Announcement

Collapse
No announcement yet.

L'analisi: Vinales, la sua Yamaha l'unica con pinze Brembo 2019 senza "caloriferi"

Collapse
X
Collapse
 
  • Filter
  • Time
  • Show
Clear All
new posts

  • L'analisi: Vinales, la sua Yamaha l'unica con pinze Brembo 2019 senza "caloriferi"

    Maverick, con un gesto di grande coraggio, si scaraventato giù dalla sua Yamaha quando ha capito di essete senza freni a oltre 300 km/h alla staccata di Curva 1. Ma lo spagnolo era l'unico pilota della Casa di Iwata che ha deciso di partire con le pinze 2019, vale a dire quelle senza i "caloriferi" pensate proprio per migliorare lo scambio termico. Sarà difficile stabilire con certezza cosa è successo perché l'anteriore della M1 si è disintegrato.

    Cosa si è rotto sulla Yamaha di Maverick Vinales da costringerlo a lasciarsi cadere dalla M1 in piena velocità per evitare di schiantarsi contro le protezioni della Curva 1?

    Trovare tutte le risposte non sarà facile, dal momento che la moto dello spagnolo si è praticamente demolita nel frontale a circa 200 km/h nelle barriere all’esterno della prima curva.

    Maverick Vinales si è catapultato giù dalla sua moto non appena si è reso conto di essere completamente senza freni. E bene ha fatto a gettarsi sull’asfalto quando tirando la leva non ha sentito alcun rallentamento in staccata.

    “E' stato istintivo lanciarmi giù dalla moto – ha spiegato Vinales - nel momento in cui ho capito che ero totalmente senza freni. Non avrei potuto fare altro".

    Montavi le pinze 2019 o 2020?
    "Le stesse della scorsa settimana quando faceva molto più caldo ma non abbiamo avuto alcun problema di freni".
    Lo spagnolo non ha voluto dire di più, lasciando intendere che l’impianto era lo stesso del GP d’Austria che si è corso in condizioni meteo certamente più estreme con una temperatura superiore di 11 gradi nell’aria. Domenica scorsa c’era il sole, mentre oggi il cielo era coperto, per cui le condizioni erano meno severe.

    Stando alle informazioni raccolte da Motorsport.com la Yamaha n. 12 era l’unica ad essersi schierata con le pinze Brembo del 2019, mentre gli altri tre piloti supportati dalla Casa di Iwata hanno utilizzato la versione 2020, vale a dire quella dotata dei “caloriferi”, delle alette che permettono una maggiore dispersione del calore e un più efficace scambio termico, rispetto alla pinza dello scorso anno che questa importante modifica non l’aveva.

    Evidentemente è stata una scelta che la squadra ha fatto con Maverick, forse dopo aver valutato che faceva molto meno caldo rispetto a domenica scorsa, ma si è trattato di una decisione che andata in antitesi con quella di Valentino Rossi, Fabio Quartarao e Franco Morbidelli.

    Ricordiamo che il disco in carbonio comincia a lavorare quando la temperatura arriva ad almeno a 200 gradi e poi funziona in un range fra i 600 e gli 800 gradi. Perché si possa essere rotta una pastiglia che sarebbe volata via dalla pinza, come ha detto Vinales, si deve essere registrato un surriscaldamento tale dell’impianto che ha portato alla cottura del materiale d’attrito.

    Un grave errore di valutazione da parte del team factory Yamaha che difficilmente potrà arrivare a stabilire con precisione cosa è successo sulla M1 di Vinales, visto che il relitto tornato ai box della moto si è praticamente disintegrato nel frontale contro le barriere.

    Motivata la protesta di Alex Rins che ha contestato a Maverick il fatto di non essersi ritirato: “Era da diversi giri che aveva problemi ai freni: ha anche rallentato alzando il braccio. Ma se quello che è successo accadeva con un avversario davanti alla sua moto, cosa sarebbe potuto succedere?”.

    La contestazione del pilota Suzuki è quanto mai centrata. L’atto di coraggio di Vinales non cancella il fatto che avrebbe potuto rientrare ai box ed evitarsi quel brutto spavento che non sarà facile da cancellare dalla mente.


    notizia da: it.motorsport.com di Franco Nugnes




  • #2
    in effetti anche rins non dice male..... se hai prooblemi..... vabbè che sei in gara e fai il MONDIALE ma...

