annuncio

Comprimi
Ancora nessun annuncio.

Covid..chi ce l'ha/ha avuto - chi in quarantena?

Comprimi
X
Comprimi
 
  • Filtro
  • Ora
  • Visualizza
Elimina tutto
nuovi messaggi

  • #16
    Originariamente inviato da Lele-R1-Crash Visualizza il messaggio
    Un mio collega è a casa , mi dice che il medico di famiglia non vuole fargli fare il tampone anche su sua richiesta insistente .
    Nel dubbio gli abbiamo detto di starsene in casa una decina di giorni , ma io chiedo per quale caxxo di motivo non si fa il tampone ad un cittadino che lo chiede spontaneamente ? Probabilmente è lui che ha la fobia del virus, ma nel dubbio io un tampone lo farei fare .
    In ferie o Inps?

    Commenta


    • #17
      Personalmente ho chiesto al medico di base tramite email e dopo poche ore mi ha rilasciato l'impegnativa per il tampone. Quella è la strada giusta da battere.
      Poi però l'ho fatto tramite l'azienda per cui lavoro, sono stati ancora più rapidi. Ma siamo in Emilia Romagna.
      "La moto non ? solo un pezzo di ferro, anzi, penso che abbia un'anima perch? ? una cosa troppo bella per non avere un'anima."

      Commenta


      • #18
        Originariamente inviato da Lele-R1-Crash Visualizza il messaggio

        Anche col tampone non sei sicuro . La massima protezione puoi averla per qualche mese dopo che te lo sei preso ed è passato . In tal modo avresti qualche anticorpo in più . Non saresti al sicuro ma un po meno esposto .
        Sì, non mi sono spiegato.

        Mi riferivo all'affermazione di Miki che diceva di non averlo ed io ho risposto dicendo che, senza aver fatto un tampone, nessuno può essere sicuro di non averlo nello stesso momento in cui lo dice. Anche di mio figlio avrei detto al 100% che non lo aveva, invece sì. Se si parla invece di averlo avuto o meno allora certamente ci vuole il sierologico, che infatti mi farò appena terminata sta menata.

        Comunque, sono arrivati gli esiti, sottoforma di referti cartacei e siamo tutti negativi a parte mia moglie, che allo stato è confinata con mio figlio piccolo, primo positivo.

        Perciò, riassumendo la situazione:

        - Il referto di mio figlio positivo non esiste;
        - Esiste però un referto positivo mio, di un tampone mai fatto;
        - Non esiste neppure alcun provvedimento di quarantena domiciliare della nostra famiglia;
        - Esiste invece un provvedimento di quarantena scolastica di una classe con nessun bambino ufficialmente positivo;
        - Dovremmo aspettare 10 giorni dalla positività di un soggetto che non esiste affinché questi faccia il tampone di controllo già fissato per il 9 Novembre (se non mettono a posto il discorso del primo referto voglio ridere). Mi è stato detto "dovrebbe" farlo. Vedremo...
        - Noi avremmo dovuto essere contattati dall'ASL per fare il tampone ma, visti i tempi, abbiamo fatto per conto nostro, con infermiere a domicilio;
        - Quindi ora abbiamo già gli esiti ed io risulto negativo qualche giorno dopo il tampone positivo erroneamente attribuito a me;
        - E' però risultata positiva mia moglie, quindi dobbiamo dimostrare di averla confinata affinché i 10 giorni decorrano dall'inizio e non dal tampone negativo di controllo della positività loro;
        - In ogni caso l'ASL dovrebbe contattarci per il tampone secondo l'iter normale quindi ne faremo un altro intermedio diciamo (da quel che ho capito questa procedura non si può arrestare);
        - Abbiamo già un terrazzo pieno di rumenta (spazzatura) non potendo buttarla perché dovrebbero portarci dei bidoncini apposta per l'indifferenziata Covid e nonostante aver smosso mari a monti anche con conoscenze che avrebbero dovuto portarceli in tempo reale siamo ancora qua;
        - In tutto questo ovviamente lavorare è un casino tremendo perché alla casa sto pensando tutto io;
        - Nel mentre per ogni cosa ci chiama l'ASL direz. reg., provinciale, direz. Covid scuole, rifiuti che ha sentito l'ASL, che ha sentito la scuola, che ha sentito le dirigenti scolastiche delle due diverse scuole, che han sentito il centro analisi, che ha sentito l'infermiere che si mangiò il pipistrello che al mercato mio padre comprò

        Tutto chiarissimo, direi

        Vi risparmio tutto ciò che bisogna fare in casa per tenere confinati loro ed evitare di contaminare qualcosa..

