Announcement

Collapse
No announcement yet.

per gentile concessione di GIANCARLO FALAPPA

Collapse
This is a sticky topic.
X
X
Collapse
  • Filter
  • Time
  • Show
Clear All
new posts

  • per gentile concessione di GIANCARLO FALAPPA






































  • #2
    SEMPRE MITIKO.....................

    Comment


    • #3
      Ma è vera la storia di quando voleva una moto ufficiale, rincorse uno della Ducati sull'autostrada A14 e in piena velocità lo affiancò aprendogli la porta della macchina per farlo fermare??!!

      Comment


      • #4
        Originally posted by Breeze
        Ma è vera la storia di quando voleva una moto ufficiale, rincorse uno della Ducati sull'autostrada A14 e in piena velocità lo affiancò aprendogli la porta della macchina per farlo fermare??!!
        LA STORIA E' QUESTA:lucchinelli suo team manger era in auto lui a tutta velocita' gli ha aperto lo sportello dell' auto l'ha salutato e poi e' ripartito su una ruota

        Comment


        • #5
          Originally posted by kaciaro
          LA STORIA E' QUESTA:lucchinelli suo team manger era in auto lui a tutta velocita' gli ha aperto lo sportello dell' auto l'ha salutato e poi e' ripartito su una ruota
          Allora non è una balla!
          Che folle grandioso...

          Comment


          • #6
            tutt'oggi sul suo camper ti fa' vedere assen 92 ne va' troppo fiero

            Comment


            • #7
              Originally posted by kaciaro
              Originally posted by Breeze
              Ma è vera la storia di quando voleva una moto ufficiale, rincorse uno della Ducati sull'autostrada A14 e in piena velocità lo affiancò aprendogli la porta della macchina per farlo fermare??!!
              LA STORIA E' QUESTA:lucchinelli suo team manger era in auto lui a tutta velocita' gli ha aperto lo sportello dell' auto l'ha salutato e poi e' ripartito su una ruota
              Grande.. l'avevo sentita anche io..

              Ma non riusciamo a farlo venir qua a dirci ciao?

              Comment


              • #8
                la conservo come un oracolo ,scrive sul tta provo a rintracciarlo

                Comment


                • #9
                  Grande Falappa,ho conservato un catalogo Ducati che mi autografò al Motorshow,non ricordo di quale anno,col mitico pennarello dorato
                  Proud Member of Night Spam Clan - Uno Dei Pirli Delle 3

                  G I U L I A N O - OGNI RICHMOND UN CAPRICHMOND
                  Jeremy Clarkson of DDG "100% NIPPLESUCKER"
                  "Mai sperare,agire power.....minkia power"

                  Comment


                  • #10
                    manico indiscusso....

                    Comment


                    • #11
                      per gentile concessione di GIANCARLO FALAPPA

                      Ragazzi ringrazio vivamente i miei amici leggetevi la vera storia di GIANCARLO FALAPPA e chi lo ha aiutato ad uscire dal coma mamma mia che emozione




                      Credo di fare piacere a molti riportando la storia agonistica di Giancarlo, un documento che trovai parecchio tempo fa, credo su motocorse, e che ho sistemato, verificando insieme a Giancarlo la correttezza di quanto scritto. Al termine ci sono alcuni suoi post in cui risponde a delle domande e chiarisce alcuni punti della sua incredibile carriera.

                      Giancarlo Falappa è stato uno dei massimi esponenti del mondiale Superbike. Si può tranquillamente affermare che il pilota di Jesi, con le sue imprese, abbia contribuito in modo determinante al lancio di questo giovane campionato.
                      16 vittorie, 8 pole positions sono il record di risultati di Falappa in soli 4 anni di gare. Nella storia del mondiale Superbike, Giancarlo rimane il miglior pilota italiano di sempre e quinto assoluto nel mondo.
                      Ma le nude cifre non possono descrivere il modo assolutamente personale ed unico di Falappa nell'affrontare ogni
                      competizione. Le sue imprese hanno contribuito a creare un vero e proprio mito del motociclismo moderno.

                      CARRIERA AGONISTICA

                      1979 Esordio contro la volontà di famiglia come pilota di motocross (MotoVilla 125). Vince la prima gara d'esordio a Valconca di Fratte Maggiore (PS) e numerose altre vittorie nella categoria cadetti (1980).

