Announcement

Collapse
No announcement yet.

Announcement

Collapse
No announcement yet.

Scoperta in Italia molecola che ferma crescita del Melanoma

Collapse
X
Collapse
 
  • Filter
  • Time
  • Show
Clear All
new posts

  • Font Size
    #1

    Scoperta in Italia molecola che ferma crescita del Melanoma

    Passi avanti nella lotta contro il melanoma maligno grazie a un gruppo di ricerca italiano che ha scoperto una molecola, appartenente alla classe dei microRNA e chiamata miR-579-3p, che agisce come soppressore della crescita tumorale. Lo studio, pubblicato sulla rivista scientifica PNAS, ? stato condotto dall?Istituto Pascale di Napoli guidato dal direttore scientifico, Gennaro Ciliberto, e dal direttore della struttura complessa di Oncologia medica Melanoma, Paolo Ascierto. La ricerca ? stata finanziata da Airc in collaborazione con il laboratorio di Carlo Croce all?Universit? di Columbus negli Stati Uniti.

    Il miR-579-3p controlla la produzione di due importanti proteine chiamate oncogeni che promuovono la crescita tumorale. I ricercatori hanno dimostrato che questa piccola molecola funziona da soppressore della crescita tumorale. E' presente cio? in abbondanza nei normali nei, ma la sua quantit? diminuisce sempre di pi? man mano che il melanoma diventa pi? aggressivo. Fatto ancora pi? importante ? la sua ulteriore riduzione nei melanomi che diventano resistenti col tempo ai farmaci inibitori di Braf e di Mek.

    Se la molecola viene "somministrata" alle cellule tumorali dall'esterno, i livelli degli oncogeni scendono e le cellule iniziano a morire. Inoltre, osservazione importante per le sue possibili implicazioni terapeutiche, la "somministrazione" di questa molecola insieme agli inibitori di Braf e Mek impedisce la formazione di cellule resistenti ai due farmaci.

    ''Alla luce di questi risultati si pu? aprire la possibilit? - dice Gennaro Ciliberto - di utilizzare attraverso approcci nanotecnologici il miR-579-3p come farmaco per migliorare le attuali terapie. Inoltre, si potranno misurare i livelli del miR nel sangue come nuovo biomarcatore per predire in maniera precoce l'evoluzione dalla malattia e lo sviluppo di resistenza alle terapie''.
    da tgcom24

  • Font Size
    #2
    Vediamo se porta a qualcosa di buono

    Comment


    • Font Size
      #3
      Finalmente una bella notizia che d? speranza!

      Comment


      • Font Size
        #4
        Sempre che interessi a qualcuno, ma ho i miei ragionevoli dubbi

        "Ho sempre criticato i media mainstream in quanto vergognosamente servili al Sistema.
        A tal proposito ho scritto anche un libro contro la televisione. Ma devo fare ammenda.
        Devo ricredermi, anche perch? l’umilt? di una persona ? ammettere i propri errori e i propri sbagli.
        Mi riferisco all’ultima trasmissione di Porta a Porta andata in onda marted? 20 settembre su Rai Uno e condotta magistralmente dal grande giornalista Bruno Vespa.
        Tema della trasmissione “Cancro: le cure ufficiali aiutano a guarire o no?”.

        Tra gli intervistati il sottoscritto e il dottor Paolo Rossaro.
        Davo per scontato che si sarebbero sbizzarriti nei tagli e nelle censure, primo perch? la trasmissione non va in diretta e secondo perch? il tema ? delicatissimo e smuove interessi enormi. Con mio stupore invece le cose sono andate diversamente…
        Proprio per questo motivo voglio ringraziare pubblicamente Bruno Vespa perch? ? riuscito a portare un argomento ostico facendo passare una serie di messaggi molto importanti per la gente comune.
        In studio vi era il direttore di un istituto tumorale di Milano, il presidente dei farmacisti e in collegamento la figlia di una povera donna morta che aveva rifiutato le cure ufficiali.

