Announcement

Collapse
No announcement yet.

Unione Campionato SBK/Endurance?

Collapse
X
Collapse
 
  • Filter
  • Time
  • Show
Clear All
new posts

  • Unione Campionato SBK/Endurance?

    https://www.corsedimoto.com/paolo-go...si-fonderanno/


    ora so che Corse di moto non è proprio il miglior sito al mondo ma vorrei sentire comunque una vostra opinione su questa idea e sul futuro SBK.

  • #2
    Come mi verrebbe da dire, anacronistico, i tempi non mi sembrano maturi.

    Poi la rivelazione in coda d'articolo. Cito:

    "Dietro questo terremoto (per adesso sotterraneo…) c’è la finanza. Quindi è intuibile che i primi movimenti, se ci saranno, saranno acquisizioni. Bridgepoint sta cercando un compratore per la Superbike o magari per l’intero pacchetto, cioè MotoGP inclusa? Oppure è Discovery che sta cercando di liberarsi dell’Endurance? E la FIM, in questo confronto fra giganti, avrà davvero la forza per dettare la linea, o interverrà solo a giochi fatti, per gestire gli aspetti più direttamente sportivi?"

    Ah, vedo che Bridgepoint sta cercando di liberarsi per la seconda volta in due anni di quella zavorra chiamata Dorna.

    Nonostante il tentativo di valutare gli assets a 2,5 mld di € (nel 2017 Dorna valeva 1 mld €). Gonfiati mica da poco.

    Comment


    • #3
      Insomma è sempre una questione di soldi
      Il mio cane è bravo a derapare,
      io a scodinzolare
      ....

      Posso resistere a tutto tranne le moto e daidegas!!!
      .....

      Invece io sono talmente abituato a pagare per far sesso
      Che prima di farmi una sega metto 10€ sul comodino

      (Anonimo della Brianza )

      __________________

      Comment


      • #4
        Caspita, sì.

        Comment


        • #5
          QUando la Bridgepoint voleva liberarsi della Dorna? hanno già capito cosa hanno acquistato quindi?

          Comment


          • #6
            https://www.asphaltandrubber.com/rac...e-motomatters/

            Last edited by Bruno Rabolini; 07-12-19, 12:33.

            Comment


            • #7

              Comment


              • #8
                https://www.bikesportnews.com/news/n...out-of-control

                The cost of racing, highlighted last week with the news that two of Ireland’s most famous meetings might not take place next year and Cookstown also coming under review, seems to be afflicting even the richest in motor sport.

                On two wheels and four wheels, from club racing to Grands Prix, it is just too expensive.

                Those of us who have a vague interest in Formula 1 will recall how Silverstone were forced to give F1’s new owners Liberty an ultimatum: “Either we pay you less, you pay us more or we can’t stage the British Grand Prix.”

                The Northamptonshire track, which has been hovering on the brink of insolvency, was losing something like £5m on that one event. The US company, under a huge pressure from team owners based in the UK, was forced to change the deal and in their recently-published third-quarter results had to admit that their earnings were affected by that concession.


                Silverstone, unlike most other circuits staging world championship racing whether it be F1, MotoGP or WorldSBK, does not receive state or local tourist board aid. Without it these events elsewhere in the world would not take place.

                You can be sure that the Silverstone management, having got their own way with F1, will be having words with Dorna about improving their return from the British MotoGP.

                Of course, most motorcycle fans view F1 racing as being, extremely boring and the costs completely barmy. How can hundreds of millions of pounds be spent on creating something so dull?
                Before shelling out $8bn to buy the series from Bernie Ecclestone, Liberty was aware that something had to be done. They just didn’t realise it would be so difficult, particularly round their main proposal - a cost cap on the teams. Not surprisingly, Mercedes and Ferrari who had all the money and were doing all the winning, didn’t like it.
                However, CEO Chase Carey was encouraged by the success of Dorna boss Carmelo Ezpeleta in taking on the Japanese factories in imposing rules which made MotoGP much more competitive and attractive.