                      1981 Pilota professionista motocross nel Team ufficiale MotoVilla
                      Risultati ottenuti: vittoria Campionato Italiano Cadetti-Junior (Boy Cross)

                      1982-84 Pilota ufficiale MotoVilla nel Campionato Mondiale 250
                      In 6 gare ottiene il miglior piazzamento per un pilota italiano.

                      1985-86 Pausa delle competizioni per motivi economici.

                      1987 Casualmente una domenica, a Jesi, con gli amici motociclisti, viene invitato ad un turno in pista con una moto stradale a Misano (Giancarlo era fino a quel momento salito solo su moto da cross), che compirà con una Kawasaki GPZ 600 prestata da un suo amico.
                      Con questa moto, dopo solo circa un'ora di giri in pista, stupisce tutti facendo un tempo di soli 8 decimi superiore a quello del Campione Italiano della categoria 600.
                      La settimana successiva si reca da un concessionario di moto per acquistare una Suzuki GSX-R 1100, pagandola con un milione in contanti e 10 milioni di cambiali! Con quella moto, il 13/09 prende parte alla sua prima gara di velocità (ultima gara di Campionato Italiano Classe "Oltre 600" Sport Production) e vince davanti a Caluzzi e Vitacca, presso il circuito di Vallelunga (Roma). Questa era la sua prima gara di velocità..

                      1988 - Dopo aver vinto le 4 selettive previste di Campionato Italiano Sport Production con la sua Suzuki GSX-R 1100, la casa motociclistica riminese Bimota propone a Giancarlo di partecipare alle ultime 3 finali in programma, con la BIMOTA YB4 750ie, con la promessa, in caso di vittoria, di assumerlo come operaio e contemporaneamente pilota ufficiale nel Mondiale SBK 1989.
                      - Vince il Campionato Italiano Sport Production

                      1989 Campionato Mondiale Superbike
                      All'esordio come pilota ufficiale Bimota in occasione della prima gara del Campionato Mondiale SBK di Donington Park (GB), conquista la pole position e la vittoria (27/03).
                      Dopo la prima gara vinta, Bimota inizia a considerare Giancarlo Falappa più come pilota che come operaio..
                      Vittorie anche a Mosport (Canada), e Le Castellet (FRA), dove Giancarlo si esibisce in una leggendaria impresa portando a termine la gara con il semimanubrio sinistro (in lega leggera) della sua moto irrimediabilmente danneggiato in un contatto con il suo compagno di squadra Mike Baldwing, compiendo l'ultimo giro con la mano sinistra appoggiata alla piastra della forcella anteriore per controllare la moto al posto del semi-manubrio fino all'arrivo!! (ordine d'arrivo: 1 Falappa, 2 Roche, 3 Baldwing).

                      1990 Passa al Team ufficiale Ducati.
                      Durante il periodo in Bimota, Giancarlo viene notato dai vertici Ducati, ed il Team Manager Ducati, Marco Lucchinelli, già dopo la prima gara di Donington Park avvicina Giancarlo e gli fa discorsi riguardo al suo futuro come pilota.
                      Dopo qualche tempo, casualmente, mentre stava "collaudando" una Bimota in autostrada, Giancarlo nota l'auto di Lucchinelli davanti a se nelle vicinanze di Imola, in direzione Bologna. Immediatamente, viaggiando a circa 170 Km/h, gli si affianca sulla destra e gli apre la portiera dell'auto, con grande spavento e conseguente frenata di quest'ultimo, ripartendo poi a 170 km/h, impennando in piedi (wheeling)!

                      Al debutto conquista 3 vittorie in sella alla Ducati 851, poi alla sesta gara di Zeltweg (A), in occasione del suo compleanno (i giornali avrebbero potuto scrivere "nato e morto lo stesso giorno"), durante le prove ufficiali del sabato, negli ultimi 5 minuti, pur avendo già il secondo miglior tempo, esce in pista per conquistare la pole position. All'ingresso di un curvone da percorrere ai 270 km/h, Giancarlo, per evitare di tamponare un pilota (molto imprudente) che gli si parava davanti, cade schiantandosi contro il guard-rail (che si trovava ad un metro dall'asfalto), procurandosi 27 fratture, la rottura dell'arteria femorale e conseguante coma per dissanguamento.
                      Dopo 12 giorni di coma, il pericolo di vita è scongiurato e Giancarlo viene trasferito all'ospedale Rizzoli di Bologna, dove rimarrà per svariati mesi sotto la cura del dott. Massimo Corbascio.

