Announcement

Collapse
No announcement yet.

Il Tourist Trophy ed i suoi morti: hanno ancora senso, le road race?

Collapse
X
Collapse
  • Filter
  • Time
  • Show
Clear All
new posts

  • #16
    Originally posted by Torakiky View Post
    750 morti su quanti partecipanti? Quanti km percorsi? Se vogliamo fare statistiche, facciamole bene...
    si hai perfettamente ragione, bisogna capire quanti partecipanti, peró il numero rimane impressionante (si parla di solo territorio Svizzero)...indicano genericamente trekking, quindi non penso fossero tutti freeclimber...magari gente che aveva fatto una semplice scampagnata e per un piede messo male ha fatto una brutta fine, quindi senza la consapevolezza che stava facendo qualcosa di pericoloso (cosa che invece il biker del TT ha)

    Comment


    • #17
      Originally posted by smanettone75 View Post
      In tutta onestà ultimamente mi era balenata l'idea di cambiare nikname perché mi sono stufato di fare il somaro x strada,ogni volta che esco anche su strade che conosco bene vedo sempre più pericoli che prima non vedevo. ...pensa che domenica non esco con gli amici x strada,mi preparo x una pistata il sabato successivo. ..
      scusate se off topic...
      vabè ma che c'entra... ci sono pure gli smanettoni da cordolo...

      OT per OT :
      Notizia di qualche minuto fa...
      Dal sito ROADRACING CORE
      Bandiera rossa durante il secondo giro della Senior Race a causa dell'incidente di Ian Hutchinson al 27mo miglio.
      Il Team Tyco ha annunciato che Ian è stato portato al Nobles Hospital, cosciente.
      I meccanici intanto hanno abbandonato la pit lane in attesa di notizie sulla ripartenza della gara.
      Last edited by Jeanne; 09-06-17, 17:20.
      "Il saggio non sa niente, l'intelligente sa poco, l'ignorante sa tanto, il 'mona' sa tutto"
      (Proverbio Veneto)

      Comment


      • #18
        Originally posted by domichan80 View Post
        Ho avuto una discussione simile su fb con un ragazzo che sostanzialmente diceva che viene fatta solo per soldi (che porta all'isola di mann e ai piloti) e che questi piloti corrono li perché non sono buoni per correre altrove...dai vari documentari che ho visto la maggior parte di questi piloti non gira in Porsche, non lo fa per soldi tant'è che spesso aggiustano camion nel tempo libero e se volessero correre in Bsb potrebbero farlo tranquillamente ma semplicemente a loro la pista non interessa e non piace...si sentono vivi solo quando corrono rischiando di morire

        Inviato dal mio SM-N910F utilizzando Tapatalk
        se c'è un giro di soldi, non certo è per i piloti, almeno escludendo i primi
        i premi ci sono per i primi e non sono manco da capogiro, il primo se non sbaglio prende sui 30 mila
        diciamo che un top rider delle road races britannico...ci campa starà sui 70 mila tutto compreso

        ma tutti gli altri piloti ovvero tutti senza i quali non esisterebbe la gara pagano per stare li e pagano tanto sotto molti punti di vista in primis economico

        perché

        per accedere al manx devi fare un certo numero di gare nello stesso anno, quindi considera un 10 mila euro solo di gare, poi mettici le spese logistiche, quelle di motori e gomme e tutto, un giro al tt sono 66 km e se ne fanno moltissimi di km tra gare e prove, tutto questo senza moto
        per la moto serve una moto recente max 2 anni
        se al manx vai discretamente poi accedi al TT vero e proprio

        quindi chiunque voglia fare il TT vero non deve mettere in conto solo il rischio di morire ma anche una barca di soldi, soprattutto se non è nato e vive negli UK

        i soldi servono anche per fare il civs italiano

        un pilota di road races sa che dovrà fare molti sacrifici, di solito dorme per strada dentro al furgone i più fortunati in camper, va in bagni improvvisati, spesso viene trattato anche dimmerda dagli organizzatori stessi, e per fare tutto questo spende soldi e toglie molto tempo alla famiglia

        per quanto esposto dire che i piloti di rr corrono per soldi è la più grande stronzata che io abbia mai sentito

        per il discorso piloti buoni o non buoni anche in pista
        discorso lungo e ormai sciocco