        Concludendo, ufficialmente sarei positivo e negativo. Io son sempre stato un tipo positivo, mo non so più cosa pensare. Sono confuso...
        Ho tanta nostalgia di un'amica canadese in bikini che mi ha lasciato (e del didietro di una donzella conoscente di un altro forumer, di cui non ricordo il nome e che purtroppo non ho mai conosciuto...) :gaen:

        Commenta


        • #19
          Originariamente inviato da giova3419 Visualizza il messaggio


          - Abbiamo già un terrazzo pieno di rumenta (spazzatura) non potendo buttarla perché dovrebbero portarci dei bidoncini apposta per l'indifferenziata Covid e nonostante aver smosso mari a monti anche con conoscenze che avrebbero dovuto portarceli in tempo reale siamo ancora qua;
          scusate l'ignoranza ma questa non la sapevo!

          Commenta


          • #20
            Originariamente inviato da annette Visualizza il messaggio

            scusate l'ignoranza ma questa non la sapevo!
            Sì, in pratica non devi più fare la differenziata perché tutti i rifiuti devono essere trattati come rifiuti ospedalieri potenzialmente contaminati. Puoi quindi mescolare tutto ma va messo all'interno di non uno ma 3 sacchi della spazzatura. Infatti abbiamo finito pure quelli. E sei autorizzato a portare giù i bidoni speciali che ti vengono a ritirare appositamente.

            Noi poi da qualche mese non abbiamo più il porta a porta ma abbiamo le isolette ecologiche con tesserina magnetica. Insomma non vengono più a ritirarci la rumenta a casa ma dobbiamo andare noi a buttarla. Quindi a prescindere da quanto sopra non potremmo andarci visto l'isolamento domiciliare quindi devono venire a ritirarcela per forza
            Ho tanta nostalgia di un'amica canadese in bikini che mi ha lasciato (e del didietro di una donzella conoscente di un altro forumer, di cui non ricordo il nome e che purtroppo non ho mai conosciuto...) :gaen:

            Commenta


            • #21
              Azz giova, auguri

              davvero, non in senso ironico
              no delta martini...no party


              Il problema dell umanit? ? che gli stupidi son pieni di certezze, mentre le veri menti son piene di dubbi (cit)

              Commenta


              • #22
                Originariamente inviato da arabykola Visualizza il messaggio
                Azz giova, auguri

                davvero, non in senso ironico
                Grazie.

                Ometto i tanti dettagli, tipo che dopodomani ho udienza di p.c. (precisazione delle conclusioni) per una causa da un paio di milioncini che è fissata in presenza, nonostante tutte ora le facciano con trattazione scritta. Insomma, salvo D.p.c.m. ulteriormente restrittivo tra oggi e domani...dovrei andarci.

                Avrei un impedimento oggettivo stante il divieto di uscire di casa ma senza il provvedimento di quarantena familiare...come lo dimostro?

                Intendo dire facendo le cose regolarmente e non all'italiana, cioè con l'utilizzo del mio referto positivo farlocco

                Manderò il domiciliatario ma se viene fuori qualche imprevisto...
                Ho tanta nostalgia di un'amica canadese in bikini che mi ha lasciato (e del didietro di una donzella conoscente di un altro forumer, di cui non ricordo il nome e che purtroppo non ho mai conosciuto...) :gaen:

                Commenta


                • #23
                  Originariamente inviato da Andy96 Visualizza il messaggio

                  In ferie o Inps?
                  Dovrei chiedere perchè non è mia materia ma tendenzialmente preferisco evitare si sbandierare troppo i caxxi miei .

                  Non me ne occupo io ma se il medico non lascia i giorni ... l'INPS è da scartare .
                  So che c'è anche permesso retribuito . O sbaglio ?
                  Originariamente inviato da Luca990
                  al mondo di oggi dove svieni per strada e nessuno si ferma a soccorrerti ma tutti sanno che a colazione hai mangiato #yogurtconfragole perch? ti sei fatto un selfie con sguardo ammiccante

                  Commenta


                  • #24
                    Originariamente inviato da Lele-R1-Crash Visualizza il messaggio

                    Dovrei chiedere perchè non è mia materia ma tendenzialmente preferisco evitare si sbandierare troppo i caxxi miei .

