Announcement

Collapse
No announcement yet.

Usa: Chiama i soccorsi per il figlio autistico. La polizia arriva e spara al ragazzo

Collapse
X
Collapse
 
  • Filter
  • Time
  • Show
Clear All
new posts

  • Usa: Chiama i soccorsi per il figlio autistico. La polizia arriva e spara al ragazzo

    Utah, gli agenti non capiscono che il 13enne Linden stava avendo una crisi. È grave

    Polizia di nuovo sotto accusa per un uso scriteriato della violenza: armi usate con incredibile leggerezza contro persone «problematiche» ma che non sono armate e non rappresentano una vera minaccia. Stavolta il razzismo non c’era — la vittima è un ragazzino bianco — e sul banco degli imputati, insieme alle forze dell’ordine, va fatto salire anche un sistema-salute essenzialmente privato, difficile da mobilitare per emergenze sociosanitarie.

    E così chi riceve la telefonata di una madre disperata, anziché mandare medici e ambulanze manda agenti impreparati che trattano chi ha disturbi psichici come un criminale, pretendendo obbedienza da una persona incapace di intendere e volere. Stavolta succede a Salt Lake City, Utah, e di nuovo, come nel recente caso di Rochester, nello Stato di New York, la vittima è una persona disarmata con problemi mentali: Linden Cameron, un ragazzo di 13 anni che soffre di autismo.

    Venerdì scorso la madre era tornata al lavoro dopo molti mesi d’interruzione per via della pandemia. Rientrando a casa ha trovato il figlio in preda a una crisi nervosa, probabilmente scatenata dal suo allontanamento. Incapace di tenergli testa, Golda Barton aveva chiamato il 911 (il 113 americano) per chiedere aiuto. Sperava in un’ambulanza e in un ricovero; è arrivata una pattuglia della polizia con gli agenti che hanno urlato al ragazzo di mettersi a terra. Terrorizzato, Linden non ha obbedito e dopo qualche attimo uno degli agenti ha sparato colpendolo tre volte. Ora è ricoverato in ospedale: grave ma non in pericolo di vita.

    Un caso peggiore di quello di Rochester dove i poliziotti non hanno sparato né minacciato con le armi: avevano messo un cappuccio antisputi a Daniel Prude temendo il contagio da Covid-19 e, immobilizzandolo a terra, non si sono resi conto che lo stavano soffocando. Poi hanno parlato del suo decesso come di un caso di overdose.

    Nello Utah, invece (il fatto risale a venerdì) il portavoce della polizia inizialmente ha detto che gli agenti hanno sparato perché Linden aveva un’arma e minacciava altri cittadini. Ma poi ha dovuto correggere il tiro (ora non parla più di ritrovamento di un’arma) dopo che la madre, in lacrime davanti alle telecamere, lo ha smentito: «Non aveva armi, voleva attirare l’attenzione e poi è fuggito: ho detto loro delle sue condizioni psichiche, li ho pregati di usare il livello minimo di forza possibile. Ma loro l’hanno inseguito e dopo qualche secondo ho sentito i colpi. Li ho raggiunti mentre lo portavano via e non mi hanno nemmeno detto se era vivo o morto».

    La polizia non ha replicato salvo riconoscere che non ha trovato armi con Linden. Ha promesso di collaborare alle indagini e di rilasciare le immagini delle body-cam degli agenti, ma non prima del 21 settembre.

    È sempre più evidente che, al di là di atteggiamenti razzisti che emergono in alcune circostanze, molti agenti americani, decisi a non rischiare nulla nel contatto fisico con la persona da arrestare e protetti da norme che li autorizzano a sparare se si sentono minacciati, reagiscono con un eccesso di violenza non appena si delinea una situazione potenzialmente pericolosa. A Salt Lake City c’erano già stati casi di reazioni eccessivamente violente degli agenti e perfino dei loro cani poliziotto. Il sindaco aveva sollecitato comportamenti meno rudi e più addestramento. La polizia la settimana scorsa aveva assicurato di padroneggiare le tecniche di deescalation per far scemare le tensioni. Il girorno dopo i colpi contro Linden.

