Announcement

Collapse
No announcement yet.

Ancora V4

Collapse
X
Collapse
 
  • Filter
  • Time
  • Show
Clear All
new posts

  • Ancora V4

    Ma ancora ne parlano? Prendono per il kulo?

    https://www.moto.it/news/honda-rvf-1...ortiva-v4.html

    L'annuncio, e poi il successivo arrivo della nuova Honda CBR1000RR-R sembravano aver messo una (pesantissima) pietra tombale sulle speranze di tornare a vedere una supersportiva Honda con propulsore bicilindrico a V. Soprattutto quando, all'epoca della presentazione in Qatar, lo stesso Yuzuru Ishikawa (il Large Project Leader della nuova Fireblade) ha detto esplicitamente come il quattro cilindri in linea, pensando all'impiego in Superbike, sia la soluzione migliore per una supersportiva di serie.

    A sorpresa, invece,
    la giapponese Young Machine, nel numero uscito ieri in edicola, spara in copertina un rendering su base RC 213V-S (qui la nostra prova, con Francesco Paolillo, a Valencia) come teaser di un articolo che parla di un'inedita RVF1000R, citandola come modello in arrivo da parte di Honda. La sigla la identificherebbe immediatamente come una V4, le appendici aerodinamiche indicherebbero un modello sicuramente nuovo... insomma, anche con tutta la dovuta prudenza, le ghiandole salivari iniziano ad attivarsi.

    Iniziamo con una doverosa premessa: con tutto il rispetto per i colleghi giapponesi, Young Machine non è esattamente affidabilissimo. O meglio: l'impressione è che le anticipazioni a volte arrivino con un po' troppo... anticipo, quando ancora le dirigenze delle varie case non hanno ancora dato il via libera per la messa in produzione definitiva dei modelli. Di conseguenza, magari lo scoop c'è davvero, ma la moto purtroppo non vedrà mai la luce del giorno in versione definitiva.

    Detto questo, pur con notevoli difficoltà nel trovare una collocazione all'interno delle strategie Honda di un modello come una RVF1000R (sigla che farà alzare qualche pelo sugli avambracci ai meno giovani, che ricorderanno le RVF 750 da gara degli anni 80...) in questo periodo storico, non è del tutto fuori dal mondo pensare che Honda stia lavorando a un nuovo sfoggio di tecnologia. Vediamo perché.

    L'arrivo della RC213V-S non ha posto fine al lavoro di Honda sulla configurazione a V: è del 2016
    il deposito di brevetti inconfondibilmente relativi a un motore V4, e in quel periodo più di una voce autorevole, confidenzialmente, ci ha parlato esplicitamente di una moto con questa configurazione. Tanto che, come sa bene chi ci segue, avremmo scommesso su una V4 per la nuova operazione SBK, mentre Honda ci ha colto tutti di sorpresa con la nuova CBR.

    Però. Però non riusciamo a non pensare come la pur sofisticatissima RR-R non sia stata dotata, almeno in questa versione,
    di quell'aerodinamica attiva che ha mandato nel panico le autorità tecniche del Mondiale Superbike (ripresentatasi a dicembre 2019) né di quella fasatura variabile esclusa esplicitamente da Honda perché inutile (ed inutilmente costosa) nell'impiego agonistico per cui la CBR è stata primariamente pensata.

    Pur sapendo bene come Honda depositi fra tutte le sue divisioni una decina di brevetti al giorno (non è un'iperbole, controllate...) è inevitabile pensare - o forse sperare - che ci sia qualcosa di vero nelle previsioni di Young Machine, e che ci sia una... RC213V-S seconda edizione, aggiornata in fasatura, aerodinamica e chissà quali altre chicche. E se addirittura, tornando
    alle dichiarazioni iniziali di Ishikawa e al suo amore per la RC211V, VF non stesse per V-Five invece di V-Four?
    Progetto Yamaha Fuzzer Cafè (20 vulve)

  • #2
    Se sta per V5 torno a guidare una moto!
    Anche se avevo giurato MAI PIU'.... mi indebiterei che nemmeno il debito pubblico italiano!

