Announcement

Collapse
No announcement yet.

Announcement

Collapse
No announcement yet.

Tokyo 2020 . L'atleta italiano dell'anno

Collapse
X
Collapse
 
  • Filter
  • Time
  • Show
Clear All
new posts

  • Font Size
    #1

    Tokyo 2020 . L'atleta italiano dell'anno

    Fabio Fognini è stato eliminato negli ottavi di finale del torneo di tennis delle Olimpiadi di Tokyo. L'ultimo rappresentante italiano è stato battuto in tre set da Daniil Medvedev, numero 2 ATP. Ma la notizia è un'altra, perché ancora una volta il tennista ligure si è reso protagonista di uno sfogo inaccettabile in campo, dettato da adrenalina e tensione agonista, che l'ha portato abbondantemente oltre i limiti per i termini utilizzati. Soprattutto in considerazione del palcoscenico olimpico e del particolare momento storico che stiamo vivendo.


    Lo sfogo da censura di Fognini


    Dopo aver vinto il secondo set e aver messo in parità il punteggio dell'incontro, Fognini si procura due palle break in apertura di terzo set. Sa che l'occasione è grossa e quando manca la prima delle due opportunità si arrabbia, va su tutte le furie. Non se la prende con nessuno, né con l'arbitro né con l'avversario, ma solo con se stesso. Il problema è che la fa utilizzando parole inappropriate e oltrepassando il limite del buonsenso che può essere concesso ad un atleta in pieno sforzo agonistico, con l'adrenalina in circolo. "Sei un frocio, sei un frocio", urla nel silenzio di Tokyo. Poi si gira verso un raccattapalle, gli dice in italiano "dammi questa palla", la tira dall'altra parte della rete e aggiunge: "Sei un frocio perché devi tirarle sopra la rete". Avrebbe potuto sfogare la sua rabbia in tanti modi e il tutto sarebbe rientrato in una normale dinamica del tennis, ma Fognini ha scelto l'espressione sbagliata.



    La squalifica a Barcellona, le multe a Wimbledon e agli US Open


    Questo scivolone è solo l'ultimo di una lunga serie. Perché Fognini nell'arco della sua carriera molto spesso è stato autore di uscite infelici che gli sono costate carissimo e che, ahi lui, hanno fatto il giro del mondo. Lo scorso aprile nel torneo di Barcellona l'italiano è stato squalificato per aver detto qualcosa di offensivo a un giudice di linea, provvedimento che gli è costato squalifica e sconfitta con Bernabé Zapata nonostante la sua vigorosa difesa. A Wimbledon due anni fa, passò alle cronache per una frase scioccante pronunciata nel corso del match contro Sandgren: "Ma è giusto giocare qua? Maledetti inglesi… Scoppiasse una bomba su sto circolo, una bomba deve scoppiare". Subì una multa di 10 mila sterline e si scusò prontamente con gli organizzatori.



    Andò peggio agli US Open del 2017 quando Fognini proferì parole orribili nei confronti del giudice di sedia Engzell, alla quale vennero rivolti insulti sessisti. Fognini fu squalificato dal torneo di doppio e escluso con la condizionale dai due Slam successivi. Nei suoi trascorsi anche la frase "Uno zingaro di m****" urlata al serbo Krajinovic e la multa per condotta antisportiva a Wimbledon nel 2014. Una storia di limiti superati troppo spesso – e adesso anche alle Olimpiadi – da Fabio Fognini, tennista talentuoso che dovrebbe imparare a tenere a freno la lingua.
    Last edited by mito22; 28-07-21, 16:21.

  • Font Size
    #2
    Qualcuno gli può dire che non è McEnroe?

    bella figura di merda.. e questo va in giro a guadagnare milioni di euro con la bandiera italiana...

    Comment


    • Font Size
      #3
      Uno quindi non può nememno offendersi da solo? E se fosse stato gay?
      Se io sbaglio e mi dico "sono un etero ,un etero" vengo perseguito?
      So che è molto estrema la cosa...però sta diventando un mondo del kazzo
      A me va a finire che 'sto qua sta simpatico...

      Comment


      • Font Size
        #4
        è un pirla, soffre di incontinenza verbale ... però è bravo.
        Solo che gioca bene normalmente 1/2 partite su 5 ... in questa partita si è incazzato perchè stava giocando bene da 3 partite, poteva proseguire ... ma ha perso l'occasione, una delle ultime che gli rimangono.

        Comment


        • Font Size
          #5
          Tutto quello che volete.. ma non sei pet sampras o nadal.... che magari uno chiude un occhio.. dai su...

          Torna sulla terra.. e poi cmq. un atleta deve trattenersi.. è cmq. un esempio.... e una figura in vista.. dai su

          Comment


          • Font Size
            #6
            Peccato perchè ha talento e un braccio che tanti se lo sognano, peccato che il suo punto debole sia la testa.