    Comment


    • #3
      l'anno scorso Yamaha e tutti gli altri (c'è praticamente il monopolio Brembo) non hanno avuto questo problema, quindi credo che il problema vada cercato altrove
      No signor agente, non stavo correndo è che la moto romba:gaen:

      Comment


      • #4
        ma anche a pirro non capitò una cosa simile l'anno scorso? però furonon le pastiglie troppo aperte nella pinza con corsa a vuoto? non problemi da diversi giri...
        secondo me cedimento meccanico di qualche componente...ovviamente ipotesi da tastiera...

        comunque yamaha mi sembra in una crisi tecnica MOLTO grossa... cosa che non c'enta con questo incidente ovviamente

        Comment


        • #5
          Originally posted by wally73 View Post
          ma anche a pirro non capitò una cosa simile l'anno scorso? però furonon le pastiglie troppo aperte nella pinza con corsa a vuoto? non problemi da diversi giri...
          secondo me cedimento meccanico di qualche componente...ovviamente ipotesi da tastiera...

          comunque yamaha mi sembra in una crisi tecnica MOLTO grossa... cosa che non c'enta con questo incidente ovviamente
          Dalle informazioni che abbiamo letto ti direi che sono due eventi diversi.. Pirro ebbe un problema di allargamento pastiglie con relativa corsa a vuoto alla prima pinzata, per poi cappottarsi alla seconda.

          Qui pare che si tratti di surriscaldamento dell'olio freni che, andando in ebollizione, non garantisce più le proprietà tali da agire sulle pinze. In alternativa mi sembra di aver letto della possibilità che avesse finito le pastiglie (con relativo rischio che una o più fossero addirittura saltate fuori).

          Sinceramente quest'ultima ipotesi mi sembrava un po' più campata per aria.. mi sembra di aver capito che la tesi più accreditata sia quella del surriscaldamento dell'olio. Infatti Vinales ha avuto problemi dapprima minori e poi in crescendo, comportamento non proprio compatibile con l'allargamento delle pastiglie. Infine nel box aveva mimato con le dita di aver pinzato più e più volte.. Pirro alla seconda pinzata si cappottò.

          Comment


          • #6
            Originally posted by il_muska View Post

            Dalle informazioni che abbiamo letto ti direi che sono due eventi diversi.. Pirro ebbe un problema di allargamento pastiglie con relativa corsa a vuoto alla prima pinzata, per poi cappottarsi alla seconda.

            Qui pare che si tratti di surriscaldamento dell'olio freni che, andando in ebollizione, non garantisce più le proprietà tali da agire sulle pinze. In alternativa mi sembra di aver letto della possibilità che avesse finito le pastiglie (con relativo rischio che una o più fossero addirittura saltate fuori).

            Sinceramente quest'ultima ipotesi mi sembrava un po' più campata per aria.. mi sembra di aver capito che la tesi più accreditata sia quella del surriscaldamento dell'olio. Infatti Vinales ha avuto problemi dapprima minori e poi in crescendo, comportamento non proprio compatibile con l'allargamento delle pastiglie. Infine nel box aveva mimato con le dita di aver pinzato più e più volte.. Pirro alla seconda pinzata si cappottò.
            Mi pare di aver letto un intervista ad Alex Marquez che era dietro vinales e dice di aver visto vinales perdere un pezzo dalla moto, magari la fuoriuscita delle pastiglie potrebbe non essere poi cosi campata in aria..

            Comment


            • #7
              Originally posted by JB hsm View Post

              Mi pare di aver letto un intervista ad Alex Marquez che era dietro vinales e dice di aver visto vinales perdere un pezzo dalla moto, magari la fuoriuscita delle pastiglie potrebbe non essere poi cosi campata in aria..
              Ah ecco dove l'avevo sentita.. grazie mille..

              Comunque anche così direi dinamica diversa da Pirro.

