamente presente nei racconti o delle rievocazioni legate a qualche ricorrenza. Rispetto all’ultimo conflitto mondiale – quello che da bambini sentivamo come il più vicino e ricco di testimonianze – si era tutt’al più avuto modo di seguire, ascoltandole direttamente dai protagonisti o leggendole nei libri di storia e nei romanzi, le vicende delle campagne di Grecia, d’Africa, di Russia. E se è possibile che, dai resoconti degli eventi di allora, si sia accreditata in alcuni di noi l’immagine di un’ecatombe di dimensioni epocali, viene da chiedersi ora se la stessa cosa non sia valsa, e valga tuttora, per quei bambini che assistono, in genere (fortunatamente) solo per via mediatica, alla lotta “all’ultimo vaccino” contro l’invisibile nemico COVID-19, con le sue continue e malefiche mutazioni.
        Ora come (o più di) allora?
        Proviamo dunque ad affidarci al sano realismo della statistica ufficiale per mettere in chiaro, anche in termini comparativi col passato, l’effettiva portata delle conseguenze più gravi – ossia il costo in vite umane – derivanti da ciò che stiamo vivendo dalla fine di febbraio dello scorso anno.
        2 ISTITUTO NAZIONALE DI STATISTICA

        UNA TERZA GUERRA MONDIALE?
        Figura 1 – Italia: militari e civili deceduti e dispersi per cause belliche tra il 10 giugno 1940 e l’8 settembre 1943 e numero di morti aggiuntive (rispetto alla media 2015-2019) tra marzo 2020 e marzo 2021. Valori mensili cumulati a partire dal mese iniziale del periodo
        250.000 200.000 150.000 100.000
        50.000 0
        Numero di mesi dall'inizio
        Eccedenza di mortalità COVID correlata Dispersi II guerra mondiale
        Morti II guerra mondiale Morti e Dispersi
        Fonte: Istat, Morti e dispersi per cause belliche negli anni 1940-1945, Roma 1957 e https://www.istat.it/it/archivio/240401
        I dati di mortalità generale ci dicono che nell’arco di tredici mesi, da marzo 2020 a marzo 2021, si è assistito ad un aumento della frequenza di morti che, rispetto ai valori medi del quinquennio 2015-2019, risulta essere di 117 mila unità. Va da sé che con analisi più fini si potrebbe distinguere l’effettiva azione della pandemia, isolando i fattori “di disturbo” di vario genere e di segno opposto – i cambiamenti strutturali, le condizioni climatiche, così come l’effetto protettivo di nuovi comportamenti imposti o liberamente scelti, e così via – ma è innegabile che a fronte del dato cumulato sui decessi ufficialmente attestato, la semplice associazione statistica tra pandemia e picco di mortalità si trasforma in una vera e propria spiegazione “causale” del secondo ad opera della prima. Siamo dunque di fronte alla oggettiva certificazione di uno stato di guerra: proviamo a misurarne e a confrontarne le conseguenze.
        In proposito, se andiamo ad osservare dopo quanti mesi durante l’ultima guerra mondiale si è raggiunto lo stesso numero di morti per cause belliche, tra militari e civili, equivalente all’eccesso di mortalità alimentato dall’attuale pandemia nei suoi primi tredici mesi, ci rendiamo conto che ciò è accaduto solo al 40° mese dall’inizio del conflitto (figura 1). In pratica, si è reso necessario un intervallo di tempo che è tre
        ISTITUTO NAZIONALE DI STATISTICA 3
        10 11 12 13 14 15 16 17 18 19 20 21 22 23 24 25 26 27 28 29 30 31 32 33 34 35 36 37 38 39 40
        1 2 3 4 5 6 7 8 9
        Numero cumulato di casi