        Polita in pista ha vinto parecchio è stato campione stock 1000 al TT era molto indietro a Bonetti ma tanto indietro e Bonetti in pista non vince manco una rehm

        e di esempi cosi' ne avrei tanti

        qualche anno fa un ragazzo che aveva corso in pista benino anche nel civ, uno da 42 a Vallelunga col 600 (anche utente ddg) venne a fare qualche gara del civs con me
        in tutte le gare sono stato davanti di poco o dietro di qualche decimo


        sport diversi

        se è vero che tutti gli rr in pista non vanno è vero anche che quasi tutti i piloti di pista non vanno nelle rr

        p.s. i tre morti fino ad ora quest'anno nel TT rientravano fra quei piloti che erano li con moltissimi sacrifici eppure lo hanno voluto con tutto loro stessi, c'è poco da spiegare

        "Those who risk nothing do nothing, become nothing, achieve nothing"

        Comment


        • #19
          Originally posted by Jeanne View Post
          vabè ma che c'entra... ci sono pure gli smanettoni da cordolo...

          OT per OT :
          Notizia di qualche minuto fa...
          Dal sito ROADRACING CORE
          ***** Ian nooooo!!!!
          Speriamo niente di grave

          Inviato dal mio SM-N910F utilizzando Tapatalk

          Comment


          • #20
            ogni anno eccoci qua , sempre con le stesse domande.....
            ma non sta' a noi farle ma ai piloti che accettano questa sfida terribile eccitante mistica...e il prossima anno saro' lo stesso e cosi' quello dopo e quell'altro dopo ancora....il Tt rimane li i tempi cambiano i miti invecchiano il TT rimane li come il Tibet per lo sciamano la montagna mistica, IL MASSIMO LIVELLO DI PUREZZA, con tutto il senso della vita non e' una corsa ragazzi e' il TT!!,

            Comment


            • #21
              Originally posted by livelegend View Post
              le road races sono un mondo a parte che ha poco a che fare con il motociclismo
              pochi lo conoscono ancora meno lo capiscono
              ma è giusto cosi'
              Non c'è nulla da aggiungere.

              Comment


              • #22
                Originally posted by kaciaro View Post
                ogni anno eccoci qua , sempre con le stesse domande.....
                ma non sta' a noi farle ma ai piloti che accettano questa sfida terribile eccitante mistica...e il prossima anno saro' lo stesso e cosi' quello dopo e quell'altro dopo ancora....il Tt rimane li i tempi cambiano i miti invecchiano il TT rimane li come il Tibet per lo sciamano la montagna mistica, IL MASSIMO LIVELLO DI PUREZZA, con tutto il senso della vita non e' una corsa ragazzi e' il TT!!,
                straQuoto

                Le rr, nw, l'ulster gp,, Macao, etc sono un simbolo motociclistico di abnegazione, purezza, follia, coraggio e sacrificio, il TT ne è il Nirvana

                Comment


                • #23
                  Il TT è una corsa a se...per me ha senso di esistere..anzi non è UNA corsa, è LA corsa.

                  Inviato dal mio LG-H955 utilizzando Tapatalk

                  Comment


                  • #24
                    Il TT l'ho visto di persona nel 2009. Ridurre l'evento ad una semplice corsa in moto è riduttivo. Bisogna essere là e respirare a pieni polmoni l'aria salmastra di un isola fuori dal tempo, ma non solo per le moto, per tutto.
                    Si respira mitologia celtica in ogni angolo, bisogna viverla, come bisogna vivere tutti gli eventi di contorno alla manifestazione. Entri in un culto, dal primo minuto dopo aver messo le ruote della tua moto giù dal traghetto, fino a quando vedi l'isola scomparire all'orizzonte sul traghetto di ritorno.
                    Il libro di Donnini "TT La Corsa Proibita" è caldamente consigliato a tutti, lenisce tutti i mali dello spirito del motociclista.

