annuncio

Comprimi
Ancora nessun annuncio.

annuncio

Comprimi
Ancora nessun annuncio.

Burger King: “Ordinate da McDonald’s”. Che sta succedendo?

Comprimi
X
Comprimi
 
  • Filtro
  • Ora
  • Visualizza
Elimina tutto
nuovi messaggi

  • Font Size
    #1

    Burger King: “Ordinate da McDonald’s”. Che sta succedendo?

    Quel demonio del marketing. Quella viziosa puttana nella pubblicità (Séguéla, è lui che ha detto qualcosa di simile: “Non dite a mia madre che faccio il pubblicitario… Lei mi crede pianista in un bordello“). Senso (e luogo) comune: il marketing e la pubblicità non hanno altro scopo se non vendere, migliorare l’immagine di prodotti e servizi, far affezionare i consumatori. E mica è sbagliato. Gli scopi sono anche questi.
    Poi c’è il caso in cui il marketing mette insieme guizzo creativo e solidarietà. Burger King, parliamo della catena di fast food. “Ordinate da McDonald’s. Non avremmo mai pensato di chiedervelo. Come non pensavamo mai che vi avremmo incoraggiato a ordinare da KFC, Subway, Domino’s Pizza, Pizza Hut, Five Guys, Greggs, Taco Bell, Papa John’s, Leon, o un altro food store, il cui elenco è troppo lungo da riportare qui“. Così scrive sui social la catena di fast food.

    Che sta succedendo?“, per citare un memorabile siparietto sanremese che quasi tutti ricordano. Succede che in Gran Bretagna (come in Italia) c’è la seconda ondata di coronavirus e i conseguenti semi-lockdown. Ecco che allora la catena dice chiaro e forte: “I ristoranti che danno un’occupazione a migliaia di lavoratori hanno bisogno del vostro supporto”. E ci mette un invito (un pay-off) che è “scatto matto”: “Un Whopper è sempre la cosa migliore, ma anche ordinare un Big Mac non è così male“. Zan zan.

    L’obiettivo è nobile e altamente condivisibile: il settore della ristorazione è piegato, in Gran Bretagna come in Italia. Ma c’è da scommettere che l’invito di Burger King avrà un riscontro positivo sull’immagine di marca del fast food: buoni (in senso lato, e forse pure stretto, se si è appassionati di hamburger), ironici e pronti a fare qualcosa per il bene di un settore, quindi di tanta gente. La pubblicità è una puttana, di buon cuore.

    notizia da: ilfattoquotidiano.it

  • Font Size
    #2
    L'idea ci sta... Non fosse che sono colossi da centinaia di migliaia di dollari e non credo siano così spaventati dalla crisi coronavirus...

    Inviato dal mio MAR-LX1B utilizzando Tapatalk

    Commenta


    • Font Size
      #3
      Originariamente inviato da Semiramide Visualizza il messaggio
      Quel demonio del marketing. Quella viziosa puttana nella pubblicità (Séguéla, è lui che ha detto qualcosa di simile: “Non dite a mia madre che faccio il pubblicitario… Lei mi crede pianista in un bordello“). Senso (e luogo) comune: il marketing e la pubblicità non hanno altro scopo se non vendere, migliorare l’immagine di prodotti e servizi, far affezionare i consumatori. E mica è sbagliato. Gli scopi sono anche questi.
      Poi c’è il caso in cui il marketing mette insieme guizzo creativo e solidarietà. Burger King, parliamo della catena di fast food. “Ordinate da McDonald’s. Non avremmo mai pensato di chiedervelo. Come non pensavamo mai che vi avremmo incoraggiato a ordinare da KFC, Subway, Domino’s Pizza, Pizza Hut, Five Guys, Greggs, Taco Bell, Papa John’s, Leon, o un altro food store, il cui elenco è troppo lungo da riportare qui“. Così scrive sui social la catena di fast food.

      Che sta succedendo?“, per citare un memorabile siparietto sanremese che quasi tutti ricordano. Succede che in Gran Bretagna (come in Italia) c’è la seconda ondata di coronavirus e i conseguenti semi-lockdown. Ecco che allora la catena dice chiaro e forte: “I ristoranti che danno un’occupazione a migliaia di lavoratori hanno bisogno del vostro supporto”. E ci mette un invito (un pay-off) che è “scatto matto”: “Un Whopper è sempre la cosa migliore, ma anche ordinare un Big Mac non è così male“. Zan zan.

      L’obiettivo è nobile e altamente condivisibile: il settore della ristorazione è piegato, in Gran Bretagna come in Italia. Ma c’è da scommettere che l’invito di Burger King avrà un riscontro positivo sull’immagine di marca del fast food: buoni (in senso lato, e forse pure stretto, se si è appassionati di hamburger), ironici e pronti a fare qualcosa per il bene di un settore, quindi di tanta gente. La pubblicità è una puttana, di buon cuore.

      notizia da: ilfattoquotidiano.it
      A me onestamente questo buonismo da un leggero fastidio.... ma figurati se questi pensano al bene di qualcuno se non a quello del proprio portafoglio....

      Commenta


      • Font Size
        #4
        Attendo il discorso di ringraziamento di McDonald's

        Commenta

        X
        Sto operando...
        X