                From 2021 F1 will have a cost cap on the teams, shorter weekends and more meetings. And the technology is being changed to make overtaking easier plus a host of other technical tweaks. The newly-constrained cost figures are still mind boggling, a maximum £135m per team not including the wages of the drivers, the three highest paid personnel and the marketing costs.

                As someone like Lewis Hamilton probably gets £40m a year in driver fees alone you might guess that Mercedes may be confined to spending a mere £250m. Currently, teams like Mercedes and Ferrari, both of whom employ hundreds of people, are said to fork out well in excess of that while most, like Williams, are well below it - a mere £100m.

                Of course, they get a large amount of it back in payments from the promoters and sponsorship and, according to the Mail on Sunday, tax relief on their losses…

                The teams based in the UK received £13.6m in tax relief from HMRC last year it was said - they apparently lost £60m - taking their tax back from we tax payers to an estimated £120m over the last ten years. They also, of course, receive tax credits for software development and the like.

                What a game…

                In complete contrast Dorna delivers MotoGP to circuits for around a quarter of the F1 fees, circa €5m. But cost is still an issue for all motorcycle racing whether it be club events or world championships because sponsorship, TV money, entrance fees for the championships, although often higher in attendance, are so much less in revenue than F1.

                How much does it cost to run a bike racing team? A top BSB outfit will probably cost the owner £1m plus; WorldSBK teams may average £2/£3m; and MotoGP £10/£15m for an independent team and probably three times that for works teams.

                But that will be all in including riders wages remembering, of course, that some riders don’t get paid, they raise money to buy their ride.

                Club racing has declined over the years, although levelling out recently, through the cost of entry fees, tyres, fuel being a real barrier. Road racing, as we have read, has its own problems and while admiring the sheer persistence of the Irish organisers - too little money and too much rain - in keeping it going the future is not promising.

                Should the playing field be levelled even more in WorldSBK to make it what is is, a production bike series? Can fans tell the difference between Superbike and Superstock machines with only a second a lap between them?

                It was a bad move by Dorna to drop the Superstock class while adding a Superbike ‘sprint’ race. British Superbikes run both successfully, one being a feeder series for the other with BSB chief Stuart Higgs having the common sense to limit the amount of expensive tech on Superbikes. And MSV lead the world in recognising they are in the entertainment business by adopting the US Shootout, renaming it the Showdown, and ensuring a championship battle to the end.

                Both WorldSBK and MotoGP titles were decided long ago but Dorna are rather sniffy at copying a ‘gimmick’ which the FIM presumably regard as not worthy of world championship status. How many people were watching the final round of WorldSBK in Qatar?

                But it has to be said that Dorna’s management of MotoGP has been a great success, the best it has ever been and the envy of every world championship series, two wheels or four, in the world. The question is, what next?

                Complacency is the enemy of all businesses and the series must continue to evolve. The brilliance and domination of Marquez is a thing of wonder but it could only be good for the sport if a youngster like Quartararo could take the title away from him next season.

                Rossi is, of course, still the big star but at 40 his amazing career is reaching its end. Indeed, he should quit now while still able to remain in the top five.

                F1 doesn’t have much to copy but they have young drivers capable of winning world championships now and their new rule insisting that every team should have youngsters on their books seems like a good idea.

                With the exception of the young Frenchman in MotoGP are we getting enough, or indeed any, teenagers on the podiums of our major series? Moto3 and Moto2 provide the opportunity and fantastic racing. Indeed, who needs expensive 1000cc prototype racers!

                But the Superbike countries without the feeder systems and support of Spain are not. Promoters like MSV and Dorna are investing but more help is required from the governing bodies, the FIM and the ACU, and the manufacturers.

                Comment


                • #9
                  Se ti chiedo una traduzione veloce mi mandi affanculo vero? :asd:

                  Comment


                  • #10
                    Domani sera mi metto a scriverla.

                    Aggiungerei (se li trovo, non mi ricordo più dove ho messo gli appunti) i dati sullo share televisivo di Statista ed Auditel per la Motogp (due pianeti, che dico, due galassie diverse).

                    Oltre ad un interessante report di Nielsen sullo sport in televisione (negli USA, ovviamente).