    Comment


    • #3
      Ma è la stessa testata giornalistica che lo scorso anno dava come sicuro ed imminente l'arrivo della nuova cbr 600rr?
      La velocità non ha mai ucciso nessuno....è diventare improvvisamente statici che crea problemi.
      Andare in moto non è un reato (provincia di arezzo esclusa)

      Comment


      • #4
        e ancora insistono, ma che cazz....

        È uno degli oggetti più misteriosi e attesi degli ultimi anni.
        La Honda V4 sportiva la cui esistenza si dà per certa da diverse fonti, e che si era ipotizzato addirittura
        potesse sostituire la Fireblade nel Mondiale Superbike, secondo i colleghi di Young Machine potrebbe arrivare a breve.
        Il 2020 era stato indicato già in tempi non sospetti come l'anno "buono" per il modello.
        Honda, peraltro, non ha mai smesso di depositare
        brevetti molto interessanti con rappresentazioni grafiche palesemente relative alla RC213V-S che non hanno trovato posto nell'attuale Honda CBR1000RR-R.
        Secondo i colleghi giapponesi, Honda starebbe lavorando a un modello V4 che dovrebbe "attualizzare"
        quella RC 213V-S del 2015 che, giocoforza, è rimasta un po' indietro rispetto allo stato dell'arte tecnologico di cui la Casa di Tokyo ha dotato la CBR1000RR-R - aerodinamica, piattaforma inerziale e relativa gestione elettronica, e tante altre soluzioni.
        Ma come si collocherebbe un mezzo del genere in una line-up che vede già la Fireblade come punta di diamante della produzione di serie Honda, e
        l'unico mezzo su cui si punta per le competizioni riservate alle derivate di serie?
        In effetti è difficile immaginarsi un mezzo il cui prezzo sia popolare, se i presupposti sono quelli di cui sopra - ed è difficile immaginarsene altri, visto che non avrebbe certo senso creare una sportiva economica partendo da uno schema motoristico intrinsecamente più costoso rispetto al quattro in linea: il risultato sarebbe una moto mortificata - o quantomeno penalizzata - nella dotazione, che avrebbe ben poco appeal per un pubblico già viziato per quanto riguarda le possibilità di scelta.
        Più facile immaginarsi una sorta di "seconda edizione" per la RC 213V-S, che continui la derivazione MotoGP e - a cinque anni di distanza dal primo, epocale modello - torni a portare il V4 al vertice della piramide Honda, magari per rinnovare con l'avvento dell'Euro-5 tutta quella gamma andata in dismissione negli anni più recenti. Pensiamo a Crosstourer, VFR1200 e 800, Crossrunner: i tempi sarebbero maturi per modelli prestigiosi e dinamici che potrebbero beneficiare del "tiro" d'immagine di un'ammiraglia del genere.
        Pensateci: una sportiva Hors Catégorie, dotata di tutta la tecnologia più recente (e magari del cambio seamless, sogno bagnato di chi scrive da tempi non sospetti...) che faccia ricordare a tutti la 213V-S in attesa di... sbancare con le VFR per il grande pubblico.
        Una dimostrazione tecnologica che possa andare a riportare l'attenzione su Honda distogliendola da
        oggetti di simile raffinatezza, e dare un'altra picconata a quell'immagine un po' troppo razionale di cui la Casa di Tokyo si è ammantata negli ultimi anni.
        Ipotesi azzardata? Certo.
        Ma provate a girare la domanda in questo verso: se solo due anni fa vi avessero detto che la Fireblade sarebbe diventata la CBR-RRR che ha debuttato lo scorso anno a EICMA, che faccia avreste fatto?


        MOTO.IT
        Progetto Yamaha Fuzzer Cafè (20 vulve)

        Comment

        Working...
        X