    A Rochester, New York, un uomo con problemi mentali soffocato da un cappuccio antisputi.

    notizia da: Corriere della Sera 10 settembre 2020



  • #2
    Qua non è un problema di razzismo o non razzismo, qua c'è un grosso problema mentale nelle forze dell'ordine statunitensi. Sono un branco di pazzi criminali! 13 anni disarmato con un fisico di un bambino e tu gli spari, siamo alla follia

    Comment


    • #3
      il caso è da condannare senza dubbi...

      dico solo che vorrei sapere quanti interventi al giorno vengono fatti negli usa dalle forze dell'ordine e quanti di questi eccessi ci sono

      negli usa ricordiamo che le persone girano regolarmente armate e se si facesse come in italia non so come finirebbe

      chissà quanti poliziotti vengono feriti...

      Comment


      • #4
        Originally posted by doc67 View Post
        il caso è da condannare senza dubbi...

        dico solo che vorrei sapere quanti interventi al giorno vengono fatti negli usa dalle forze dell'ordine e quanti di questi eccessi ci sono

        negli usa ricordiamo che le persone girano regolarmente armate e se si facesse come in italia non so come finirebbe

        chissà quanti poliziotti vengono feriti...
        Sarà... ma quando dei poliziotti adulti si trovano davanti un ragazzino come quello in foto io davvero non so come possano arrivare a sparargli...

        Comment


        • #5
          Follia totale

          Comment


          • #6
            Originally posted by JB hsm View Post

            Sarà... ma quando dei poliziotti adulti si trovano davanti un ragazzino come quello in foto io davvero non so come possano arrivare a sparargli...
            infatti come ho scritto il caso è da condannare senza dubbi...

            ma se fanno 1000.000 di interventi è nella logica dei numeri che ci esca il poliziotto che sbaglia, che è razzista, che interpreta male la cosa...o come in molti casi che non ci viene raccontata tutta la verità

            Comment


            • #7
              Originally posted by doc67 View Post

              infatti come ho scritto il caso è da condannare senza dubbi...

              ma se fanno 1000.000 di interventi è nella logica dei numeri che ci esca il poliziotto che sbaglia, che è razzista, che interpreta male la cosa...o come in molti casi che non ci viene raccontata tutta la verità
              this


              ma tanto la polizia è brutta e cattiva dappertutto
              La Desmosedici è una moto difficile, quando dai gas vibra e si muove, ma è una sua prerogativa perchè se non ti fai spaventare vedi che tutto funziona. [Casey Stoner]

              AIUTATEMI PER FAVORE CON QUESTA PETIZIONE : 125 in superstrada


              https://www.change.org/p/ministero-d...edium=copylink

              Basta un click

              Comment


              • #8
                Originally posted by doc67 View Post
                il caso è da condannare senza dubbi...

                dico solo che vorrei sapere quanti interventi al giorno vengono fatti negli usa dalle forze dell'ordine e quanti di questi eccessi ci sono

                negli usa ricordiamo che le persone girano regolarmente armate e se si facesse come in italia non so come finirebbe

                chissà quanti poliziotti vengono feriti...
                Considerazione tristemente vera. In italia ci lamentiamo della assenza di procedure chiare per le forze dell’ordine. In America hanno procedure chiare. Sicuramente possono essere riviste ma il numero di eccessi è irrisorio rispetto agli interventi, e le probabilità per un poliziotto di essere colpito sono tremendamente più alte che negli altri paesi e sono necessarie le regole. Una persona di spalle che non resta ferma, può girarsi estrarre e sparare in 0,80 secondi. Il tempo di reazione medio con arma puntata è al di sopra di 1 secondo.


                Inviato dal mio iPhone utilizzando Tapatalk

                Comment


                • #9
                  Originally posted by doc67 View Post

                  infatti come ho scritto il caso è da condannare senza dubbi...

                  ma se fanno 1000.000 di interventi è nella logica dei numeri che ci esca il poliziotto che sbaglia, che è razzista, che interpreta male la cosa...o come in molti casi che non ci viene raccontata tutta la verità
                  Guarda non lo so quali siano i numeri, pero io sinceramente faccio fatica a capire come uno, anzi diversi poliziotti possano ritenere un ragazzino di 13 anni autistico una minaccia tale da costringerli a sparargli contro... sarò limitato io...