                    Comment


                    • #11
                      Parte 1

                      I costi delle gare, come evidenziato la scorsa settimana con la notizia della probabile soppressione di due eventi irlandesi e con Cookstown in bilico, affliggono anche i team più ricchi.

                      Su due ruote e quattro ruote, dalle corse dei club ai Gran Premi, è diventato troppo impegnativo dal punto di vista economico.

                      Chi abbia qualche interesse per la Formula 1 ricorderà come gli organizzatori di Silverstone siano stati messi nella condizione di affrontare i proprietari della F1 con un ultimatum: "O paghiamo di meno, o non possiamo organizzare il Gran Premio di Gran Bretagna"

                      La pista del Northamptonshire, sull'orlo dell'insolvenza, stava perdendo qualcosa come 5 milioni di sterline per quel solo evento. La società americana, sotto pressione dai proprietari dei team con sede nel Regno Unito, è stata costretta a modificare l'accordo e nei risultati economici del terzo trimestre pubblicati di recente ha dovuto ammettere che la riduzione dei guadagni era influenzata da quella concessione.

                      Silverstone, a differenza della maggior parte degli altri circuiti che organizzano gare di campionato del mondo, che si tratti di F1, MotoGP o WorldSBK, non riceve aiuti da enti turistici locali o statali. Senza aiuti esterni, la maggior parte di questi eventi non avrebbero luogo, soprattutto all'estero.

                      Si può esser certi che lo staff management di Silverstone, dopo aver ridiscusso i termini contrattuali con i vertici della F1, intavolerà trattative con Dorna per migliorare il ritorno economico con la gara della MotoGP britannica.

                      La maggior parte degli appassionati di motociclette considera le corse di F1 noiose e con costi fuori controllo. Come si possono spendere centinaia di milioni di sterline per uno spettacolo così noioso?

                      Comment


                      • #12
                        Parte 2

                        Prima di sborsare 8 miliardi di dollari per acquistare il circus della F1 da Bernie Ecclestone, Liberty era consapevole che bisognava fare qualcosa. Semplicemente i vertici non si rendevano conto che sarebbe stato così difficile, in particolare la proposta di porre un tetto di spesa. Non ci su deve sorprendere che Mercedes e Ferrari,con un budget sostanzioso e la spartizione di vittorie in pista, abbiano cassato l'idea.

                        Tuttavia, l'a.d. Chase Carey è stato spronato dai successi di Carmelo Ezpeleta nell'imporre regole alle fabbriche che hanno reso la MotoGP molto più competitiva e attraente.

                        Dal 2021 la F1 avrà un tetto di spesa, week-end più brevi e più gare. Le tecnologie introdotte faciliteranno i sorpassi oltre ad una serie di ulteriori modifiche tecniche. Le spese permesse a ciascun team sono ancora enormi, un massimo di £ 135 milioni per squadra, esclusi i salari dei conducenti, i tre dipendenti più pagati e i costi di marketing.

                        Dato che Lewis Hamilton probabilmente guadagna £ 40 milioni all'anno solo con l'ingaggio, le proiezioni attribuiscono a Mercedes una spesa di "soli" 250 milioni di sterline. Attualmente si dice che team come Mercedes e Ferrari, che impiegano entrambi centinaia di persone, sborsino cifre maggiori, mentre la maggior parte, come Williams, è attestata su "soli" 100 milioni di sterline.

                        Certo, ottengono ritorni pecuniari da promotori e sponsorizzazioni oltre a - secondo il Mail on Sunday - sgravi fiscali sulle perdite .

                        Le squadre con sede nel Regno Unito hanno ricevuto £ 13,6 milioni di sgravi fiscali da parte di HMRC lo scorso anno con un passivo attestato a 60 milioni di sterline - uno sconto di circa 120 milioni di sterline negli ultimi dieci anni. Oltre ai crediti d'imposta per lo sviluppo di software e simili.

                        Comment


                        • #13
                          Il resto del rosto a domeni.
                          Buona notte.