            Comment


            • Font Size
              #7
              capito...sarà un po' sanguigno...mo uno non può dire più nulla?
              E il pallanuotista se la piglia col serbo perchè il serbo gli ha detto frocio...mo questo....
              e che palle dai (sia da tennis che d apallanuoto )
              Invece di frignare il gay spagnolo poteva tirar giù un'ofesa sui serbi o sulla mamma serba dell'altro giocatore ,su Tito o altra cosa dai.Mi sembrano tutti bambini delle elementari che han bisogno dlela maestra...han 30 anni cavolo

              Comment


              • Font Size
                #8
                Originally posted by luciocabrio View Post
                Fabio Fognini è stato eliminato negli ottavi di finale del torneo di tennis delle Olimpiadi di Tokyo. L'ultimo rappresentante italiano è stato battuto in tre set da Daniil Medvedev, numero 2 ATP. Ma la notizia è un'altra, perché ancora una volta il tennista ligure si è reso protagonista di uno sfogo inaccettabile in campo, dettato da adrenalina e tensione agonista, che l'ha portato abbondantemente oltre i limiti per i termini utilizzati. Soprattutto in considerazione del palcoscenico olimpico e del particolare momento storico che stiamo vivendo.


                Lo sfogo da censura di Fognini


                Dopo aver vinto il secondo set e aver messo in parità il punteggio dell'incontro, Fognini si procura due palle break in apertura di terzo set. Sa che l'occasione è grossa e quando manca la prima delle due opportunità si arrabbia, va su tutte le furie. Non se la prende con nessuno, né con l'arbitro né con l'avversario, ma solo con se stesso. Il problema è che la fa utilizzando parole inappropriate e oltrepassando il limite del buonsenso che può essere concesso ad un atleta in pieno sforzo agonistico, con l'adrenalina in circolo. "Sei un frocio, sei un frocio", urla nel silenzio di Tokyo. Poi si gira verso un raccattapalle, gli dice in italiano "dammi questa palla", la tira dall'altra parte della rete e aggiunge: "Sei un frocio perché devi tirarle sopra la rete". Avrebbe potuto sfogare la sua rabbia in tanti modi e il tutto sarebbe rientrato in una normale dinamica del tennis, ma Fognini ha scelto l'espressione sbagliata.



                La squalifica a Barcellona, le multe a Wimbledon e agli US Open


                Questo scivolone è solo l'ultimo di una lunga serie. Perché Fognini nell'arco della sua carriera molto spesso è stato autore di uscite infelici che gli sono costate carissimo e che, ahi lui, hanno fatto il giro del mondo. Lo scorso aprile nel torneo di Barcellona l'italiano è stato squalificato per aver detto qualcosa di offensivo a un giudice di linea, provvedimento che gli è costato squalifica e sconfitta con Bernabé Zapata nonostante la sua vigorosa difesa. A Wimbledon due anni fa, passò alle cronache per una frase scioccante pronunciata nel corso del match contro Sandgren: "Ma è giusto giocare qua? Maledetti inglesi… Scoppiasse una bomba su sto circolo, una bomba deve scoppiare". Subì una multa di 10 mila sterline e si scusò prontamente con gli organizzatori.



                Andò peggio agli US Open del 2017 quando Fognini proferì parole orribili nei confronti del giudice di sedia Engzell, alla quale vennero rivolti insulti sessisti. Fognini fu squalificato dal torneo di doppio e escluso con la condizionale dai due Slam successivi. Nei suoi trascorsi anche la frase "Uno zingaro di m****" urlata al serbo Krajinovic e la multa per condotta antisportiva a Wimbledon nel 2014. Una storia di limiti superati troppo spesso – e adesso anche alle Olimpiadi – da Fabio Fognini, tennista talentuoso che dovrebbe imparare a tenere a freno la lingua.
                Bella figuraccia.....

                Comment


                • Font Size
                  #9
                  Un povero imbecille...forte eh, per carità....ma a tennis la testa conta quasi più del braccio e a questo je ne manca parecchia.
                  Io l'avrei già radiato quando insultò pesantemente quella giudice di linea....non ricordo in quale torneo.

                  Comment


                  • Font Size
                    #10
                    Originally posted by mito22 View Post
                    Qualcuno gli può dire che non è McEnroe?
                    McEnroe era un mer.doso che insultava avversari, arbitri, pubblico e raccattapalle, tirando palline e racchette addosso agli altri, questo sbrocca ogni tre per due, ma almeno se la prende "quasi sempre" solo con se stesso

                    Comment


                    • Font Size
                      #11
                      Originally posted by Bulun View Post

                      McEnroe era un mer.doso che insultava avversari, arbitri, pubblico e raccattapalle, tirando palline e racchette addosso agli altri, questo sbrocca ogni tre per due, ma almeno se la prende "quasi sempre" solo con se stesso
                      ma infatti si è offeso(?) da solo.

                      Comment


                      • Font Size
                        #12
                        d'altro canto mica lo hanno soprannominato FOGNA per l'odore di calzino in campo.... ma per quello che esce dalla sua bocca spesso e volentieri...

                        Comment

                        X
                        Working...
                        X