                      1991 Contro il parere dei due prestigiosi medici, dott.Corbascio e dott.Costa, Giancarlo, nonostante gli evidenti problemi fisici (braccio sx che non riusciva ad alzare [e che ancora non alza] gamba sx che non riusciva a flettere a causa delle 13 fratture al femore ed ai chiodi metallici ed alle viti impiantati) decide di ritornare alle gare motociclistiche, non per partecipare, ma come sua filosofia di vita, per vincere!
                      E sarà nel Team Ducati ufficiale in coppia con Raimond Roche.
                      Da segnalare che in occasione della gara disputata in Italia al Mugello, (in condizioni fisiche disastrate), Giancarlo conduce a lungo la gara "bagnata", ed, arrivato ad avere ben un minuto di vantaggio su Doug Polen (secondo), è costretto al ritiro per rottura della pompa della benzina.
                      Concluderà il Campionato Mondiale SBK, all' undicesimo posto.

                      1992 Giancarlo continua ad essere pilota ufficiale del Team Ducati, in coppia con Doug Polen, vincitore del Campionato del Mondo SBK del 1991, ma in sella alla nuova 888.
                      Il nuovo Team Manager è Franco Uncini.
                      L'arrivo di Polen ha portato per Giancarlo la novità delle gomme Dunlop, mai usate in precedenza.
                      Polen era pilota ufficiale Dunlop già in USA, mentre Giancarlo Falappa aveva sempre usato Michelin.
                      Vincerà entrambe le manches dello stesso circuito di Zeltweg, teatro del brutto incidente del '90.
                      Concluderà il Campionato Mondiale SBK in quarta posizione, dopo aver vinto 7 manches totali.

                      1993 Sempre nel Team Ducati ufficiale con la 888, in coppia con Carl Fogarty, Team Manager Roche. Ritorna alle gomme Michelin.
                      In occasione della prima gara di apertura del Mondiale SBK, presso Brands Hatch, circuito nuovo per tutti a parte i piloti inglesi, Giancarlo annichilisce ancora una volta tutti, in una gara "bagnata", distanziando di oltre un minuto il secondo arrivato e giungendo perfino a doppiare il settimo! (in una gara di Campionato del Mondo..)
                      Vince ancora in Germania (Hockheneim), Misano (entrambe le manches), Austria (Zeltweg), Monza, concludendo con un bottino di ben 8 vittorie complessive, ma purtroppo, per contrasti all'interno del Team francese relativi alla messa a punto della moto in pista, slitta dalla prima alla quinta posizione nella classifica mondiale.

                      1994 Prosegue l'avventura di Giancarlo con la Ducati. Dopo i dissapori e le amarezze vissute col precedente Team a Giancarlo viene fatta una proposta dalla Honda per correre nel mondiale SBK con il Team Castrol. Ma il cuore del Leone è rosso Ducati e Falappa chiede di essere allontanato dal Team Roche e viene accontentato: d'ora in poi, in coppia con Fogarty, farà parte del Team Ducati-Ferrari.
                      Un compito molto importante viene dunque assegnato al mitico Leone, quello di iniziare l'avventura e cercare di contribuire allo sviluppo della fantastica arma totale di Borgo Panigale, che si rivelerà un mito indiscusso per il mondo intero: la Ducati 916.
                      Inizia il mondiale SBK a Donington Park (GB), e Giancarlo, a causa di un problema tecnico, finisce quinto in entrambe le manches.
                      Seconda prova ad Hockheneim (D): ancora problemi con il cambio elettronico lo costringono alla quarta posizione.
                      Poi è la volta di Misano, il 26/05, che si rivelerà l'ultima gara disputata dal Leone.
                      Con uno spettacolare secondo posto in prima manche ed una vittoria in gara 2, Giancarlo si porta al secondo posto in classifica mondiale, mentre il suo compagno di Team, Carl Fogarty, è quarto.
                      Appena dopo quest'ultimo trionfo, Giancarlo si reca ad Albacete (E), per eseguire alcuni importanti test Ducati, appena una settimana prima della quarta prova di Campionato del Mondo SBK.
                      Durante il compimento del test riguardante il nuovo forcellone Giancarlo testa anche un nuovo sistema di cambio elettronico, fatto costruire ad hoc dal Team per lui, per cercare di ovviare ai suoi problemi fisici dovuti ai postumi del precedente incidente del '90, che non gli permettevano di piegare il ginocchio sinistro, rendendo impossibile cambiar marcia mentre era in piega.
                      Purtroppo, un improvviso cedimento meccanico del suddetto cambio fa sbalzare Giancarlo all'indietro, sopra alla moto ad oltre 4 metri di altezza, facendolo poi ricadere "in picchiata" con la testa.
                      Questo brutta botta gli procura 38 giorni di coma, facendolo restare in bilico tra la vita e la morte per almeno 30 giorni e ponendo fine, di fatto, alla strepitosa carriera del Leone di Jesi.
                      Nonostante questo, Falappa continua strenuamente a voler ritornare a vincere per se, per la Ducati e per il suo amato pubblico.