        UNA TERZA GUERRA MONDIALE?
        volte più esteso e che si spinge sino al termine delle operazioni militari (con l’armistizio dell’8 settembre 1943). Va altresì rilevato che se anche, nel conteggio delle vittime prodotte dall’ultimo conflitto, andassimo ad aggiungere la componente dei dispersi, il costo in termini di vite umane dell’attuale (e mai dichiarata) guerra pandemica resterebbe comunque largamente più precoce e concentrato: all’equivalenza numerica con l’eccesso di mortalità registrato a tutt’oggi si arriverebbe unicamente col 31° mese dall’inizio del conflitto. Non a caso, in corrispondenza del picco generato dal drammatico tributo degli oltre 50 mila dispersi nella campagna di Russia, un dato, quest’ultimo, che appare con tutta evidenza nel resoconto statistico di dicembre 1942 e di gennaio 1943.
        Stessi numeri, ma con profili differenti
        La sostanziale parità numerica tra i decessi ufficialmente conteggiati nei primi tredici mesi della pandemia di COVID-19 e quelli attribuiti all’ultimo conflitto, dalla dichiarazione di inizio alla data dell’armistizio, non significa affatto che il profilo dei soggetti coinvolti sia altrettanto simile. Limitandoci alle caratteristiche più rilevanti (e comparabili) si rileva innanzitutto come mentre l’equilibrio di genere tra i deceduti per COVID-19 viene abbastanza rispettato, pur in presenza di una prevalenza maschile (56,4%), esso appare decisamente stravolto allorché si considerano i deceduti per cause belliche, dove i maschi accentrano il 91,3% dei casi. Ma differenze altrettanto marcate si colgono anche dal confronto tra la composizione per età dei due collettivi (figura 2). Come è noto, i decessi per COVID-19 hanno riguardato nella quasi totalità soggetti con almeno 60 anni (95,5%), con uno spiccato orientamento verso le fasce più anziane: circa un quarto dei morti sono 70-79enni, 4 su 10 sono 80-89enni e 2 su dieci ultra90enni. Viceversa, tra i caduti in guerra la quota della componente più anziana – i dati si hanno solo per gli ultra60enni nel loro complesso e ad essi si riferisce il confronto – si limita al 15,5% tra i civili e a un modesto 0,25% tra i militari. Nell’ambito di questi ultimi è la classe d’età 20-29anni quella che ha pagato, con il 73% dei caduti, il più alto tributo di vite umane nel corso dell’ultima guerra – essendo la distribuzione per età tra i civili piuttosto uniforme con quote del 10-15% – mentre le conseguenze fatali di COVID-19 per i giovani 20-29enni sono risultate decisamente modeste: coprono unicamente lo 0,05% del totale dei decessi.
        4 ISTITUTO NAZIONALE DI STATISTICA

        UNA TERZA GUERRA MONDIALE?
        Figura 2 – Italia: composizione per età dei militari e civili deceduti per cause belliche tra giugno 1940 e settembre 1943 e dei morti per COVID-19 entro il 28 aprile2021. Valori percentuali
        Fonte: Istat, Morti e dispersi per cause belliche negli anni 1940-1945, Roma 1957 e https://www.epicentro.iss.it/corona- virus/sars-cov-2-decessi-italia
        Anche sul piano territoriale gli effetti dei due drammatici eventi non si mostrano con uguale intensità. Ad esempio, mentre il peso della Lombardia rispetto alla letalità di COVID-19, sul totale nazionale, è circa il doppio se confrontato con quello corrispondente alla drammatica esperienza bellica, in Sicilia la situazione si inverte e il rapporto, che segna la prevalenza dei caduti in guerra, è di circa 3 a 1.
        In generale, si può affermare che nel panorama nazionale siano le regioni del Nord Italia ad aver pagato alla pandemia un prezzo in termini di vite umane relativamente superiore a quanto versato in tempo di guerra. Viceversa, nelle le regioni del Centro, e soprattutto in quelle del Mezzogiorno, risulta prevalere la quota di caduti nel corso dell’ultima guerra (tra la dichiarazione e l’armistizio).
        100 90 80 70 60 50 40 30 20 10 0
        COVID-19 2020-21 Militari 1940-43 Civili 1940-43
        0--9
        10--19
        20--29
        30--39
        40--49
        50--59
        60 e +
        ISTITUTO NAZIONALE DI STATISTICA 5

