Announcement

Collapse
No announcement yet.

Announcement

Collapse
No announcement yet.

Lorenzo sul 2015: “Ad Assen Marquez ha deciso che Rossi non avrebbe vinto”

Collapse
X
Collapse
 
  • Filter
  • Time
  • Show
Clear All
new posts

  • Font Size
    #76
    OK, Lorenzo dopo 6 anni dice la sua.
    Il paddock tutto, composto da addetti ai lavori che di mondiali ne aveva parecchi sulle spalle, aveva già ampiamente mostrato da che parte stesse alla fine della gara di Jerez 2015.
    Incredibile anche vedere Jarvis tutto il tempo nel box di Rossi insieme a tutti gli altri meccanici, mentre l'altro suo pilota nel box di fianco aveva appena vinto il Mondiale.
    Cosa altro c'è da scrivere?

    Comment


    • Font Size
      #77
      Originally posted by fili_speed View Post
      OK, Lorenzo dopo 6 anni dice la sua.
      Il paddock tutto, composto da addetti ai lavori che di mondiali ne aveva parecchi sulle spalle, aveva già ampiamente mostrato da che parte stesse alla fine della gara di Jerez 2015.
      Incredibile anche vedere Jarvis tutto il tempo nel box di Rossi insieme a tutti gli altri meccanici, mentre l'altro suo pilota nel box di fianco aveva appena vinto il Mondiale.
      Cosa altro c'è da scrivere?
      Valencia 😁

      Comment


      • Font Size
        #78
        Rossi sulle dichiarazioni di Lorenzo:

        https://mowmag.com/sport/valentino-r...-a-sportellate

        “Nei giorni scorsi ci siamo sentiti, l’ho invitato al Ranch e mi ha detto che proverà ad esserci, sono molto contento – ha raccontato il Dottore – Ho letto le sue ultime dichiarazioni su Assen e su quello che è successo nel 2015, Jorge è stato veramente un figo a raccontare come è andata, ma io purtroppo lo sapevo già perché c’ero e l’ho vissuto”.

        Comment


        • Font Size
          #79
          Originally posted by Beppoz View Post
          Rossi sulle dichiarazioni di Lorenzo:

          https://mowmag.com/sport/valentino-r...-a-sportellate

          “Nei giorni scorsi ci siamo sentiti, l’ho invitato al Ranch e mi ha detto che proverà ad esserci, sono molto contento – ha raccontato il Dottore – Ho letto le sue ultime dichiarazioni su Assen e su quello che è successo nel 2015, Jorge è stato veramente un figo a raccontare come è andata, ma io purtroppo lo sapevo già perché c’ero e l’ho vissuto”.
          Aggiungo il testo per renderlo più leggibile


          Valentino Rossi e Jorge Lorenzo se le sono promesse: tra pochi giorni faranno ancora a sportellate


          26 novembre 2021


          “Jorge Lorenzo è stato un figo, ma io sapevo già tutto” – Così Valentino Rossi ha commentato la confessione dell’ex compagno di squadra sul 2015, quando Marc Marquez decise dopo Assen che il Dottore non avrebbe dovuto vincere quel mondiale. Ma ormai è acqua passata e nel futuro prossimo, piuttosto, c’è una nuova sfida: la 100 km dei Campioni al Ranch di Tavullia

          Chi pensava che i duelli tra Valentino Rossi e Jorge Lorenzo in moto sarebbero rimasti solo spettacolari ricordi dovrà ricredersi. Perché i due ex compagni di squadra e rivali faranno ancora a sportellate tra pochissimi giorni, anche se sulla sabbia del Ranch piuttosto che tra i cordoli come ci avevano abituati. Ieri, infatti, Valentino Rossi ha confermato che Jorge Lorenzo è tra gli invitati per la 100Km dei Campioni, l’ormai tradizionale gara che Rossi e gli altri dell’Academy organizzano con piloti e vecchi amici subito dopo la fine della stagione mondiale. Questa volta, però, l’evento tavulliese sarà ancora più ricco del solito, perché sarà una sorta di partita d’addio. Quella che generalmente i calciatori fanno radunando gli avversari di una vita, gli amici, gli ex compagni e tutti i personaggi incrociati in carriera. Solo che di mezzo non ci sarà un pallone, ma la gloria del Ranch di Tavullia.