                      1997 29/05 Giancarlo compie un ultimo test a Rjeka, coadiuvato dalla clinica mobile che lo segue in questa avventura, che però non ha esito positivo, anzi...
                      Giancarlo capisce che la sua carriera agonistica è ormai finita ed appende il casco al chiodo.

                      ----------------------------------
                      RAGAZZI,ricordo con MOLTISSIMO PIACERE una corsa,(anche altre)! ASSEN 1992(NL) !
                      IO e DOUG POLEN,"DUCATI",Team POLICE,CARL FOGARTY"DUCATI"IMPORTATORE GB(BUONA),
                      Era la prima volta che vedevo il tanto decantato e difficile circuito di ASSEN,si correva sul tracciato corto!
                      Le "DUCATI",purtroppo avevano una partita di (fasce elastiche)difettose,(fornitore),che faceva trasudare olio,(e finiva sulla gomma post.)Bè,LA SECONDA MANCHE FU MEGA,IO e CARL FOGARTY in coppia da metà gara in poi! IO partii dietro,
                      rimontai,e gli ultimi 5 giri furono al CARDIOPALMA,LO SUPERAI IN STACCATA DELLA VARIANTE,
                      CHE IMMETTE AL RETTILINEO D'ARRIVO!!!!!
                      Bè,BATTERE FOGARTY ad ASSEN,(SUO CIRCUITO PREFERITO) ,UNA DELLE MIE CORSE PREFERITE!!! HO LA VIDEOTAPE!!! A,HO DIMENTICATO, Tagliai il traguardo (VINCENDO) IMPENNANDO IN PIEDI,con FOGARTY A SCIA!!!!!!!!!CHE GUSTO!!!!!
                      ----------------------------------
                      "A DETTA DEI MEDICI, DOTT. RAMON PEYRO(E),DOTT.CORBASCIO,DOTT, COSTA ed altri,dopo
                      il mio incidente dell'11/06/94-,finii in coma, dopo circa trenta GIORNI DI COMA(non ricordo bene"ero in coma") i MEDICI dissero che stavo bene(e certo,mangiavo,bevevo,mi mandavano di corpo,"DORMIVO",e BASTA,NON PAGAVO NULLA)PERò NON USCIVO DAL COMA!
                      CHIESERO AI MIEI: COSA GLI STA Più A CUORE?LA VITTORIA IN MOTO:WCH-SBK -CON"DUCATI" !!
                      A quel punto venne chiesto a GIOVANNI DIPILLO, DI FARE IL COMMENTO DELLA MIA ULTIMA (GARA)WCH-SBK
                      CORSA,MISANO ADRIATICO-26/05/94-DOVE VINSI CON SCOTT RUSSELL in SCIA !!!
                      GIOVANNI DIPILLO ACCETTò!!LA TAPE CHE MI FECERO ASCOLTARE:Giò DIPILLO:THE VOICE
                      (PER FARMI USCIR DAL COMA) "SVEGLIATI GIANCARLO,SVEGLIATI GIANCARLO,RUSSELL STA ARRIVANDO",ripetuto all'INFINITO! SECONDO I MEDICI,QUESTO,HA CONTRIBUITO MOLTISSIMO
                      AL MIO RISVEGLIO!!!!!
                      QUINDI,,GRAZIE DI ESISTERE, GIOVANNI DIPILLO!!!!!
                      FORSE,è ANCHE X MERITO TUO SE SONO ANCORA VIVO!!!!
                      ----------------------------------
                      il circuito in questione era sicuramente MOSPORT(CANADA),saliscendi a non finire e GUARDRAIL AD OGNI CURVA,"DA PAURA"!Nell'1989,VINSI CON LA BIMOTA,NEL 1990,POLE POSITION con "DUCATI"e CADUTA IN GARA,SALTAI LA SUCCESSIVA IN USA(BRAINERD,MINNESOTA),e RIENTRAI IN AUSTRIA (ZELTWEG),DOVE EBBI IL MIO PEGGIOR INCIDENTE,(27 FRATTURE e COMA X DISSANGUAMENTO,persi 2 litri e mezzo di sangue)!