                    Comment


                    • #25
                      Originally posted by Zago View Post
                      Il TT l'ho visto di persona nel 2009. Ridurre l'evento ad una semplice corsa in moto è riduttivo. Bisogna essere là e respirare a pieni polmoni l'aria salmastra di un isola fuori dal tempo, ma non solo per le moto, per tutto.
                      Si respira mitologia celtica in ogni angolo, bisogna viverla, come bisogna vivere tutti gli eventi di contorno alla manifestazione. Entri in un culto, dal primo minuto dopo aver messo le ruote della tua moto giù dal traghetto, fino a quando vedi l'isola scomparire all'orizzonte sul traghetto di ritorno.
                      Il libro di Donnini "TT La Corsa Proibita" è caldamente consigliato a tutti, lenisce tutti i mali dello spirito del motociclista.
                      Grazie per la lettura consigliata, cercherò di procurarmelo [emoji106]

                      Comment


                      • #26
                        Da amante delle corse in salita e di tutte le road race per me, oggi, il TT è una follia e non dico che lo vieterei, ma mi lascia molti dubbi.
                        A 25/30 sognavo di andare a correre là e ci ho pure provato a organizzare la partecipazione ad un TT ma era complicatissimo e costosissimo. Ora ringrazio il cielo di non esserci riuscito.
                        Per la prima volta, quest'anno andrà a correre all'isola (Manx tt) un amico e sinceramente io non sono per nulla favorevole....
                        Saranno i 50 anni che ho raggiunto, ma a me andare con le moto attuali a velocità folli e vedere ad ogni edizione la lista dei morti non mi pare accettabile. Quest'anno ne sono morti almeno in 3. Su quanti partecipanti? 150? 200? o qualcuno in più? Vuol dire che quando ti iscrivi hai l'1 o il 2% di possibilità di tornare a casa in una cassa di legno. E quando hai una quarantina di anni e una famiglia non mi pare bello.
                        Il TT mi piace sempre, nessuno è obbligato ad andarci a correre, ma io non ci andrei più e non vorrei neanche che nessun mio amico partecipasse.

                        Comment


                        • #27
                          Originally posted by Nick_M View Post
                          Grazie per la lettura consigliata, cercherò di procurarmelo [emoji106]
                          Se vuoi c'è anche " Ti Porterò a Bray Hill" di Roberto Patrignani, molto bello anche questo.

                          Comment


                          • #28
                            Originally posted by Zago View Post
                            Se vuoi c'è anche " Ti Porterò a Bray Hill" di Roberto Patrignani, molto bello anche questo.
                            Grazie, gentilissimo!

                            Comment


                            • #29
                              Originally posted by olivier View Post
                              Da amante delle corse in salita e di tutte le road race per me, oggi, il TT è una follia e non dico che lo vieterei, ma mi lascia molti dubbi.
                              A 25/30 sognavo di andare a correre là e ci ho pure provato a organizzare la partecipazione ad un TT ma era complicatissimo e costosissimo. Ora ringrazio il cielo di non esserci riuscito.
                              Per la prima volta, quest'anno andrà a correre all'isola (Manx tt) un amico e sinceramente io non sono per nulla favorevole....
                              Saranno i 50 anni che ho raggiunto, ma a me andare con le moto attuali a velocità folli e vedere ad ogni edizione la lista dei morti non mi pare accettabile. Quest'anno ne sono morti almeno in 3. Su quanti partecipanti? 150? 200? o qualcuno in più? Vuol dire che quando ti iscrivi hai l'1 o il 2% di possibilità di tornare a casa in una cassa di legno. E quando hai una quarantina di anni e una famiglia non mi pare bello.
                              Il TT mi piace sempre, nessuno è obbligato ad andarci a correre, ma io non ci andrei più e non vorrei neanche che nessun mio amico partecipasse.
                              Quoto perché ritrovo nelle tue parole molte delle mie riflessioni.
                              Spesso mi rendo conto che mi piacerebbe vedere crescere i miei figli e allora il sogno di poter un giorno iscrivermi al manx diventa sempre meno fondamentale...

                              Comment


                              • #30
                                Originally posted by Gianluca Salina View Post
                                Il Tourist Trophy ed i suoi morti: hanno ancora senso, le road race?
                                Domanda strana: se in così tanti si cimentano vuol dire che la risposta è ovvia: SI.

                                Comment

                                Working...
                                X