Announcement

Collapse
No announcement yet.

Rea vs Redding vs Bautista

Collapse
X
 
  • Filter
  • Time
  • Show
Clear All
new posts

  • luciocabrio
    replied
    Originally posted by Meloni View Post
    beh come stradale Vs stradale direi anche 4-5 gradini..... la ZX10 diciamo che è a "fine carriera" (ma a me non dispiacerebbe... anzi
    appunto la cosa strana è che ancora va forte

    Leave a comment:


  • SUPERALEX
    replied
    Originally posted by Gianluca Salina View Post
    Occhio a dare Rea per spacciato. La storia recente insegna.
    La V4R in ogni caso è cresciuta, e molto. Sembra più "facile", meno nervosa e, di conseguenza, risulta più sfruttabile da tutti i suoi piloti. Il merito va fondamentalmente all'elettronica, migliorata non nella tecnologia, ma nelle strategie e forte di un anno completo di dati rispetto all'anno scorso in cui era tutto nuovo.
    Rea a Jerez ha fatto una scelta non felice tra gomme ed assetti, che si è evidenziata nelle due manche lunghe ed in particolare in Gara-2 dove, unico tra i piloti in gara, ha usato la gomma dura al posteriore, arrivando 6°, il suo peggior risultato dal 2015 ad oggi.
    beh oddio gomma dura, ha usato la SC0 di sviluppo che c'era già lo scorso anno, mentre il 90% ha usato la SC0 di gamma...la mescola è uguale cambia un pochino la costruzione della gomma sulle spalle penso abbia avuto più un problema di assetto

    Leave a comment:


  • Meloni
    replied
    beh come stradale Vs stradale direi anche 4-5 gradini..... la ZX10 diciamo che è a "fine carriera" (ma a me non dispiacerebbe... anzi

    Leave a comment:


  • luciocabrio
    replied
    Originally posted by Cooper23 View Post
    Concordo lucio, infatti ora sono li con tutte le moto davanti.
    Oltre alla derivazione GP del motore, mi sembra abbiano un altro passo a livello di elettronica, e la derivazione dell'elettronica dalla GP è una cosa che Kawasaki non potrà mai avere.
    ok ma pure la moto stradale è 2\3 gradini sopra la kawa stradale

    Leave a comment:


  • fabiotrb
    replied
    Sarà dura per Rea quest'anno. La v4r forse ha perso un po' in velocità di punta ma a livello generale pare cresciuta. Motore di derivazione gp, elettronica pure, un buon mestrierante come Redding, basteranno per arrivare ad un titolo l'anno scorso perso in modo più che rocambolesco? Postiamo pista non conosciuta da Redding, se sarà un po' più fresco rispetto a jerez, e. Ne dubito, Rea dovrà per forza avvicinarsi. Se no sarà impossibile o quasi

    Leave a comment:


  • Cooper23
    replied
    Concordo lucio, infatti ora sono li con tutte le moto davanti.
    Oltre alla derivazione GP del motore, mi sembra abbiano un altro passo a livello di elettronica, e la derivazione dell'elettronica dalla GP è una cosa che Kawasaki non potrà mai avere.

    Leave a comment:


  • luciocabrio
    replied
    Originally posted by Gianluca Salina View Post
    Occhio a dare Rea per spacciato. La storia recente insegna.
    La V4R in ogni caso è cresciuta, e molto. Sembra più "facile", meno nervosa e, di conseguenza, risulta più sfruttabile da tutti i suoi piloti. Il merito va fondamentalmente all'elettronica, migliorata non nella tecnologia, ma nelle strategie e forte di un anno completo di dati rispetto all'anno scorso in cui era tutto nuovo.
    Rea a Jerez ha fatto una scelta non felice tra gomme ed assetti, che si è evidenziata nelle due manche lunghe ed in particolare in Gara-2 dove, unico tra i piloti in gara, ha usato la gomma dura al posteriore, arrivando 6°, il suo peggior risultato dal 2015 ad oggi.
    diciamo che la V4 ha fatto un esordio iperpower che nessuno si saspettava (fino a metà campionato). La sbk non è facile
    citofonare yamaha che son anni che ci provano
    Citofonare bmw che vedono il podio col binocolo
    Citofonare honda
    Citofonare Kawasaki che senza l'ipercempion col caxxo che vinceva così

    Leave a comment:


  • Gianluca Salina
    replied
    Occhio a dare Rea per spacciato. La storia recente insegna.
    La V4R in ogni caso è cresciuta, e molto. Sembra più "facile", meno nervosa e, di conseguenza, risulta più sfruttabile da tutti i suoi piloti. Il merito va fondamentalmente all'elettronica, migliorata non nella tecnologia, ma nelle strategie e forte di un anno completo di dati rispetto all'anno scorso in cui era tutto nuovo.
    Rea a Jerez ha fatto una scelta non felice tra gomme ed assetti, che si è evidenziata nelle due manche lunghe ed in particolare in Gara-2 dove, unico tra i piloti in gara, ha usato la gomma dura al posteriore, arrivando 6°, il suo peggior risultato dal 2015 ad oggi.

    Leave a comment:


  • ilverdone
    replied
    certo che hanno dato una bella dimostrazione di forza.hanno resuscitato anche un cadavere...
    però si potrebbe pensare che rea non era al 100%.
    con tutto il rispetto per lowes ma la vedo dura che possa andare a riprenderlo,passarlo,finirgli d'avanti...
    e poi c'è la gara corta.
    viene da pensare che con una gomma (o temperature) diversa si sentiva più sicuro e se li è messi tutti dietro come al solito.
    non lo sò,per me è un rebus.mi verrebbe da dire come altri che se ducati vince anche a portimao si candida come favoritissima.ma essendo io un verdone voglio pensare allo scorso anno dove dopo 4 gare non avrei scommesso manco 10 lire su rea!

    Leave a comment:


  • xAllex
    replied
    Originally posted by Desmo16 View Post

    e non dimentichiamoci di melandri che sicuramente quest'anno vincerà il mondiale con 3 gare di anticipo
    Ciai raggione... Correndo con sto caldo, i suoi 50 chili gli faranno risparmiare gomma e alla fine darà paga tutti.

    Leave a comment:


  • Desmo16
    replied
    Originally posted by xAllex View Post
    Più che Redding, è proprio delle Ducati che si deve preoccupare.

    Bautista l'hanno scorso è stato ed è comune più veloce dell'inglese, ma era anche l'unico che la faceva andare. Adesso va forte anche Davies... E pure Rinaldi.

    La Ducati ha perso Bautista, ma ha migliorato in generale la moto.
    e non dimentichiamoci di melandri che sicuramente quest'anno vincerà il mondiale con 3 gare di anticipo

    Leave a comment:


  • xAllex
    replied
    Più che Redding, è proprio delle Ducati che si deve preoccupare.

    Bautista l'hanno scorso è stato ed è comune più veloce dell'inglese, ma era anche l'unico che la faceva andare. Adesso va forte anche Davies... E pure Rinaldi.

    La Ducati ha perso Bautista, ma ha migliorato in generale la moto.

    Leave a comment:


  • andrea nadiani
    replied
    La prima manche non l'ho vista, ma nella seconda si capiva benissimo che tutte le V4 avevano qualcosa in più.
    Dai, parliamoci francamente, non si può vedere Rinaldi passere Rea ed allungare.
    Secondo me, senza togliere nulla a Redding, ieri le Ducati avevano qualcosa in più.

    Leave a comment:


  • luciocabrio
    replied
    Originally posted by olivier View Post
    3 ottimi piloti
    Rea ha già dimostrato ampiamente il suo valore.
    Bautista....pure....
    Redding, fino allo scorso anno aveva vinto poco o nulla. Ora ha già portato a casa un BSB ed è in testa al SBK. Mica male.
    In questo WE ho visto una splendida Ducati sia con Redding che con Davies e pure con Rinaldi. Lo scorso anno vedevo un gran Bautista ma la Ducati mi sembrava nervosa e difficile. Mi sa che sarà difficile per Rea confermarsi campione.
    per me Rea pensa che con redding sia estremamente più facile...
    Occhio a non sottovalutare però

    Leave a comment:


  • olivier
    replied
    3 ottimi piloti
    Rea ha già dimostrato ampiamente il suo valore.
    Bautista....pure....
    Redding, fino allo scorso anno aveva vinto poco o nulla. Ora ha già portato a casa un BSB ed è in testa al SBK. Mica male.
    In questo WE ho visto una splendida Ducati sia con Redding che con Davies e pure con Rinaldi. Lo scorso anno vedevo un gran Bautista ma la Ducati mi sembrava nervosa e difficile. Mi sa che sarà difficile per Rea confermarsi campione.

    Leave a comment:

Working...
X