                      ----------------------------------
                      NO,non mi fratturai la clavicola,(forse è l'unico osso rimasto sano)strisciando sull'asfalto,un sassolino,mi penetrò nel polso destro,mi portarono all'ospedale di OTTOWA e mi misero 5 punti di sutura,(dopo aver tolto il "malcapitato sasso"), ritornai in ITALIA accompagnato da un tecnico "DUCATI"!LA DOMENICA SUCCESSIVA,era in programma la SBK in USA,(BRAINERD),chiaramente la saltai,e rientrai in AUSTRIA(ZELTWEG),20 giorni dopo,dove ebbi il mio peggior incidente,avevo ancora lo shock cast al POLSO DX,TANTOCHè quando ebbi l'incidente(prove ufficiali),mi raccontarono,(io ero in coma)ma come,è già ingessato?????
                      ----------------------------------
                      Ti racconto un poco:1978 Prima gara:CAMPIONATO REGIONALE MOTOCROSS(avevo 15 anni) 1-VINCO
                      1981:BOY-CROSS(CAMPIONATO ITALIANO X CADETTI-JUNIOR:1-VINCO (MOTO VILLA),non HONDA
                      SUZUKI,YAMAHA,KAWASAKI,GILERA,CAGIVA,ecc.
                      Sempre (ufficiale MOTO-VILLA)Partecipo al CAMPIONATO MONDIALE MOTOCROSS,250c.c.
                      1982-83-84,in diverse occasioni mi classifico come miglior pilota ITALIANO,seppur con la moto che avevo.Devo molto a FRANCESCO VILLA,ma,a,a,la REALTà ERA QUELLA!
                      SMETTO X Mancanza di fondi!
                      13/09/1987-VALLELUNGA(ROMA)CAMPIONATO ITALIANO SPORT-PRODUCTION
                      Dopo esser stato X BEN 3 VOLTE AL CIRCUITO di MISANO ADRIATICO X RODARE LA MIA NUOVA SUZUKI GSX-R 1100,partecipo alla mia prima corsa(gara),la SOPRACITATA.
                      1-VINCO
                      1988:VINCO il CAMPIONATO ITALIANO SPORT-PRODUCTION(classe OLTRE 600)MOTO-BIMOTA YB4 750ie.
                      1989:1-GARA-CAMPIONATO MONDIALE SUPERBIKE POLE-POSITION-1)MANCHE:6,2)MANCHE:1
                      1990 PASSO ALLA "DUCATI".DOPO 5 GARE HO L'INCIDENTE IN AUSTRIA(ZELTWEG),IL 30/06/è il mio compleanno,ebbene ebbi l'incidente(so io il perchè,non x colpa della MOTO,ma un,,,,)
                      Ebbene:Nel 1992,(A)ZELTWEG,in occasione della gara di CAMPIONATO MONDIALE SBK,VINSI ENTRAMBE LE DUE MANCHE,ADDIRITTURA NELLA 2,PASSAI 5 all'inizio dell'ultimo giro:1-MARTENS,2-POLEN,3-ROCHE,4-PIROVANO,5-FALAPPA,NELLO STESSO PUNTO DOVE EBBI L'INCIDENTE DEL 1990,(A 270 H.)SORPASSAI POLEN e ROCHE,POI PIROVANO ED ALL'ULTIMA CURVA STEFEN MARTENS,E VINSI!!TROPPO BEEELLO !!
                      ----------------------------------
                      CIAO,che vuoi che ti dica,(999)9,il mio NUMERO PREFERITO,vi ho partecipato al WCH-SBK,nei anni: 1991,1992,1993,nel 1992,terminai il WCH-SBK al 4 posto,ma cedetti il mio numero 4X IL 1993,a CARL FOGARTY,X AVERE IL MIO AMATO 9,(I numeri di gara,: ORDINE D'ARRIVO DELL'ANNO PRECEDENTE,NEL 1993,TERMINAII 5,e tenni il 5 X il 1994!DOPO 3 GARE,(SECONDO NEL WCH-SBK,INCIDENTE IN SPAGNA(38 giorni in coma),FINE,il mio compagno di TEAM,CARL FOGARTY,(quinto,)VINSE IL WCH-SBK 1994,con la nuovissima "DUCATI"916!!!!!!QUINDIII,LA NUOVA "DUCATI" 999 non potrà che ESSER MIGLIORE DELLA Già FANTASTICA 998.Sei d'accordo?