                    Non me ne occupo io ma se il medico non lascia i giorni ... l'INPS è da scartare .
                    So che c'è anche permesso retribuito . O sbaglio ?
                    si ma sta cosa è tristissima e di uno schifo totale dai... un datore di lavoro decide lui di lasciare a casa per precauzione un dipendente e questo deve bruciarsi per forza le sue sudate e maturate ferie e permessi che MAGARI userebbe in altri modi e volontariamente... va sempre a finire così, e proprio per totale intolleranza ho lottato duramente per non essere mai più uno schiavodipendente... tra datori e di lavoro e inps non so che categoria mi disgusta di più... ho amici che si sono bruciati mesi di ferie accumulati in anni per un "progetto" e ora si sono ritrovati a zero... ok che anche i datori hanno le mani legate a volte, ma la cosa che mi disgusta è che alla fine, a rimetterci, è sempre il dipendente...

                    Commenta


                    • #25
                      Originariamente inviato da Lele-R1-Crash Visualizza il messaggio
                      Un mio collega è a casa , mi dice che il medico di famiglia non vuole fargli fare il tampone anche su sua richiesta insistente .
                      Nel dubbio gli abbiamo detto di starsene in casa una decina di giorni , ma io chiedo per quale caxxo di motivo non si fa il tampone ad un cittadino che lo chiede spontaneamente ? Probabilmente è lui che ha la fobia del virus, ma nel dubbio io un tampone lo farei fare .
                      Scusa Lele, mica ho capito. A parte il fatto che non capisco questo come faccia ad essere tuo collega da dipendente, poiché tu non sei dipendente...

                      Sul tampone decide il medico di famiglia. Stop. Sia senza sintomi che con. E non è assolutamente detto che coi sintomi te lo faccia fare. Dipende. Il medico è lui e decide lui.

                      Questo sulla parte "medica".

                      Per il resto o lui ha sintomi ed allora sta a casa in malattia, Covid o meno, oppure se è ha fobie particolari e vuole farti il tampone che paghi e se lo faccia privatamente tramite ASL. Sono 70 Euro più eventuale contributo variabile.

                      Se sta a casa 10 giorni non in malattia per decisione sua, anche se consigliata da te è evidente che si bruci ferie e/o permessi perché giuridicamente non ha motivo di stare a casa
                      Ho tanta nostalgia di un'amica canadese in bikini che mi ha lasciato (e del didietro di una donzella conoscente di un altro forumer, di cui non ricordo il nome e che purtroppo non ho mai conosciuto...) :gaen:

                      Commenta


                      • #26
                        Originariamente inviato da freddy.bike Visualizza il messaggio

                        si ma sta cosa è tristissima e di uno schifo totale dai... un datore di lavoro decide lui di lasciare a casa per precauzione un dipendente e questo deve bruciarsi per forza le sue sudate e maturate ferie e permessi che MAGARI userebbe in altri modi e volontariamente... va sempre a finire così, e proprio per totale intolleranza ho lottato duramente per non essere mai più uno schiavodipendente... tra datori e di lavoro e inps non so che categoria mi disgusta di più... ho amici che si sono bruciati mesi di ferie accumulati in anni per un "progetto" e ora si sono ritrovati a zero... ok che anche i datori hanno le mani legate a volte, ma la cosa che mi disgusta è che alla fine, a rimetterci, è sempre il dipendente...

                        Leggo ora il tuo intervento. Come detto nel mio post precedente in realtà la cosa è frutto di un equivoco, quindi nata male.

                        La sostanza è:

                        - o il dipendente ha sintomi e quindi sta a casa in malattia, indipendentemente da quale malattia sia ed in tal caso il medico deciderà se fargli fare il tampone o meno ma intanto il dipendente è in malattia;

                        - o il dipendente non ha sintomi ed allora va a lavorare, pur in attesa di fare tutti i tamponi che vuole, per tutto il tempo che vuole.

                        Non esiste che per fobie proprie stia a casa giustificato in attesa di un tampone che vuole fare per decisione sua. O meglio, può anche farlo ma in tal caso è evidente che si bruci permessi e/o ferie appunto perché la decisione è sua. Il fatto che il datore consigli di stare a casa è irrilevante. E' appunto un consiglio e stop, senza alcun valore giuridico né gerarchico

                        Tutto ciò considerando anche il fatto che se ha tutta sta fobia per togliersela il prima possibile può fare un tampone a pagamento. Prendendo accordi da me sono venuti a farlo il giorno dopo a casa e con bonifico all'ASL di 70 Euro ho avuto i risultati il giorno dopo ancora (oggi) . Insomma, dopo due giorni è di nuovo al lavoro
                        Ho tanta nostalgia di un'amica canadese in bikini che mi ha lasciato (e del didietro di una donzella conoscente di un altro forumer, di cui non ricordo il nome e che purtroppo non ho mai conosciuto...) :gaen:

                        Commenta

                        Sto operando...
                        X