        Il senso profondo della trasmissione non verteva soltanto sull’annosa diatriba chemio s? o chemio no, ma soprattutto sulla libert? di scelta terapeutica che oggi in Italia, nonostante le belle parole, non esiste.
        Oggi infatti un medico ? libero in Scienza e Coscienza di seguire un suo paziente che rifiuta le cure ufficiali? Se il medico segue le volont? dell’assistito, nel caso in cui le cose non andassero come sperato, ? giusto che venga incriminato? Il consenso informato firmato da tutti i pazienti di fronte al medico curante serve legalmente o ? semplice carta straccia? I protocolli oncologici che rientrano nella cosiddetta scienza basata sulle evidenze, che impatto hanno sulla salute dei malati e qual ? il loro reale contributo nella sopravvivenza?
        Tematiche molto impegnative e difficili da gestire anche per il principale canale Rai.

        Il dottor Paolo Rossaro grazie alla sua quarantennale esperienza di medico di famiglia, ha lungamente e dettagliatamente spiegato quanto ? importante il rispetto della persona, non del “paziente” o del “malato”, ma della creatura che si ha davanti; il rispetto poi delle scelte individuali sempre pi? spesso disattese. In pratica il rispetto totale per la Vita!

        Rossaro ? riuscito a portare all’attenzione dei milioni di telespettatori incollati davanti allo schermo l’importanza della parola, che se usata male pu? essere pericolosissima.
        Quante diagnosi frettolose, fredde, distaccate e totalmente disumane vengono fatte ogni giorno? Per non parlare delle prognosi mortali: “lei ha 6 mesi di vita”, “le resta si e no 1 anno da vivere”, “se non fa la cura morir?”, ecc., le quali possono essere peggio della malattia stessa.
        La parola pu? uccidere realmente e non solo metaforicamente, anche perch? se le parole spengono la speranza non rimane pi? nulla se non l’oblio e la morte…
        Quanti medici, abituati a vedere malati da mattina a sera, hanno perduto la loro umanit? e la fondamentale capacit? di saper ascoltare? Questo purtroppo accade quotidianamente nei reparti di oncologia, nei vari studi medici di importanti oncologi.

        Ha riscosso molta attenzione da parte di Vespa invece tutto il discorso del dottor Rossaro sull’interazione tra la mente e il corpo. Oramai negare tale interazione significa non solo essere totalmente ignoranti, significa violentare l’essenza stessa dell’uomo, il quale ? un essere complesso composto non solo da cellule e organi.
        Infine il dottor Rossaro ha avuto anche il tempo di parlare di libert? di scelta terapeutica, la quale rientra nei valori sacrosanti sanciti dalla Costituzione della Repubblica italiana e dalla Dichiarazione dei Diritti dell’Uomo.

        Il sottoscritto ? stato invece stimolato dalla giornalista a parlare del business che ruota attorno al cancro.
        Non ho potuto non dire con fermezza che si tratta del business per eccellenza, visto che stiamo parlando di una delle spese pi? cospicue per ogni sistema sanitario nazionale.
        I farmaci chemioterapici costano pi? di ogni altro farmaco e le industrie lo sanno molto bene…
        Il cancro ? un business fantamiliardario.

        Con il cancro ci guadagnano le industrie farmaceutiche, quelle che costruiscono apparecchiature, le cliniche e gli istituti oncologici, tutte le associazioni di ricerca e ovviamente gli stessi oncologi.
        Se domani il cancro sparisse dalla faccia della terra a piangere sarebbero in molti!
        L’aria in studio era cos? calda che Bruno Vespa ha ritardato a mandare la reclame perch? voleva sapere se la chemioterapia serve a guarire o a ingrassare le casse delle lobbies.

        Precisato che la chemioterapia rappresenta il guadagno massimo per le industrie chimiche, ho sottolineato che i protocolli proprio per questo motivo non si possono toccare, ? un argomento tab?.
        Il grosso problema ? il numero crescente di persone che stanno prendendo coscienza su tematiche legate alla salute: a partire dall’alimentazione, passando per i vaccini e giungendo alle terapie oncologiche.

