Announcement

Collapse
No announcement yet.

Announcement

Collapse
No announcement yet.

a piedi...

Collapse
X
 
  • Filter
  • Time
  • Show
Clear All
new posts

  • gabelbrucken
    replied
    Bravo Brucche

    Inviato dal mio MI MAX utilizzando Tapatalk

    Leave a comment:


  • brucche
    replied
    Originally posted by ciaps View Post
    Stasera sono un po' "onco" lasciatemi sfogare
    Quando mi sono iscritto a questo forum, nel 2003, guidavo uno scooterone ma bramavo una hornet. Qualche settimana a girare per i vari 3d ed il calabrone giallo era nel mio garage. I fine settimana su e gi? per i passi, Futa Muraglione o semplicemente Scarperia "a vedere quelli che giravano in pista". Sono sempre stato un fermone, sempre guidato con prudenza per quanto sia difficile se non impossibile andare a velocit? codice con una moto moderna la Honda ? durata poco, il manubrio largo non mi dava le sensazioni che cercavo e passare ad un Suzuki gsxr 600 k3 Alstare fu facile e da li andare a Magione quasi una normale conseguenza. Con il Suzuki ho consumato la mia prima saponetta e quella vibrazione che ti da l'esatta percezione della velocit? me la ricordo ancora.
    Quando nasce il primo figlio ti senti responsabile e " vendo la moto". Continuavo a passare le ore su questo forum per vedere cosa facevano "i miei amici delle moto" a girarmi tutte le volte che qualcuno scannava una marcia. Ho provato la bici, ho provato il kart ma niente mi dava le sensazioni della moto Quando ? nata mia figlia ho scommesso che se fossi dimagrito 15 kg , e si avevo smesso di fumare e mi era unzippato, avrei ricomprato la moto, una moto tranquilla solo per andare in ufficio o qualche passeggiata"...un monster. DIMAGRITO! Non avevo mai avuto un Ducati ed il rumore della frizione a secco esaltava il mio lato tamarro. Trovai un S4R (il 996), per mia moglie era solo un tranquillo monster; me ne innamorai una mattina andando in ufficio: girai la manopola del gas e senza volere mi trovai in monoruota.
    Natale 2012 mi sono regalato il DRE al Mugello. Essere in quella pista che tante volte avevo visto dall'esterno ed in cui avevo talvolta girato in auto era uno spettacolo, non andavo in pista da quasi 10 anni ma alla terza curva grattavo che era una bellezza. Tornato a casa ed il Monster era in vendita, 6 mesi di caccia ed ? arrivata lei: http://www.daidegasforum.com/forum/p...37871-251.html. Con lei ho provato ad andare un po' sui passi ma pur continuando a guidare con prudenza il tachimetro mostrava sempre numeri a 3 cifre. La prima volta al Mugello fu molto diversa rispetto al DRE dopo un turno avevo cotto i freni. Andava molto di pi? di un 848! Da li la scelta di fare solo pista. In realt? per convincermi fu utile una scivolata alla Poggio Secco. Giravo dietro a Palix quando mi trovai a scivolare e a finire in ghiaia, incredibilmente moto senza danni ed io pure, Al turno successivo ero di nuovo sulla giostra ma non appena tornato a casa via le carene originali, l'intero mese di agosto chiuso in garage a verniciare e a settembre ero pronto.
    Per 4 anni la moto ? stata la mia valvola di sfogo "il posto solo mio", l'inverno pensando alle piccole modifiche e a riguardare video e foto delle pistate, l'estate a ritagliare il tempo per le mie 3 pistate annuali ed a concentrare in quelle 3 giornate il desiderio di adrenalina, il rumore del motore uscendo dalla corsia box, la sensazione di essere su un rollecoaster entrando alla Casanova o il cielo visto uscendo dall'Arrabbiata 2 "che la retta via era smarrita" Lo scorso anno probabilmente ? stato l'anno motociclisticamente per me pi? appagante, il mio tempo ? sceso di 4 secondi (il best non lo metto perch? probabilmente ? il tempo che molti in questo forum fanno nel giro di lancio) ed in ogni caso il tempo ? relativo. La parte agonistica non mi appartiene, il mio avversario sono io, la sensazione di migliorare di crescere ? quello che mi muove sia nella vita sia con il casco in testa e la pista ne ? una metafora interessante. I miei miglioramenti dello scorso anno erano legati a 2 input di Palix:
    • Mantieni il respiro regolare
    • Guarda il punto di frenata e poi volgi lo sguardo alla fine della curva