                      ----------------------------------
                      èRA FEBBRAIO 1989,(LAVORAVO) IN BIMOTA e CORREVO X LORO,L'INGEGNER FEDERICO MARTINI (UN PEZZO DA 90 IN BIMOTA),MI PORTA ALLA PISTA X COLLAUDI DELLA FIAT(MARENE)
                      NON RICORDO,MI SEMBRA (AL)O (TO)!DOVEVAMO MISURARE L'ESATTA VELOCITà MASSIMA DELLA NUOVA BIMOTA YB-6!L'INGEGNER MARTINI,MI DISSE:CERCA DI FAR LA MAGGIOR VELOCITà,PERCHè POI QUESTO VA TRASCRITTO NEL LIBRETTO D'OMOLOGAZIONE E NEI DEPLIANTS!! MARENE,èRA UN OVALE,MOOOOLTO LUNGO,AL TRAGUARDO C'èRA
                      LA FOTOCELLULA! IO PARTO,X PRENDER LA MAGGIOR VELOCITà,X RESTAR Più DIETRO AL CUPOLINO(QUINDI MENO ARIA IN FACCIA,QUINDI Più AEREODINAMICO,)HO LA FANTASTICA IDEA
                      DI NON GUARDAR DAVANTI,MA BENSì LUNGO LA FORCELLA ANTERIORE,(TRA SERBATOIO E
                      CUPOLINO,IN BASSO,IN TERRA!C'ERA LA LINEA BIANCA DI MEZZERIA, IO GUARDAVO QUELLA,
                      POCO PRIMA DELLA FOTOCELLULA ALLA MODICA VELOCITà DI 278 ORARI,"DRAMMA",NON C'è Più LA LINEA BIANCA,IO NON MI RIALZO PERCHè èRO ORAMAI PROSSIMO ALLA FOTOCELLULA,
                      PERòò,,,,!!!MI RITROVO APPENA FUORI DALL'ASFALTO,UNA STRADA DI ERBA,PRENDO UN TOMBINO,A 278 ALLORAAAAA, MI RIALZO(MEGLIO TARDI CHE MAI) IL CERCHIONE ANT.SI PIEGA IN (QUASI DUE),FACCIO CIRCA 2-KM,. in DERAPATE VARIE,(DAVANTI,DIETRO,)RIESCO A FERMARMI IN PIEDI,(CHE SOLLIEVO)! ARRIVA L'INGEGNER MARTINI,IO ESCLAMO:MI SCUSI INGEGNERE,IL CERCHIO AVANTI è DISASTRATO NON POSSIAMO FAR Più NULLA!!!L'INGEGNER FEDERICO MARTINI:MA VAFFAN----,CHE CA--- MI IMPORTA DELLA MOTO!!IO MI SON CAGATO SOTTO X TEEEEE! "FANTASTICO",TROOOOOOPPO BEEEEELLOOOO!!ODDIO,BELLO,,,ORIGINALE! TUTTO è BENE,Ciò CHE FINISCE BENE!!!!!CIAOO!
                      ----------------------------------
                      MA,IL migliore(X ME)è successo nel 1992 al MUGELLO,SORPASSAI DOUG POLEN,STEFAN MARTENS,uno alla volta,negli ultimi giri,ALL'INTERNO DELLA 2(SECONDA)ARRABBIATA!!!!!!!!Chiedilo a GIOVANNI DIPILLO,era lo speaker,e lui lo vide dal MONITOR TV(circuito interno)!!!!!!!
                      COMUNQUE,ANCHE L'ULTIMO GIRO DI ZELTWEG 1992,FU X ME,FANTAAAASSTICOOOOOO!
                      INIZIAI L'ULTIMO GIRO 5,PASSAI,prima PIRO,poi POLEN e ROCHE NEL CURVONE da "260" (quello
                      dove nel 1990 ho avuto l'incidente,e rischiato di morire,invece "solo"27 fratture e coma X dissanguamento!)e all'ultima CURVA ,MARTENS!!!
                      Bè DA 5, A 1 IN UN GIRO,,,,FU,TROOOOOOOPPOOOOOOO BELLO!!
                      ----------------------------------
                      Non lo so il coma a quanta vita corrisponda,di certo, ho "dormito" nel 1990 (30/06) ZELTWEG(A)12-Giorni più,27-fratture,
                      il giorno del mio compleanno,i giornali avrebbero scritto:NATO e MORTO,LO STESSO GIORNO! DICO COSì,PERCHè SON VIVO,E STO BENE!!!!!
                      11/06/1994- ALBACETE(E)ho dormito X 38 giorni(SONNO PROFONDO)29/05/1997-RJEKA-ho dormito pochissimo,8 minuti(non mi han fatto riposare!(cattivi) (X fortuna)