        UNA TERZA GUERRA MONDIALE?
        Figura 3 – Italia: composizione regionale (a) del numero di militari e civili deceduti per cause belliche tra giugno 1940 e settembre 1943 e dei morti per COVID-19 entro il 28 aprile2021. Valori percentuali
        Piemonte Valle d'Aosta Lombardia Trentino-Alto Adige Veneto Friuli-Venezia Giulia Liguria Emilia-Romagna Toscana Umbria Marche Lazio Abruzzo e Molise Campania Puglia Basilicata Calabria Sicilia Sardegna
        0 5 10 15 20 25 30
        Totale 1940-43
        COVID-19
        Fonte: Istat, Morti e dispersi per cause belliche negli anni 1940-1945, Roma 1957 e https://www.epicentro.iss.it/corona- virus/sars-cov-2-decessi-italia
        (a) La distinzione tra Abruzzo e Molise non è possibile in quanto non presente nei dati sui decessi per cause belliche.
        Per concludere
        Ancora una volta, il linguaggio dei numeri si rivela chiaro ed inequivocabile. Esso mostra, pur con le necessarie distinzioni sul piano strutturale e territoriale, come in questi mesi si sia pagato – in Italia così come in quasi ogni parte del Pianeta – un prezzo di vite umane tale da configurare qualcosa di assimilabile ad una “Terza Guerra Mondiale”. Quando tutto ciò finirà –sperando che accada ovunque e il più in fretta possibile – saremo in grado di tirare le somme, anche con l’aiuto dei dati e delle analisi statistiche, riguardo ad un’esperienza che mai ci saremmo aspettati di affrontare, ma che invece (realisticamente e saggiamente) dovremo saper mettere in conto e farne tesoro.
        Solo così potremo sperare di dar vita, come già accadde nel secondo dopoguerra, ad un’operosa fase di intensa “ricostruzione” – anche se oggi si preferisce parlare di ri-generazione o, nel segno dell’Europa, di #nextgenerationEU – che possa consentirci di risollevare pienamente la testa e di ripartire.
        6 ISTITUTO NAZIONALE DI STATISTICA

        UNA TERZA GUERRA MONDIALE?
        L’auspicio è che questa rinascita sia anche capace di segnare l’inizio di una stagione virtuosa e in grado di regalarci – al pari di quanto è successo la volta scorsa – l’entusiasmante esperienza di un nuovo (perché no?) “miracolo economico”.
        E poco importa se anche lo si vorrà chiamare, per

        Comment


        • Font Size
          #49
          Torneranno in lockdown? Popolazione meno vaccinata della nostra e positività al 7%



          Comment


          • Font Size
            #50
            Originally posted by emino76 View Post

            L'olio di palma non è dannoso per la salute. O non di più di altri oli/grassi. Ma la sua produzione reca un grave danno all'ambiente. Ecco perché era nata una campagna contro l'olio di palma. Ma poi la gente è abituata a sentire critiche sugli ingredienti e ha capito (come te) che fa male alla salute.... Pensa, è bastata una pubblicità a farti credere quello che manco volevano farti credere......
            Ma caxxo vuoi da me
            io me ne sbatto altamente dell'olio di palma ... tu invece che sai tutto vuol dire che dopo lo spot ti sei informato ... quindi è a te che ha fatto effetto ... a me hanno solo rotto i cojoni o fatto ridere quelli che se ne preoccupano

            Cmq è una minkyata pure quella dell'Ambiente ... ma è inutile spiegarlo

            AH!!! Era UN ESEMPIO neh ... non un tema di discussione ...
            Ma grazie lo stesso, hai dimostrato come dallo Spot dei Biscotti la gente si fa menate e bisticcia pure ...
            Figuriamoci per la Pubblicità di Pfizer

            Comment


            • Font Size
              #51
              Pheega ... pure ad Araby gliè venuta la Segaiolite
              Quindi dopo aver ribadito il concetto questa Pandemia è una Guerra ... cosa rimane di tutte quelle seghe mentali
              67Mila Morti CON ANCHE il Covid nel 20 ... quindi ad oggi 133k - 67k = 66Mila Morti 2021 con Covid e Vaccino (da Gennaio per i Vecchi) e GP (da Luglio) ... entrambi per 10mesi neh ... sapete fare le sottrazioni? Vedete qualche differenza tra 20 e 21 ???
              0,05% di Mortalità nella fascia 20-29 per arrivare a circa 1% tra 30e50 ...