    Per alcuni versi gli stessi concetti sono applicabili anche nella vita di tutti i giorni: a volte aiuta imporsi di restare tranquilli, di rallentare il respiro, per affrontare le cose e talvolta occorre guardare oltre la difficolt?, alzare lo sguardo e vedere dove stiamo andando per trovare le motivazioni per raggiungere quello a cui aspiriamo.
    Quest'anno il giochino si ? rotto: il rumore del motore uscendo dal box era sempre li, la Casanova sempre un tuffo al cuore e vogliamo parlare dello squarcio di cielo che si ammira da dentro l'arrabbiata 2? Per? ho visto anche altro...la sempre maggiore fatica nell'organizzare le pistate, cerca le gomme, controlla il carrello, stringi qui ungi la, qualche collega un po' pi? fava del dovuto, quello che ti passa a vita persa in un turno amatori, .... poi magari ti sdrai su una curva perch? la gomma anteriore improvvisamente ? finita. Alla fine ti trovi a pensare che forse non ti diverti pi?, che il vento che ti investe quando dopo lo scollino in fondo al rettilineo esci dal cupolino ? troppo.

    Oggi la mia Suzuki ? finita su un furgone, sar? rimessa stradale e venduta all'estero, nel mio garage sono rimasti solo i cavalletti; sono convito di quello che ho fatto ma la sensazione di non essere pi? un motociclista stasera fa un po' male.
    Continuer? a bazzicare il forum ed a leggere i vostri tempi record, le pistate di gruppo, delle moto ultimo grido e di chi con moto anziane va comunque forte, di chi piega, di chi impenna, di chi frega il gomito e di chi per la prima volta tocca con il ginocchio.
    Voi fate i bravi e che sia una pista o un giro sui passi fate in modo di tornare sempre a casa
    Ti capisco amico ciaps!Ma hai 50 anni e vedrai che prima o poi ti salir? ancora quella voglia di moto .....magari non sar? pi? estrema,ma dai retta che si trovano le moto giuste per il periodo di vita che stai vivendo....

    Leave a comment:


  • msrduke
    replied
    Originally posted by federicoronzani View Post
    Mah ... Se ti trombano la moto te ne accorgi , se ti trombano la Donna no!! Ah ah ah ....

    Inviato dal mio SM-G930F utilizzando Tapatalk
    Vero, il detto dice cos?, ma molto dipende da quanto si adusi ad essere c0rnut@zzi. :gaen:
    Last edited by msrduke; 26-08-17, 11:26.

    Leave a comment:


  • Carapintadas
    replied
    Originally posted by federicoronzani View Post
    Mah ... Se ti trombano la moto te ne accorgi , se ti trombano la Donna no!! Ah ah ah ....

    Inviato dal mio SM-G930F utilizzando Tapatalk
    ed anche economicamente siamo agli opposti...bella differenza

    Leave a comment:


  • federicoronzani
    replied
    Mah ... Se ti trombano la moto te ne accorgi , se ti trombano la Donna no!! Ah ah ah ....

    Inviato dal mio SM-G930F utilizzando Tapatalk

    Leave a comment:


  • msrduke
    replied
    Originally posted by gabelbrucken View Post
    Va bene cos?, l importante ? che tiri l uccello

    Inviato dal mio Moto G (5) Plus utilizzando Tapatalk
    Vero! Quello prima di tutto, visto che la gnocca ? l'unica cosa meglio delle moto!!!

    Leave a comment:


  • Carapintadas
    replied
    Originally posted by gabelbrucken View Post
    Io col senno di poi credo di non averla mai AMATA in senso stretto... Era probabilmente uno sfogo o un compensare altro... Io vivo su due ruote ancora... Con lo scooter... 80km die per guadagnarmi il pane... E 19mila euro di moto a marcire in garage. Ogni tanto la tiro su'.. la guido un po'...e mi chiedo come ho fatto a rimanere "motociclista" per cos? tanto tempo (e tanti soldi mannaggialapupazza)

    Inviato dal mio Moto G (5) Plus utilizzando Tapatalk
    vista ieri a RE da Ruote da Sogno la moto per te...una dugatti 900 MHR del 77 fondo di magazzino ancora da immatricolare meno di venti km...quella ? la moto da rimirare e basta...ma prepara la pilla

    Leave a comment:


  • gabelbrucken
    replied
    Io col senno di poi credo di non averla mai AMATA in senso stretto... Era probabilmente uno sfogo o un compensare altro... Io vivo su due ruote ancora... Con lo scooter... 80km die per guadagnarmi il pane... E 19mila euro di moto a marcire in garage. Ogni tanto la tiro su'.. la guido un po'...e mi chiedo come ho fatto a rimanere "motociclista" per cos? tanto tempo (e tanti soldi mannaggialapupazza)

    Inviato dal mio Moto G (5) Plus utilizzando Tapatalk

    Leave a comment:


  • gabelbrucken
    replied
    Originally posted by ciaps View Post
    Stasera sono un po' "onco" lasciatemi sfogare
    Quando mi sono iscritto a questo forum, nel 2003, guidavo uno scooterone ma bramavo una hornet. Qualche settimana a girare per i vari 3d ed il calabrone giallo era nel mio garage. I fine settimana su e gi? per i passi, Futa Muraglione o semplicemente Scarperia "a vedere quelli che giravano in pista". Sono sempre stato un fermone, sempre guidato con prudenza per quanto sia difficile se non impossibile andare a velocit? codice con una moto moderna la Honda ? durata poco, il manubrio largo non mi dava le sensazioni che cercavo e passare ad un Suzuki gsxr 600 k3 Alstare fu facile e da li andare a Magione quasi una normale conseguenza. Con il Suzuki ho consumato la mia prima saponetta e quella vibrazione che ti da l'esatta percezione della velocit? me la ricordo ancora.
    Quando nasce il primo figlio ti senti responsabile e " vendo la moto". Continuavo a passare le ore su questo forum per vedere cosa facevano "i miei amici delle moto" a girarmi tutte le volte che qualcuno scannava una marcia. Ho provato la bici, ho provato il kart ma niente mi dava le sensazioni della moto Quando ? nata mia figlia ho scommesso che se fossi dimagrito 15 kg , e si avevo smesso di fumare e mi era unzippato, avrei ricomprato la moto, una moto tranquilla solo per andare in ufficio o qualche passeggiata"...un monster. DIMAGRITO! Non avevo mai avuto un Ducati ed il rumore della frizione a secco esaltava il mio lato tamarro. Trovai un S4R (il 996), per mia moglie era solo un tranquillo monster; me ne innamorai una mattina andando in ufficio: girai la manopola del gas e senza volere mi trovai in monoruota.
    Natale 2012 mi sono regalato il DRE al Mugello. Essere in quella pista che tante volte avevo visto dall'esterno ed in cui avevo talvolta girato in auto era uno spettacolo, non andavo in pista da quasi 10 anni ma alla terza curva grattavo che era una bellezza. Tornato a casa ed il Monster era in vendita, 6 mesi di caccia ed ? arrivata lei: http://www.daidegasforum.com/forum/p...37871-251.html. Con lei ho provato ad andare un po' sui passi ma pur continuando a guidare con prudenza il tachimetro mostrava sempre numeri a 3 cifre. La prima volta al Mugello fu molto diversa rispetto al DRE dopo un turno avevo cotto i freni. Andava molto di pi? di un 848! Da li la scelta di fare solo pista. In realt? per convincermi fu utile una scivolata alla Poggio Secco. Giravo dietro a Palix quando mi trovai a scivolare e a finire in ghiaia, incredibilmente moto senza danni ed io pure, Al turno successivo ero di nuovo sulla giostra ma non appena tornato a casa via le carene originali, l'intero mese di agosto chiuso in garage a verniciare e a settembre ero pronto.
    Per 4 anni la moto ? stata la mia valvola di sfogo "il posto solo mio", l'inverno pensando alle piccole modifiche e a riguardare video e foto delle pistate, l'estate a ritagliare il tempo per le mie 3 pistate annuali ed a concentrare in quelle 3 giornate il desiderio di adrenalina, il rumore del motore uscendo dalla corsia box, la sensazione di essere su un rollecoaster entrando alla Casanova o il cielo visto uscendo dall'Arrabbiata 2 "che la retta via era smarrita" Lo scorso anno probabilmente ? stato l'anno motociclisticamente per me pi? appagante, il mio tempo ? sceso di 4 secondi (il best non lo metto perch? probabilmente ? il tempo che molti in questo forum fanno nel giro di lancio) ed in ogni caso il tempo ? relativo. La parte agonistica non mi appartiene, il mio avversario sono io, la sensazione di migliorare di crescere ? quello che mi muove sia nella vita sia con il casco in testa e la pista ne ? una metafora interessante. I miei miglioramenti dello scorso anno erano legati a 2 input di Palix:
    • Mantieni il respiro regolare
    • Guarda il punto di frenata e poi volgi lo sguardo alla fine della curva

    Per alcuni versi gli stessi concetti sono applicabili anche nella vita di tutti i giorni: a volte aiuta imporsi di restare tranquilli, di rallentare il respiro, per affrontare le cose e talvolta occorre guardare oltre la difficolt?, alzare lo sguardo e vedere dove stiamo andando per trovare le motivazioni per raggiungere quello a cui aspiriamo.
    Quest'anno il giochino si ? rotto: il rumore del motore uscendo dal box era sempre li, la Casanova sempre un tuffo al cuore e vogliamo parlare dello squarcio di cielo che si ammira da dentro l'arrabbiata 2? Per? ho visto anche altro...la sempre maggiore fatica nell'organizzare le pistate, cerca le gomme, controlla il carrello, stringi qui ungi la, qualche collega un po' pi? fava del dovuto, quello che ti passa a vita persa in un turno amatori, .... poi magari ti sdrai su una curva perch? la gomma anteriore improvvisamente ? finita. Alla fine ti trovi a pensare che forse non ti diverti pi?, che il vento che ti investe quando dopo lo scollino in fondo al rettilineo esci dal cupolino ? troppo.