                          Comment


                          • #14
                            Parte 3

                            Che roba…

                            Al contrario, Dorna porta la MotoGP sui circuiti a circa un quarto delle tasse di iscrizione della F1, all'incirca 5 milioni di €. Il costo è comunque ancora un problema per tutte le corse motociclistiche, sia che si tratti di eventi minori o di campionati del mondo perché sponsorizzazioni, diritti TV, biglietti d'ingresso, sebbene più alti in termini di presenze, danno introiti inferiori rispetto alla F1.

                            Quanto costa gestire un team motociclistico? Un team al vertice del BSB costerà al proprietario da1 milione GB£ in su; i team WorldSBK oscillano tra i 2 ed i 3 milioni GB£; nella MotoGP 10 - 15 milioni di GB£dovrebbero bastare per un team indipendente, tre volte quello per i team ufficiali.

                            Queste cifre includono i salari dei piloti, ricordando, ovviamente, che alcuni non vengono pagati e si autofinanziano per il campionato.

                            Le corse minori sono diminuite nel corso degli anni, e nonostante si siano calmierate recentemente, i costi delle tasse di iscrizione, delle gomme e del carburante costituiscono un grosso problema. Le corse su strada, come già detto, hanno parecchi problemi e, pur ammirando la costanza degli organizzatori irlandesi - pochi soldi e tanta pioggia - nel mandarle avanti, il ​​futuro non è roseo.

                            Potrebbe essere che la WorldSBK sia ancor più livellata per un ritorno alle origini, ovvero produzione di serie? Gli spettatori potrebbero notare la differenza tra Superbike e Superstock con un secondo al giro di differenza?

                            Comment


                            • #15
                              Parte 4

                              Dorna ha fatto un passo falso cancellando la classe Superstock ed aggiungendo una gara sprint della Superbike. Nel BSB le due classi funzionano con successo, una è il serbatoio di piloti per l'altra ed il manager della BSB Stuart Higgs ha il buon senso di limitare i costi tecnologici della Superbike. Inoltre MSV è un esempio a livello mondiale, riconosce che di essere nel settore dell'intrattenimento adottando lo Shootout americano, ribattezzandolo Showdown e assicurando un campionato combattuto fino all'ultima battuta:

                              Entrambi i titoli WorldSBK e MotoGP sono stati vinti con largo anticipo sul calendario, e Dorna disdegna di copiare un "trucco" che presumibilmente la FIM considera indegno dello status di campionato mondiale. Ma quante persone stavano guardando l'ultimo round del WorldSBK in Qatar?

                              Comunque bisogna dire che la gestione della MotoGP da parte di Dorna è stata un grande successo, il migliore della storia motoristica, l'invidia di ogni altro campionato motoristico mondiale, a due o quattro ruote. La domanda è: cosa prospettarsi in futuro?

                              La compiacenza (stagnazione, n.d.t.) è nemica di tutti gli affari, i campionati devono continuare ad evolversi. Lo splendore e il dominio di Marquez è una meraviglia, ma potrebbe essere positivo per lo sport solo se un giovane come Quartararo potesse togliergli il titolo la prossima stagione.

                              Rossi è, ovviamente, ancora la grande star ma a 40 anni la sua straordinaria carriera sta arrivando alla fine. Anzi, dovrebbe abbandonare ora mentre è ancora in grado di rimanere tra i primi cinque.

                              La F1 non ha molto da copiare, ora ha giovani piloti in grado di vincere i campionati del mondo e la regola che insiste sul fatto che ogni squadra dovrebbe avere giovani piloti a libro paga sembra un'idea eccellente.

                              Con l'eccezione del giovane francese in MotoGP, ci sono abbastanza ragazzi, o almeno qualcuno, che vanno a podio nei campionati maggiori? Le Moto3 e Moto2 offrono queste opportunità e le corse sono entusiasmanti. E' finita per piloti esperti con ingaggi faraonici su prototipi da 1000 cc.?

                              Purtroppo ciò non accade nei paesi della Superbike dove mancano le strutture ed i sistemi di supporto che ha la Spagna. Promotori come MSV e Dorna stanno investendo, ma è necessario un maggiore aiuto da parte degli organi direttivi, della FIM e dell'ACU e dei produttori.

                              Comment

                              Working...
                              X