              Tra '15 e '19 una media di 50Mila Morti di Influenza ... 67k - 50k = 17Mila Morti in più per Raffreddore/Covid/Influenza nel 20
              Cavoli però nel 20 abbiamo avuto +99Mila Morti ... che 99k - 17k = 82Mila Morti in più SENZA COVID
              Si saranno Ammazzati di Seghe ... o ci vorrebbe una spiegazione, ma Araby sa solo ripetere 750K morti

              Proviamo a non chiamarla Pandemia e quindi manco Guerra ... e chiamare il Covid semplicemente Influenza Grave ... avremmo avuto i Numeri "Covid" dei Vaccinati 21 già nel 20 ... e facendo finta di nulla i Morti con anche il Covid sarebbero aumentati (Forse*) ... ma avremmo SALVATO 82Mila persone Morte di Patologie Gravi NON Curate Causa Covid !!!

              *Forse ... perchè pure quegli 82K sono Morti Causa Covid o meglio Causa Protocolli Covid che hanno trasformato Influenze in Gravi Influenze, e Patologie Gravi in Morte !!!

              il Ministero della Sanità oltre a BARARE sui numeri Covid, a Vietare le Cure Domiciliari, a dare solo Ossigeno in Ospedale ... ha pure Vietato di andare in Ospedale se non per casi Gravi praticamente già Morti con o senza Covid

              99Mila Morti in più ... quando di Covid Ebbasta sono morte 1892 persone nel 2020 !!!
              (ben 9 ragazzi tra 20 e 29 anni ... quelli della Movida Untrice)

              Comment


              • Font Size
                #52
                Nota di Colore ... visto che vi piace parlare di Guerra

                Sapendo che in Europa divagava la Spagnola i Soldati Americani sono stati Vaccinati prima di partire per la 1° Guerra Mondiale ...
                Dal ISTAT USA :
                Sono Morti più Soldati per il Vaccino che per la Guerra !!!

                Siete fortunati che sto Vaccino ha LE STESSE CONSEGUENZE del Covid ... ma chiamandolo Influenza Grave forse provano a Curarvi
                E chi non muore si rivede ... per la 3a Dose

                Comment


                • Font Size
                  #53
                  Originally posted by Mr.Molla View Post

                  Ma caxxo vuoi da me
                  io me ne sbatto altamente dell'olio di palma ... tu invece che sai tutto vuol dire che dopo lo spot ti sei informato ... quindi è a te che ha fatto effetto ... a me hanno solo rotto i cojoni o fatto ridere quelli che se ne preoccupano

                  Cmq è una minkyata pure quella dell'Ambiente ... ma è inutile spiegarlo

                  AH!!! Era UN ESEMPIO neh ... non un tema di discussione ...
                  Ma grazie lo stesso, hai dimostrato come dallo Spot dei Biscotti la gente si fa menate e bisticcia pure ...
                  Figuriamoci per la Pubblicità di Pfizer
                  Da te nulla, so già che non otterrò nulla di concreto.
                  Ma siccome davi delle pecore a quelli che seguivano la pubblicità, quando sei tu la prima capra che non ci ha capito nulla, età simpatico fartelo notare. Ma tanto non ci hai capito nulla ancora, quindi non è che ho dimostrato nulla che già non si sapesse ... Certo che da uno che ha capito il complotto, il piano segreto, e non la pubblicità del Mulino Bianco.... Dai, ritenta, magari fai bella figura. A novembre...
                  Last edited by emino76; 27-10-21, 18:16.

                  Comment


                  • Font Size
                    #54
                    Originally posted by Mr.Molla View Post

                    Ma caxxo vuoi da me
                    io me ne sbatto altamente dell'olio di palma ... tu invece che sai tutto vuol dire che dopo lo spot ti sei informato ... quindi è a te che ha fatto effetto ... a me hanno solo rotto i cojoni o fatto ridere quelli che se ne preoccupano

                    Cmq è una minkyata pure quella dell'Ambiente ... ma è inutile spiegarlo

                    AH!!! Era UN ESEMPIO neh ... non un tema di discussione ...
                    Ma grazie lo stesso, hai dimostrato come dallo Spot dei Biscotti la gente si fa menate e bisticcia pure ...
                    Figuriamoci per la Pubblicità di Pfizer
                    In realtà ha dimostrato solo che cianci senza sapere di quello che parli, pirla