                      POI diverse commozioni celebrali,dal 1979-1985-MOTOCROSS!!
                      ORA STO DA DIOOO CIAOO
                      ----------------------------------
                      Non lo sa (quasi)nessuno,era a porte chiuse,era presente soltanto:CLINICA MOBILE,(DOTT.CORBASCIO,DOTT.COSTA,TEAM FERRARI-"DUCATI"!
                      ----------------------------------
                      NON HO GIRATO IN 1,34,08,VI SEMBRA POSSIBILE?Con un 748 stradale,con tanto di frecce
                      fanali,e nessuna miglioria!Ovvio che scherzavo,ho girato in 1,41,6!VERO!!
                      Dopotutto,dopo,3 ANNI di inattività dovuti a 38 giorni di COMA,con (chiare conseguenze),non era poi male,però,ho lasciato, perchè non riuscivo nemmeno a salir in sella da solo,i miei tecnici(MASSIMO BRACCONI,BRUNO LEONI,)mi mettevano sulla MOTO,E GUIDAVO CON IL GINOCCHIO SX SULLA PEDANA,(NON RIUSCIVO A PIEGARE L'ANCA SX),DOPODICHè, HO ABDICATO!!!!!!
                      ----------------------------------
                      SI,ne VALEVA LA PENA !SOLTANTO X ME,NON VOLEVO DIMOSTRAR NULLA A NESSUNO,SOLTANTO A ME STESSO,ANCHE SE I MEDICI ERANO MOOOLTO SCETTICI,UN MEDICO,IL DOTT.-----,MI DISSE,PUOI PROVARE,è RISCHIOSO PERò,SE TE LA SENTI è UNA TUA SCELTA!IL TAL DOTT.-----DISSE,(IO VOLEVO PROVARE A TUTTI I COSTI,)DEVE PROVARE,DEVE RENDERSI CONTO di PERSONA CHE NON è Più COME PRIMA!!!Può SVOLGERE UNA VITA NORMALE,"NON CORRERE IN MOTO"!SE BATTE LA TESTA,è MOOOOOLTO GRAVE,è già ANDATO DUE (2)(3) VOLTE IN COMA,è PERICOLOSO!Bè,ORA HO LA CERTEZZA,SE NON AVESSI PROVATO
                      AVREI VISSUTO X SEMPRE CON IL DUBBIO!! ORA,HO CAPITO,"BASTA !!"MI è ANDATA BENE!!!
                      ----------------------------------
                      PREMETTO:AMAVO IL NUMERO-9-IL NUMERO DI GARA-TI VIENE ASSEGNATO IN BASE AL RISULTATO di ARRIVO (CAMPIONATO MONDIALE SUPERBIKE-WCH-SBK)DELL'ANNO CONCLUSO,(ORDINE D'ARRIVO FINALE)!!!
                      CIAO Ragazzi;Affinchè sono stato scaramantico,(MOTIVI PERSONALI)ho tenuto il N-9-:RIEPILOGANDO:1989-1 ANNO- RISULTATO FINALE-6- 1990-HO IL NUMERO-6-(è UN -9-ROVESCIATO)!INCIDENTE IN AUSTRIA(ZELTWEG)ERO -2-(COMA-E -27-FRATTURE)
                      1991:CHIEDO ED OTTENGO IL NUMERO -9-DOPO L'INCIDENTE(ZELTWEG(A)1990)SONO STATI COMPRENSIVI,E ME LO LASCIANO(MAURIZIO FLAMMINI,BOSS-WCH-SBK-GRAZIE!!!)
                      1992: RISULTATO FINALE-4-MA " VOLEVO" IL N" 9!!CHIEDO A CARL FOGARTY IL SUO -9-,ED IO GLI CEDO IL MIO -4-
                      1993:RISULTATO FINALE-5-AZZ!!!!
                      1994:NON VOGLIO Più ESSERE SCARAMANTICO,E TENGO IL MIO 5!!!
                      DA SECONDO nel WCH-SBK,IN "COMA",DOPO 3 CORSE!!PERCHè!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!! !!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!
                      IL MIO COMPAGNO DI TEAM IN "DUCATI",tale (lentissimo),CARL FOGARTY,DA 4,O 5,CAMPIONE DEL MONDO!!!!!!!!!
                      FORTUNATO NO?!ORA SIIII,PERCHè,A DISTANZA DI 8 ANNI,STOOO BENEEEE!!!!!!!
