annuncio

Comprimi
Ancora nessun annuncio.

annuncio

Comprimi
Ancora nessun annuncio.

Evade dai domiciliari per non stare con la MOGLIE!

Comprimi
X
Comprimi
 
  • Filtro
  • Ora
  • Visualizza
Elimina tutto
nuovi messaggi

  • Font Size
    #1

    Evade dai domiciliari per non stare con la MOGLIE!


    Agli arresti domiciliari a Crotone insieme alla consorte, è uscito di casa infrangendo la legge ed era andato spedito nella caserma dei carabinieri più vicina alla sua abitazione. "Preferisco andare in carcere piuttosto che stare a casa con mia moglie", ha detto il detenuto, dopo l' ennesimo litigio. Così, oltre alla pena da scontare, una seconda condanna: quella per evasione. Ma la Cassazione ha ribaltato la sentenza, annullandola per assenza di reato.


    In realtà l'uomo è stato giudicato "non punibile per tenuità del fatto". La sentenza con la quale il Tribunale di Crotone, prima, e la corte d'appello di Catanzaro, poi, avevano disposto 2 mesi e 20 giorni di reclusione aggiuntiva per il marito insofferente, accusato di evasione, pochi giorni fa è stata annullata senza rinvio. Significa, precisa il Messaggero, che non verrà celebrato un nuovo processo di appello e che il protagonista della storia è stato prosciolto dalle contestazioni.

    Per la Cassazione, infatti, l'imputato non è punibile per la lieve entità del fatto e anche perché non avrebbe fatto deviazioni lungo il percorso: sarebbe uscito di casa e sarebbe andato direttamente in caserma, chiedendo di venire portato in carcere perché non voleva più abitare con la moglie, con la quale litigava costantemente. Una situazione diventata insostenibile e che aveva reso i domiciliari la peggiore delle condanne. Tanto da spingere l'uomo, letteralmente, a fuggire e a chiedere asilo in caserma.
    da tgcom24


  • Font Size
    #2
    Poveraccio ahaha

    Commenta


    • Font Size
      #3
      Assoluzione pienaaaaaaa...........

      Commenta


      • Font Size
        #4
        Poraccio!!!!

        Inviato dal mio MAR-LX1B utilizzando Tapatalk

        Commenta


        • Font Size
          #5
          Originariamente inviato da federicoronzani Visualizza il messaggio
          Assoluzione pienaaaaaaa...........
          No ma a questo va dato un appartamento e AIUTATO eh!

          Commenta


          • Font Size
            #6
            Infatti non capisco perché condannarlo... non è evaso per andare a spacciare ma uscito per andare direttamente dai carabinieri....mica poteva telefonare al telefono azzurro per esprimere il suo disagio, anche perché la moglie aguzzina gli avrebbe magari tirato una zoccolata nella testa se lo sentiva al telefono lamentarsi....

            Commenta


            • Font Size
              #7
              Originariamente inviato da mito22 Visualizza il messaggio
              Agli arresti domiciliari a Crotone insieme alla consorte, è uscito di casa infrangendo la legge ed era andato spedito nella caserma dei carabinieri più vicina alla sua abitazione. "Preferisco andare in carcere piuttosto che stare a casa con mia moglie", ha detto il detenuto, dopo l' ennesimo litigio. Così, oltre alla pena da scontare, una seconda condanna: quella per evasione. Ma la Cassazione ha ribaltato la sentenza, annullandola per assenza di reato.


              In realtà l'uomo è stato giudicato "non punibile per tenuità del fatto". La sentenza con la quale il Tribunale di Crotone, prima, e la corte d'appello di Catanzaro, poi, avevano disposto 2 mesi e 20 giorni di reclusione aggiuntiva per il marito insofferente, accusato di evasione, pochi giorni fa è stata annullata senza rinvio. Significa, precisa il Messaggero, che non verrà celebrato un nuovo processo di appello e che il protagonista della storia è stato prosciolto dalle contestazioni.

              Per la Cassazione, infatti, l'imputato non è punibile per la lieve entità del fatto e anche perché non avrebbe fatto deviazioni lungo il percorso: sarebbe uscito di casa e sarebbe andato direttamente in caserma, chiedendo di venire portato in carcere perché non voleva più abitare con la moglie, con la quale litigava costantemente. Una situazione diventata insostenibile e che aveva reso i domiciliari la peggiore delle condanne. Tanto da spingere l'uomo, letteralmente, a fuggire e a chiedere asilo in caserma.
              da tgcom24
              Hahahahahahahahhaha un mito!!

              Commenta

              X
              Sto operando...
              X