                    Comment


                    • Font Size
                      #55
                      Originally posted by Mr.Molla View Post
                      AH!!! Era UN ESEMPIO neh ... non un tema di discussione ...
                      Ma grazie lo stesso, hai dimostrato come dallo Spot dei Biscotti la gente si fa menate e bisticcia pure ...
                      Figuriamoci per la Pubblicità di Pfizer
                      Scusate mi sono sbagliato! Non Gente ... solo gli Idioti

                      Comment


                      • Font Size
                        #56
                        Gli esempi servono essere calzanti, non a casaccio. O fai la figura del diversamente furbo...

                        Comment


                        • Font Size
                          #57
                          Originally posted by Chronic View Post

                          In realtà ha dimostrato solo che cianci senza sapere di quello che parli, pirla
                          Hai visto come diventa acida la Molla quando la metti di fronte all'evidenza che ha detto una Mollata?

                          Comment


                          • Font Size
                            #58
                            Originally posted by Mr.Molla View Post
                            Pheega ... pure ad Araby gliè venuta la Segaiolite
                            Quindi dopo aver ribadito il concetto questa Pandemia è una Guerra ... cosa rimane di tutte quelle seghe mentali
                            67Mila Morti CON ANCHE il Covid nel 20 ... quindi ad oggi 133k - 67k = 66Mila Morti 2021 con Covid e Vaccino (da Gennaio per i Vecchi) e GP (da Luglio) ... entrambi per 10mesi neh ... sapete fare le sottrazioni? Vedete qualche differenza tra 20 e 21 ???
                            0,05% di Mortalità nella fascia 20-29 per arrivare a circa 1% tra 30e50 ...

                            Tra '15 e '19 una media di 50Mila Morti di Influenza ... 67k - 50k = 17Mila Morti in più per Raffreddore/Covid/Influenza nel 20
                            Cavoli però nel 20 abbiamo avuto +99Mila Morti ... che 99k - 17k = 82Mila Morti in più SENZA COVID
                            Si saranno Ammazzati di Seghe ... o ci vorrebbe una spiegazione, ma Araby sa solo ripetere 750K morti

                            Proviamo a non chiamarla Pandemia e quindi manco Guerra ... e chiamare il Covid semplicemente Influenza Grave ... avremmo avuto i Numeri "Covid" dei Vaccinati 21 già nel 20 ... e facendo finta di nulla i Morti con anche il Covid sarebbero aumentati (Forse*) ... ma avremmo SALVATO 82Mila persone Morte di Patologie Gravi NON Curate Causa Covid !!!

                            *Forse ... perchè pure quegli 82K sono Morti Causa Covid o meglio Causa Protocolli Covid che hanno trasformato Influenze in Gravi Influenze, e Patologie Gravi in Morte !!!

                            il Ministero della Sanità oltre a BARARE sui numeri Covid, a Vietare le Cure Domiciliari, a dare solo Ossigeno in Ospedale ... ha pure Vietato di andare in Ospedale se non per casi Gravi praticamente già Morti con o senza Covid

                            99Mila Morti in più ... quando di Covid Ebbasta sono morte 1892 persone nel 2020 !!!
                            (ben 9 ragazzi tra 20 e 29 anni ... quelli della Movida Untrice)
                            uei ,mr ignoranzolla, di vaccino son morte 600 persone totali di cui ben 16 direttamente riconducibili

                            Ripeto for dummies: SEICENTO decessi in tutto ,a contare anche quelle nn riconducibili, su85 milioni di dosi

                            85MILIONIII contro 600

                            dai, tornatene afankulo va

                            Comment


                            • Font Size
                              #59
                              Demente stiamo parlando di 2020 ... i Vaccini non c’entrano

                              Eminio ... ciucciati il calzino! È abbastanza Calzante

                              Comment


                              • Font Size
                                #60
                                Meglio morire da vaccinati e con green pass, che rimanere in vita fra no vax, no green pass, no 5G, terrapiattisti vegani, vegetariani, Gretini ecc.

                                Sai che 2 palle!!!

                                Comment

                                X
                                Working...
                                X