                      PERò,MI DITE VOI,COOOOME SI FA A NON ESSER SCARAMANTICIII???????
                      VABBèè,ORAMAI è ANDATA COSì!!
                      E COMUNQUE,IO,AVREI CAMBIATO IL MIO NUMERO -9-SOLTANTO,CON IL NUMERO -1-!CIAOOOO
                      ----------------------------------
                      HAI RAGIONE riguardo al mio INGLESE,però, tieni presente una cosa,la mia prima gara di CAMPIONATO MONDIALE-SBK-,27/03/89-DONINGTON-PARK(GB),non sapevo una parola d'INGLESE,DOPODICHè,disputando l'intero WCH-SBK,(QUANDO TORNAVO A CASA LAVORAVO IN BIMOTA,non avevo tempo X andare a scuola d'inglese,L'HO IMPARATO GIRANDO IL MONDO X LE CORSE! Nel 1990,son passato in "DUCATI",30/06/1990-incidente a ZELTWEG(A),27 FRATTURE E COMA(12 giorni),volevo tornare a CORRERE X VINCERE,(PISCINA,PALESTRA,FOOTING,MOTOCROSS,BICICL ETTA,),pensi che avessi tempo X migliorare il mio INGLESE?POI,avevo quasi preso confidenza(con l'inglese)nel 1994,incidente in (E)11/06/94-,NERVO della parola disastrato,(mi hanno intubato quand'ero in coma),e gravi difficoltà con la memoria,X tutto ciò che non riguarda le corse in MOTO E "DUCATI"!Sai,i medici han detto,:TRAUMA OCCIPITALE,(riguarda la zona della memoria "mio piccolo cervello"),ricorda soltanto, ciò a cui TIENE
                      DI Più!!!!!!! COSA RICORDO?TUTTO SU -SBK-e "DUCATI"!CHE C--O!

                      [Modificato il 4/11/2004 da CMB]

                      Comment


                      • #12


                        --------------------------------------------------

                        Comment


                        • #13
                          We hope that you choke, that you choke
                          We hope that you choke, that you choke
                          We hope that you choke, that you choke

                          Comment


                          • #14
                            Ho avuto la fortuna di assistere a quella gara citata sopra,Fratte di
                            Sassofeltro,Pesaro,prima gara del campionato italiano 125 Junior 1981,
                            Giancarlo con quel pezzo de fero,in mezzo ad un fangone infernale,
                            se non ricorso male,in una manche..ha doppiato il secondo.
                            Un grandissimo pure nel cross

                            Comment


                            • #15
                              Originally posted by robin
                              Ho avuto la fortuna di assistere a quella gara citata sopra,Fratte di
                              Sassofeltro,Pesaro,prima gara del campionato italiano 125 Junior 1981,
                              Giancarlo con quel pezzo de fero,in mezzo ad un fangone infernale,
                              se non ricorso male,in una manche..ha doppiato il secondo.
                              Un grandissimo pure nel cross
                              beato te che c'eri

                              Comment

                              Working...
                              X