        Obiettando alle vaccinazioni pediatriche il danno economico lo hanno sentito subito, ma se tale ammanco accadesse nell’ambito della chemio il risultato sarebbe devastante per le industrie. Ecco perch? stanno correndo ai ripari organizzandosi in una vera e propria caccia alle streghe.
        “Ma servono oppure no?” mi incalzava Vespa sempre pi? morboso.
        A questo punto, prendendo la palla al balzo, ho citato lo studio osservazionale pi? imponente mai realizzato al mondo e pubblicato nel dicembre del 2004 dalla rivista Clinical Oncology.
        Uno studio della durata di 14 anni su oltre 227.000 pazienti sui 22 tipi di tumori pi? diffusi.
        Il titolo: “Contributo della chemioterapia citotossica alla sopravvivenza a 5 anni dei tumori in adulti” non lascia spazio a male interpretazioni.
        Il presidente dei farmacisti sembrava seduto su dei tizzoni ardenti, avrebbe voluto alzarsi e andarsene ma non poteva….
        Continuo con estrema calma dicendo che gli autori dello studio quando i dati erano incerti hanno deliberatamente stimato in eccesso i benefici della chemioterapia.
        Nonostante questo, la conclusione ha fatto sbiancare Vespa e sobbalzare sulla sedia gli ospiti in studio: la chemioterapia contribuisce (qui ho alzato un po’ la voce per calcare la mano) alla sopravvivenza a 5 anni per un misero 2,3 % in Australia e un 2,1% negli Stati Uniti. Smarrimento in studio: nessuno aveva mai citato in tiv? questi dati ufficiali sulla chemio.

        Vespa gi? gongolava proiettando nella sua mente i titoli dei quotidiani del giorno dopo: “Prima in studio i capi mafia, ora da Vespa la chemio uccide pi? della malattia”.
        Nessuno sapeva cosa fare e cosa dire, per cui approfittando del generale congelamento cerebrale ho aggiunto che molti medici continuano a pensare che la chemioterapia possa aumentare significativamente la sopravvivenza dal cancro, ma non ? cos? e le prove non mancano.
        Un secondo prima che Vespa lanciasse la pubblicit? sono riuscito a porre la fatidica domanda: se la chemioterapia citotossica contribuisce nella sopravvivenza a 5 anni per il 2%, cos’? accaduto al rimanente 98% delle persone?
        …Pubblicit?….

        Al rientro, a conferma di quanto detto, sparo l’ultima cartuccia a disposizione citando l’intervista fatta al responsabile dell’obitorio di un ospedale, che per motivi di privacy e di sicurezza non ho citato.
        Alla mia secca domanda: “Quanti cadaveri arrivano da lei che hanno fatto la chemio?”, risponde con un lapidario: “almeno 9 su 10”…
        Chiudo il mio intervento lisciando un po’ il pelo al conduttore, anche perch? se lo merita.

        Grazie Vespa per lo spazio che hai dedicato nella tua trasmissione a questo importantissimo argomento. Straordinario ? anche il modo in cui lo hai trattato, lasciando parlare non solo gli esperti accademici, i professoroni spessissimo consulenti pagati delle multinazionali del farmaco, quelli che vivono con il mantenimento dell’attuale sistema, quelli che vivono grazie al cancro, ma hai lasciato parlare anche i Medici che sono in prima linea, quei Medici che in Scienza e Coscienza combattono ogni giorno per il bene dei propri assistiti.
        Sei un faro che illumina la lunga e buia notte dell’informazione di Regime.

        Mi metto a tacere dicendo che la Vita, aldil? dei numeri snocciolati dagli esperti sulle guarigioni (il 90-95% delle persone), ci sta raccontando cose che vanno in direzione contraria a quella che la scienza ufficiale e il mondo accademico vorrebbero farci credere. Si muore di cancro (o per le cure) e pi? di prima. Non lo dico io ma la Vita.
        Fine. Titoli di coda.