                  Comment


                  • #10
                    Originally posted by JB hsm View Post

                    Guarda non lo so quali siano i numeri, pero io sinceramente faccio fatica a capire come uno, anzi diversi poliziotti possano ritenere un ragazzino di 13 anni autistico una minaccia tale da costringerli a sparargli contro... sarò limitato io...
                    guarda io non capisco neanche come si possa sparare ad una persona in generale poi bisognerebbe sapere nel caso specifico cosa è successo, noi come al solito giudichiamo con notizie frammentarie e spesso inesatte...certo credo che la madre si sarebbe dovuta mettere a strillare come una pazza che il figlio era autistico e non capiva...o almeno spero

                    Comment


                    • #11
                      ritengo il modello statunitense il migliore riguardo alla libertà di ingaggio della polizia...quindi sono predisposto a pensare che non sia tutto così chiaro come intende chi riporta queste notizie.Una polizia preparata e con dietro l'appoggio incondizionato delle strutture preposte a giudicare è una bella cosa per il cittadino onesto.Con questo se ci è stato eccesso sarà giudicato con il sistema americano non certamente con il ns buonismo locale.

                      Comment


                      • #12
                        Originally posted by Carapintadas View Post
                        ritengo il modello statunitense il migliore riguardo alla libertà di ingaggio della polizia...quindi sono predisposto a pensare che non sia tutto così chiaro come intende chi riporta queste notizie.Una polizia preparata e con dietro l'appoggio incondizionato delle strutture preposte a giudicare è una bella cosa per il cittadino onesto.Con questo se ci è stato eccesso sarà giudicato con il sistema americano non certamente con il ns buonismo locale.
                        Se l'eccesso poi pero porta alla morte di questo ragazzo, che il poliziotto venga ritenuto colpevole o innocente non cambierà le cose.. dalla morte non si torna indietro..
                        E boh, o sono false quelle foto, ma un ragazzino come quello che si vede in quel letto di ospedale faccio fatica a considerarlo una minaccia... sopratutto quando stava scappando ed era disarmato..

                        Comment


                        • #13
                          premetto che non giustifico ma che era disarmato l'hanno constatato dopo, in america è facile avere armi ed è diffuso.

                          Più su un intervento di attila599 spiegava che "Una persona di spalle che non resta ferma, può girarsi estrarre e sparare in 0,80 secondi. Il tempo di reazione medio con arma puntata è al di sopra di 1 secondo." quindi i polizioti non aspettano che ti giri....

                          L'errore enorme è alla base, la chiamata della madre era per dei medici e non per un agente di polizia....spiegheranno anche questo...il poliziotto ha delle regole di ingaggio....
                          Last edited by omarMT01; 11-09-20, 13:49.
                          D'altra parte è così! (Enrico Bertolino)
                          chiedo venia per eventuali errori da T9

                          E’ facile ottenere approvazione: basta dire ciò che gli altri vogliono sentirsi dire. Ma prova a ottenere approvazione dicendo ciò che pensi. Per molti, avrai un “brutto carattere”.

                          Langaw na puti

                          Nessuno incrocia il nostro cammino per caso.
                          E noi non entriamo nella vita di qualcuno senza una ragione

                          L'Orco cattivo

                          ]
                          ..

                          Comment


                          • #14
                            Originally posted by JB hsm View Post

                            Se l'eccesso poi pero porta alla morte di questo ragazzo, che il poliziotto venga ritenuto colpevole o innocente non cambierà le cose.. dalla morte non si torna indietro..
                            E boh, o sono false quelle foto, ma un ragazzino come quello che si vede in quel letto di ospedale faccio fatica a considerarlo una minaccia... sopratutto quando stava scappando ed era disarmato..
                            comprendo ogni genere di dubbio e vorrei potertelo fugare ma non ho elementi in mano se non molta fiducia nel sistema americano della polizia..che se eccessivo in questo caso penso sarà punito

                            Comment

                            Working...
                            X