          Già nei giorni scorsi, Jorge Lorenzo aveva raccontato di essere stato invitato alla 100Km e ieri Valentino Rossi ha confermato che lo spagnolo gli ha fatto sapere che intende esserci. “Nei giorni scorsi ci siamo sentiti, l’ho invitato al Ranch e mi ha detto che proverà ad esserci, sono molto contento – ha raccontato il Dottore – Ho letto le sue ultime dichiarazioni su Assen e su quello che è successo nel 2015, Jorge è stato veramente un figo a raccontare come è andata, ma io purtroppo lo sapevo già perché c’ero e l’ho vissuto”. Una ferita ancora aperta e che, infortunio a parte, lascia spazio a una battuta: alla 100Km ci saranno gli avversari di una vita di Valentino Rossi, ma di sicuro uno non è stato invitato.

          Chi è si può facilmente immaginare. Mentre, se sono vere le chiacchiere che circolano a Tavullia, sembrerebbe che siano stati invitati, oltre a Jorge Lorenzo, anche Casey Stoner (anche se muoversi dall’Australia non sarà semplice), Max Biaggi, che però non ha ancora confermato la presenza, e Dani Pedrosa. L’appuntamento è per il primo fine settimana di dicembre e in quell’occasione ci saranno, oltre ai piloti dell’Academy, anche molti colleghi della MotoGP, della Moto2 e della Moto3. Una festa in grande stile, quindi. O, meglio, in stile Valentino Rossi: prima la sfida in moto, senza sconti anche se lo spirito è quello della rimpatriata, poi tutto il resto e l’immancabile baldoria!

          “Sarà bello – ha concluso Valentino Rossi – saremo molti e ci saranno un sacco di piloti, sia alcuni che hanno smesos, sia alcuni di quelli che corrono ancora tra MotoGP, Moto2 e Moto3. Poi, a gennaio, ci sarà la 12 Ore del Golfo e tra la fine di febbraio e marzo arriverà l’esperienza che, come mi dicono tutti, mi cambierà la vita: la nascita di nostra figlia. Nel frattempo deciderò anche le ultime cose circa il mio futuro da pilota di auto. O la 24 Ore di Le Mans o quella di Spa, con delle macchine GT, però si tratta di capire con quale squadra. Stiamo parlando anche con la Ferrari, sarebbe bello, sarebbe un sogno, sarebbe fighissimo”

          Fonte: mow.com
          Last edited by MAX_rr; 26-11-21, 18:28.

          Comment


          • Font Size
            #80
            https://www.facebook.com/58201805768...0486104475769/

            Comment


            • Font Size
              #81
              Concordo…chissà come sarebbe andata senza conferenza stampa, viene da chiedersi…


              Originally posted by Andy96 View Post

              "Eh ma ha superato Lorenzo e e gli ha tolto 5 punti".
              Verissimo, ma VR in Australia aveva un passo superiore a JLo e gli è arrivato dietro. Quello è un tocco di classe.

              Prova a riguardarla quando vuoi.

              Comment


              • Font Size
                #82
                Originally posted by Beppoz View Post
                Concordo…chissà come sarebbe andata senza conferenza stampa, viene da chiedersi…



                Beh, più o meno ha fatto uguale a Sepang. Va lungo lasciando sfilare JLo, e poi fa quel mega battaglione, che avrebbe potuto anche rendere moooolto meno scenografico.
                Rossi ne aveva meno, sarebbe bastato stargli a culo tutto la gara e dargli fastidio con qualche entratina e poi comunque arrivargli davanti al traguardo.
                A Valencia poi VR non è mai stato forte, e jlo sì. Quindi mi sa che sarebbe cambiato poco.

                Ma a Philip Island appunto, dove ne aveva di più, è riuscito a farlo arrivare dietro.

                Queste cose puoi fare quando sei un vero mago e oltre al controllo della tua gara, hai anche quello sugli avversari.

                Nel 2003, sempre in Australia, col ritmo che aveva vr, avrebbe potuto anche lui fare quello che voleva con gli altri piloti.😅

                Comment


                • Font Size
                  #83
                  tranquilli ... il karma, o la giustizia divina se volete, sta facendo il suo dovere con MM ...
                  Lorenzo sta facendo la sua parte per meritarsi, almeno a posteriori, quel titolo 2015 arrivato un pò ... diciamo un pò così

                  Comment


                  • Font Size
                    #84
                    Il Karma ha fatto il suo dovere anche con Rossi.

                    Nel 2015!
                    Va detto che anche dopo ci si è accanito parecchio...

                    Comment


                    • Font Size
                      #85
                      Il Karma non c'entra un ghezzo. E' che come al solito molti non vogliono capire che i titoli in pista non si vincono solo se sei veloce. Gente come Agostini, Rossi e Marquez hanno qualcosa di più rispetto agli altri. E per me è infantile sputargli addosso cercando di sminuirli come piloti. Sono i mligiori di sempre, c'è poco da dire e poco da fare. Che poi qualcuno di loro, come lo spagnolo, sia anche un enorme e viscido antisportivo non cambia che come pilota sia tra i migliori di tutti i tempi. Per il momento, ancora un gradino sotto l'italiano che odia. Ma la carriera ancora non è finita. Vedremo alla fine.