    Oggi la mia Suzuki ? finita su un furgone, sar? rimessa stradale e venduta all'estero, nel mio garage sono rimasti solo i cavalletti; sono convito di quello che ho fatto ma la sensazione di non essere pi? un motociclista stasera fa un po' male.
    Continuer? a bazzicare il forum ed a leggere i vostri tempi record, le pistate di gruppo, delle moto ultimo grido e di chi con moto anziane va comunque forte, di chi piega, di chi impenna, di chi frega il gomito e di chi per la prima volta tocca con il ginocchio.
    Voi fate i bravi e che sia una pista o un giro sui passi fate in modo di tornare sempre a casa
    Mah. Io mi stupirei del contrario santissimo il signore Ges?... Va bene cos?, l importante ? che tiri l uccello

    Inviato dal mio Moto G (5) Plus utilizzando Tapatalk

    Leave a comment:


  • jakal
    replied
    Originally posted by bobber View Post
    ma l'italiano comprende anche la lettura dei titoli?


    Dai su non rosicare sembra tanto che ti vuoi arrampicare sugli specchi.... ok ok hai ragione tu [emoji23][emoji23][emoji23]


    Inviato dal mio iPhone utilizzando Tapatalk

    Leave a comment:


  • bobber
    replied
    ma prenditela giova aspetta aspetta sono passati 12 anni, se aspetti ancora diventi vecchio...prendine una, male che va far? la muffa in garage, ma se una volta ogni tanto riesci a salirci e fare un giro ne sar? valsa la pena

    Leave a comment:


  • giova3419
    replied
    quando ciclicamente vengono fuori discussioni di questi tipo cerco sempre di consolare il malcapitato di turno dicendo da quanto tempo non guido una moto. L'ultima volta ? ancora quella: 01.10.2005 al Mugello. Quindi il prossimo ottobre sono 12 anni. Vedi tu... Sicuramente si vive anche senza. Sicuramente si vive in un altro modo. Ora, dopo anni in cui sono stato molto impegnato con casa, famiglia, ecc...e sono stato molto felice in altri modi, al sorgere di una profonda crisi familiare... mi manca davvero tanto...

    Se in futuro sar? nuovamente compatibile con la mia vita credo proprio che me ne riprender? una...

    Leave a comment:


  • bobber
    replied
    Originally posted by jakal View Post
    l'italiano ? bello perch? non ? un'opinione....lo so che si parla di moto ma tu hai un attimino sorvolato sul generale e non ti sei soffermato sul mondo motociclistico se rileggi cosa hai scritto ti renderai conto che parlavi in generale
    cos? giusto per....


    non mi sembra un commento rivolto al mondo delle moto...
    ma l'italiano comprende anche la lettura dei titoli?

    Leave a comment:


  • jakal
    replied
    Originally posted by bobber View Post
    ma parlavamo di motociclette o briscola?
    si ma se scrivi in generale ti rispondo in generale eh poi vuoi avere ragione figurati che problema c'? ma al mio paese leggo quello che scrivi di certo non interpreto...

    Leave a comment:


  • ciaps
    replied
    Originally posted by VIL 990 View Post
    Caro amico Ciaps... ti capisco, anch'io ci sono passato
    Ero arrivato al punto che, caricato la sera il furgone, la mattina seguente voglia zero, quindi non partivo nemmeno... la fatica superava il gusto.
    Venduto quindi il bmw (al quale ero veramente affezionato) ho comunque ripiegato su altri mezzi, prima scooter e attualmente moto stradale pseudo-turistica
    Non credo sia una questione di figli, o in generale di responsabilit?, come dice Mito ci sono momenti in cui per qualche oscuro ed inconsapevole motivo quello che fino a ieri ti appagava oggi non ti fa provare le stesse sensazioni.
    Il pi? delle volte capita per un fenomeno di "compensazione"... ma talvolta accade senza avere altro che ci appaga in egual misura... e la cosa ? triste perch? in fondo facciamo fatica a comprenderla.
    Poi magari una mattina ci svegliamo ed improvvisamente riscopriamo che quella passione non ? mai svanita e pensando a quelle stupende sensazioni il cuore batte ancora forte... ? la vita, ? la natura umana... tutto imprevedibile, incalcolabile.
    Centro!

    Oggi ho fatto una full immersion di letture sull'OHVALE

    Leave a comment:

X
Working...
X