              Comment


              • #8
                Per me il problema era nei tubi...........olio non credo ......dilatazione dei tubi ......perche lui riusciva a frenare i giri prima non è che stava senza freni.... poi man man con il passare dei giri
                la pressione idraulica non c'era piu a sufficienza se è aumentata la sezione dei tubi l'olio non è piu in quantita sufficiente a garantire la pressione idraulica sulla pinza

                Comment


                • #9
                  Problema uguale avuto da quartararo da 2 weekend..direi che è più colpa della motomigliore del mondo

                  Comment


                  • #10
                    Finito adesso di ascoltare dopogp... pare sia confermato che abbia perso una o più pastiglie per consumo eccessivo (dato dal surriscaldamento forse).

                    Bernardelle diceva che gli impianti in carbonio MotoGP non hanno i perni di sicurezza delle pastiglie. Per cui se lo spessore cumulativo pastiglie+dischi scende sotto ad un certo valore le pastiglie possono saltare fuori
                    Last edited by il_muska; 24-08-20, 22:55.

                    Comment


                    • #11
                      Bella cagata, anche alcuni impianti stradali non usano perni ma le pastiglie devono avere uno spessore minimo anche quando il materiale di attrito finisce, per scongiurare il problema. Ok polli ... Ma proprio in questo modo?

                      Inviato dal mio Redmi Note 8 Pro utilizzando Tapatalk

                      Comment


                      • #12
                        Originally posted by il_muska View Post
                        Finito adesso di ascoltare dopogp... pare sia confermato che abbia perso una o più pastiglie per consumo eccessivo (dato dal surriscaldamento forse).

                        Bernardelle diceva che gli impianti in carbonio MotoGP non hanno i perni di sicurezza delle pastiglie. Per cui se lo spessore cumulativo pastiglie+dischi scende sotto ad un certo valore le pastiglie possono saltare fuori
                        Cazzate Dovete capire che Ormai le case Automobilistiche e motociclistiche si servono di altre mille ditte per i componenti piu disparati di motore ecc. E che non possono testare tutto casomai quel componente funziona bene su un motore di una casa x ma non bene su quello della casa y e questo vale anche per altri parti della moto o dell'auto,,,,,,Per questo esistono e si fanno i Test
                        Ma nessun Test è come una gara Vera,,,,,,,Quindi di conseguenza è in gara che si hanno le condizioni peggiori....e usare una moto al suo massimo due volte in 7GG è un fattore di forte stress per i materiali

                        Comment


                        • #13
                          Originally posted by DevilR1 View Post
                          Cazzate Dovete capire che Ormai le case Automobilistiche e motociclistiche si servono di altre mille ditte per i componenti piu disparati di motore ecc. E che non possono testare tutto casomai quel componente funziona bene su un motore di una casa x ma non bene su quello della casa y e questo vale anche per altri parti della moto o dell'auto,,,,,,Per questo esistono e si fanno i Test
                          Ma nessun Test è come una gara Vera,,,,,,,Quindi di conseguenza è in gara che si hanno le condizioni peggiori....e usare una moto al suo massimo due volte in 7GG è un fattore di forte stress per i materiali
                          Io mi riferivo a ciò che ha causato la frenata a vuoto.. che poi abbia perso le pastiglie o surriscaldato l'impianto perché i componenti non erano di qualità questo non lo so.

                          Credo che Bernardelle conosca quelle componenti avendoci lavorato per cui mi fido della dinamica dell'incidente. Poi ripeto, che la causa di questo livello di consumo tale da perdere le pastiglie sia nella qualità dei componenti e non in mille seghe mentali chiaramente non lo possiamo sapere.

                          Cadalora suggeriva inoltre che il meccanismo di rilascio della sospensione posteriore in frenata (quello introdotto da ducati per intenderci) la farebbe tornare su troppo violentemente con un trasferimento di carico maggiore rispetto al solito che - come conseguenza - avrebbe una sollecitazione maggiore dei freni. Lo diceva avendo osservato Quartararo.

                          Comment


                          • #14
                            In ogni caso se monto un impianto 2019 deve frenare magari meno, magari peggio, ma deve frenare, altrimenti lo scorso hanno han rischiato tutti?

                            Comment


                            • #15
                              Originally posted by kuorenero View Post
                              In ogni caso se monto un impianto 2019 deve frenare magari meno, magari peggio, ma deve frenare, altrimenti lo scorso hanno han rischiato tutti?
                              Come diceva Zamagni a dopogp se Brembo non era sicura del funzionamento doveva imporsi per far usare l'impianto più moderno.

                              Comment

                              Working...
                              X