                      Comment


                      • Font Size
                        #86
                        Originally posted by mike1964 View Post
                        Il Karma non c'entra un ghezzo. E' che come al solito molti non vogliono capire che i titoli in pista non si vincono solo se sei veloce. Gente come Agostini, Rossi e Marquez hanno qualcosa di più rispetto agli altri. E per me è infantile sputargli addosso cercando di sminuirli come piloti. Sono i mligiori di sempre, c'è poco da dire e poco da fare. Che poi qualcuno di loro, come lo spagnolo, sia anche un enorme e viscido antisportivo non cambia che come pilota sia tra i migliori di tutti i tempi. Per il momento, ancora un gradino sotto l'italiano che odia. Ma la carriera ancora non è finita. Vedremo alla fine.
                        Marc sarà un gran viscido, ma anche Rossi ha fatto le sue belle porcate

                        Comment


                        • Font Size
                          #87
                          verosimile e se Rossi si fosse lamentato a posteriori avrebbe fatto la figura di uno che non accetta la sconfitta

                          Originally posted by Andy96 View Post

                          Beh, più o meno ha fatto uguale a Sepang. Va lungo lasciando sfilare JLo, e poi fa quel mega battaglione, che avrebbe potuto anche rendere moooolto meno scenografico.
                          Rossi ne aveva meno, sarebbe bastato stargli a culo tutto la gara e dargli fastidio con qualche entratina e poi comunque arrivargli davanti al traguardo.
                          A Valencia poi VR non è mai stato forte, e jlo sì. Quindi mi sa che sarebbe cambiato poco.

                          Ma a Philip Island appunto, dove ne aveva di più, è riuscito a farlo arrivare dietro.

                          Queste cose puoi fare quando sei un vero mago e oltre al controllo della tua gara, hai anche quello sugli avversari.

                          Nel 2003, sempre in Australia, col ritmo che aveva vr, avrebbe potuto anche lui fare quello che voleva con gli altri piloti.😅

                          Comment


                          • Font Size
                            #88
                            Originally posted by mike1964 View Post
                            Il Karma non c'entra un ghezzo. E' che come al solito molti non vogliono capire che i titoli in pista non si vincono solo se sei veloce. Gente come Agostini, Rossi e Marquez hanno qualcosa di più rispetto agli altri. E per me è infantile sputargli addosso cercando di sminuirli come piloti. Sono i mligiori di sempre, c'è poco da dire e poco da fare. Che poi qualcuno di loro, come lo spagnolo, sia anche un enorme e viscido antisportivo non cambia che come pilota sia tra i migliori di tutti i tempi. Per il momento, ancora un gradino sotto l'italiano che odia. Ma la carriera ancora non è finita. Vedremo alla fine.
                            André (gilles qui sul forum) riteneva, e mi trova d'accordo, Valentino Rossi il pilota piú importante della storia del motociclismo.
                            E lo considerava, di fatto, il miglior pilota, pound for pound, che avesse mai appoggiato il proprio fondoschiena sul sellino di un ciclo dotato di motore endotermico.
                            Un talento simile fuso a quel fuoco sacro, ad una passione cristallina, e dotato allo stesso tempo di quel processore al posto del cervello, perfetto per le corse, non si era mai visto e non si vedrà mai piú, credo.
                            Papà, che li aveva visti praticamente tutti, riteneva Hailwood la cosa piú vicina a Rossi sotto questo profilo.
                            ​​​​​​QUando parlava di calcio in famiglia, riferendisi ai grandissimi, diceva na cosa simile:
                            'Nasceranno certamente calciatori fortissimi, ma non ci saranno mai piú i presupposti sociali, quel 'romanticismo', gli ideali 'politici' che hanno incastonato Maradona, con quel suo sciamanismo, nel Napoli e nell'Argentina, facendo diventare patrimonio universale: di fatto la stella piú luminosa che il calcio abbia mai partorito. Colui che piú di tutti ha polarizzato l'immaginario collettivo. Con buona pace di Pelé e Di Stefano'.
                            ​​​​​​
                            ​​Allo stesso modo ritengo che non nasceranno mai piú altri Valentino Rossi. Anche per la parabola che il motociclismo sta prendendo e per molti altri fattori sociali.
                            Tutti, a parer mio, per quanto forti, apparirano ad un volume piú basso.
                            Con buona pace di Agostini e Marquez, e di tutti gli altri grandissimi che sono già passati o passeranno.
                            E credo con questo mio di interpretare i pensieri di André.