        Non posso crederci che sia andata cos?: ha finalmente fatto breccia la Verit?!
        Poi qualcosa m’ha destato svegliandomi dal sonno… Il pensiero ? andato subito a Porta a Porta, a Bruno Vespa….e una scarica diarroica mi ha riportato alla realt?!
        Sul water pensando a Vespa che sceglieva il titolo ho capito che il suo intento era far passare un messaggio occulto.
        “Finte cure che uccidono”, perch? "finte" e perch? "uccidono"? Da decenni l’epidemiologia dimostra che con il tumore si sopravvive pi? a lungo quando non si fa la chemio o quando si intraprende una qualsiasi altra strada.

        Poi mentre lo sciacquone faceva il suo ingrato compito, l’illuminazione: Vespa non ce l’ha con le cure complementari, anzi. Con quel titolo voleva avvisare spettatori e medici che nell’attuale paradigma ad uccidere non devono essere le finte cure ma quelle vere. E il motivo ? prettamente economico.
        Tutti prima o poi ce ne andremo nei mondi spirituali, ma la morte non dovrebbe essere accompagnata da vitamina C o peggio ancora da bicarbonato di sodio o da clisteri al caff? (col rischio pure di guarire). I costi sono risibili e per il PIL nazionale ? meglio una dipartita grazie alle armi chimiche derivate del gas iprite (mostarda azotata vietata dalle convenzioni internazionali in guerra, ma legittima nella guerra al cancro) spendendo centinaia di migliaia di euro…
        Solo cos? si pu? uscire dalla crisi.
        GRAZIE VESPA!"

        Comment


        • Font Size
          #5
          Molto lungo da leggere....posso anche crederci, tra l'altro non sono un assiduo sostenitore delle cure farmaceutiche e credo che in primis esista il business economico sulle cure fatte e in secondo piano la soluzione reale per il paziente....ma..negli ultimi 3 anni 2 amici si sono ammalati di tumore (et? tra i 38 e 42 anni), ed un conto e ragionare dal di fuori...un conto ? trovarcisi dentro...
          Se ti ci ritrovi dentro...all'improvviso, senza preavvisi e la tua vita cambia non da un anno all'altra ma da un secondo all'altro, non ? pi? facile ponderare cosa ? giusto o sbagliato fare...ti ritrovi solo e il pi? delle volte non sai che fare e come.
          Fatto sta che nel bene o nel male, tali amici grazie alle cure e alla chemio...per ora ne sono fuori...
          Come sarebbe andata se al posto di seguire i consigli dei medici si fossero appoggiati alla medicina alternativa? Chi lo sa... forse peggio o forse meglio....
          La paura quando ci 6 dentro non e' tanta, ? troppa e fidarsi di bicarbonati erbe ecc diventa pi? difficile di quando si scopre di avere una cistite e si sceglie di usare l'uva ursina al posto di fare dei cicli antibiotici...
          Last edited by Bladegreen; 23-09-16, 11:39.

          Comment


          • Font Size
            #6
            Sentire dire di Vespa "Sei un faro che illumina la lunga e buia notte dell?informazione di Regime", mi fa ricredere sulle capacit? di questo dottore e sulle parole da lui dette.
            Molti dubbi li nutro anch'io sull'utilit? della chemio ma penso anche che le percentuali fornite da questo dottore siano troppo basse, non mi pare possibile che di tutti quelli che fanno la chemio solo il 2-3% sconfigge il tumore.
            Last edited by TommySan; 23-09-16, 13:23.

            Comment


            • Font Size
              #7
              Originally posted by TommySan View Post
              Sentire dire di Vespa "Sei un faro che illumina la lunga e buia notte dell?informazione di Regime", mi fa ricredere sulle capacit? di questo dottore e sulle parole da lui dette.
              Molti dubbi li nutro anch'io sull'utilit? della chemio e penso anche che le percentuali fornite siano troppo basse, non mi pare possibile che di tutti quelli che fanno la chemio solo il 2-3% sconfigge il tumore.
              Pi? che mai la chemio demolisce anche tutto il resto, quindi magari il tumore lo schianti pure ma ci sono altre mille cose che si possono incasinare bha

              Comment

              X
              Working...
              X