                            Comment


                            • Font Size
                              #89
                              Originally posted by gilles1977 View Post

                              André (gilles qui sul forum) riteneva, e mi trova d'accordo, Valentino Rossi il pilota piú importante della storia del motociclismo.
                              E lo considerava, di fatto, il miglior pilota, pound for pound, che avesse mai appoggiato il proprio fondoschiena sul sellino di un ciclo dotato di motore endotermico.
                              Un talento simile fuso a quel fuoco sacro, ad una passione cristallina, e dotato allo stesso tempo di quel processore al posto del cervello, perfetto per le corse, non si era mai visto e non si vedrà mai piú, credo.
                              Papà, che li aveva visti praticamente tutti, riteneva Hailwood la cosa piú vicina a Rossi sotto questo profilo.
                              ​​​​​​QUando parlava di calcio in famiglia, riferendisi ai grandissimi, diceva na cosa simile:
                              'Nasceranno certamente calciatori fortissimi, ma non ci saranno mai piú i presupposti sociali, quel 'romanticismo', gli ideali 'politici' che hanno incastonato Maradona, con quel suo sciamanismo, nel Napoli e nell'Argentina, facendo diventare patrimonio universale: di fatto la stella piú luminosa che il calcio abbia mai partorito. Colui che piú di tutti ha polarizzato l'immaginario collettivo. Con buona pace di Pelé e Di Stefano'.
                              ​​​​​​
                              ​​Allo stesso modo ritengo che non nasceranno mai piú altri Valentino Rossi. Anche per la parabola che il motociclismo sta prendendo e per molti altri fattori sociali.
                              Tutti, a parer mio, per quanto forti, apparirano ad un volume piú basso.
                              Con buona pace di Agostini e Marquez, e di tutti gli altri grandissimi che sono già passati o passeranno.
                              E credo con questo mio di interpretare i pensieri di André.




                              Accidenti, quando ho visto l'avatar di Gilles mi stava venendo un colpo... Tuo padre e io non la pensavamo in maniera tanto diversa... Quando vengo sul forum un pensiero per lui ce l'ho sempre. E riguardo a Maradona... ci ho pure cantato una canzone... Se ti va, ascoltala (PS: chiedo scusa per l'OT):

                              Last edited by mike1964; 27-11-21, 17:00.

                              Comment


                              • Font Size
                                #90
                                Originally posted by gilles1977 View Post

                                André (gilles qui sul forum) riteneva, e mi trova d'accordo, Valentino Rossi il pilota piú importante della storia del motociclismo.
                                E lo considerava, di fatto, il miglior pilota, pound for pound, che avesse mai appoggiato il proprio fondoschiena sul sellino di un ciclo dotato di motore endotermico.
                                Un talento simile fuso a quel fuoco sacro, ad una passione cristallina, e dotato allo stesso tempo di quel processore al posto del cervello, perfetto per le corse, non si era mai visto e non si vedrà mai piú, credo.
                                Papà, che li aveva visti praticamente tutti, riteneva Hailwood la cosa piú vicina a Rossi sotto questo profilo.
                                ​​​​​​QUando parlava di calcio in famiglia, riferendisi ai grandissimi, diceva na cosa simile:
                                'Nasceranno certamente calciatori fortissimi, ma non ci saranno mai piú i presupposti sociali, quel 'romanticismo', gli ideali 'politici' che hanno incastonato Maradona, con quel suo sciamanismo, nel Napoli e nell'Argentina, facendo diventare patrimonio universale: di fatto la stella piú luminosa che il calcio abbia mai partorito. Colui che piú di tutti ha polarizzato l'immaginario collettivo. Con buona pace di Pelé e Di Stefano'.
                                ​​​​​​
                                ​​Allo stesso modo ritengo che non nasceranno mai piú altri Valentino Rossi. Anche per la parabola che il motociclismo sta prendendo e per molti altri fattori sociali.
                                Tutti, a parer mio, per quanto forti, apparirano ad un volume piú basso.
                                Con buona pace di Agostini e Marquez, e di tutti gli altri grandissimi che sono già passati o passeranno.
                                E credo con questo mio di interpretare i pensieri di André.
                                Che bello constatare ancora una volta che i proverbi sono la saggezza dei popoli.

                                "Una mela non cade mai lontano dall'albero"

                                Leggendo la stesura del testo mi sembrava di leggere il grande Gilles.

                                Buona serata, grazie per il Flash Back

                                Comment

                                X
                                Working...
                                X