annuncio

Comprimi
Ancora nessun annuncio.

annuncio

Comprimi
Ancora nessun annuncio.

Marquez: “Il braccio è ammaccato. La caduta di Martin mi ha fatto dire basta”

Comprimi
X
Comprimi
 
  • Filtro
  • Ora
  • Visualizza
Elimina tutto
nuovi messaggi

  • Font Size
    #1

    Marquez: “Il braccio è ammaccato. La caduta di Martin mi ha fatto dire basta”



    L’otto volte campione del mondo e il suo compagno Pol Espargarò, intervistati da AS, hanno raccontato le sensazioni della prima vera volta da compagni di squadra. Ma per Marc è stata anche l’occasione per aggiornare tutti sulle sue condizioni di salute dopo lo stress del gran premio e delle sue paure…

    Intervista doppia per Marc Marquez e Pol Espargarò dopo la prima vera volta da compagni di squadra. Le Iene, però, non c’entrano niente, visto che ad intervistare i due del Team Repsol Honda è stato il quotidiano AS. Un appuntamento in esclusiva per il giornale spagnolo che, però, s’è inevitabilmente trasformato in un bilancio sul fine settimana di Marc Marquez, con Pol Espargarò che, come era prevedibile, è stato anche in questo caso nei panni del gregario.

    “Il braccio è ammaccato” – ha raccontato Marc Marquez, che però non si preoccupa e racconta di stare già pensando a Jerez. “È ammaccato dal fine settimana – ha aggiunto - ma è tutto come da previsioni. Ieri ho riposato, oggi riposo e domani riposerò ancora, perché è così che ci siamo accordati con i medici. La progressione dello stress alle ossa e al braccio deve essere graduale e dopo aver smaltito già tutto quello che è stato il weekend, sia emotivamente che fisicamente. Però nella mia testa c’è già Jerez, faccio continuamente il giro del circuito con l’immaginazione”.

    E’ provato, ma adesso che è tornato l’idea di dover stare fermo, anche solo per qualche giorno, gli pesa ancora di più. Ed ha in testa solo le corse, tanto che racconta di non aver ancora pensato alle vacanze: “Se le farò sarà il Covid a deciderlo. Se ci diranno che è il caso di restare a casa resterò a casa”. Liquida così la domanda del giornalista, perché si capisce benissimo che è solo di corso in moto che vuole parlare. Di corse e della sua Honda, che non sembra essere più la moto imbattibile di un tempo.

    “È una moto che conosco dal 2013 – ha spiegato l’otto volte campione del mondo - Era una moto già pronta e si è evoluta, anche se questo fine settimana in Portogallo non ho iniziato con la mia base, perché in quel circuito non avevo nessun tipo di riferimento. Ho iniziato con la moto che guidava Stefan Bradl. Nelle FP4 ho messo il set-up che stavano usando Pol e Álex, che è quello che i tecnici Honda mi hanno detto che stava lavorando meglio quest'anno. Ora dovrò adattarlo al mio stile, perché tra un anno arrivano cose nuove”. La moto deve migliorare e, per riportarla sul tetto del mondo, Marc Marquez avrà bisogno del pieno aiuto da parte di tutti i piloti della Honda.

    Tanto che ha invitato Pol Espargarò e suo fratello Alex, chiaramente scherzando, ad evitare di cadere troppo. “Ora più che mai abbiamo bisogno dell'intero Team Repsol Honda e di tutta la Honda che lavora per migliorare il livello della moto. Per quanto mi riguarda, oggi non riesco a pensare al titolo perché non sono pronto a lottare per il mondiale. Spero di arrivarci il prima possibile, perché uno dei miei obiettivi è essere della partita il prima possibile. Se sarà come lo scorso anno, tutto può succedere”.

    Servirà, però, ritrovare la migliore forma fisica e, senza nascondersi più di tanto, anche quella psicologica. Perché è Marc Marquez stesso ad ammettere che qualcosa di molto simile alla paura s’è fatto vedere a Portimao quando, ormai, sembrava tutto alle spalle. “Non ho mai avuto paura durante il fine settimana, ma quando ho visto la caduta di Martín e, nel pieno del mio giro veloce, anche mio fratello volare davanti a me.. beh… mi sono detto: finisco il giro, finisco l'allenamento". E così è stato: ha evitato di forzare ulteriormente, limitando la sua presenza in pista a pochissimi giri e guadagnando poi l’ingresso in Q2 passando dalla Q1. Fino alla gara, chiusa al sesto posto, e fino a quel pianto liberatorio una volta rientrato nel box.

    Un pianto che, però, gli è costato una tirata d’orecchie: “Mia madre – ha raccontato - mi ha rimproverato, non per quello che avevo fatto durante il fine settimana ma perché ho fatto piangere anche lei. A Jerez sarà un weekend più normale, a livello emotivo, e questo mi farà lavorare più rilassato. Fisicamente, invece, vedremo. Al momento ho un limite e non posso fare l'intera gara al cento per cento. L'obiettivo è sentirmi meglio ed essere un po’ più vicino al primo, ma solo il mio fisico e l'evoluzione del mio braccio decideranno la piega che prenderà per me questa stagione”.

    Da mowmag

  • Font Size
    #2
    In bocca al lupo Marc, è normale che tu abbia paura di cadere, prima o poi succederà e sarà quella la prova del nove, lo ripeto da mesi. Sarà durissima per te tornare con la testa il cannibale di prima.

    Commenta


    • Font Size
      #3
      Vero, è brutto da dire ma credo che tornerà a dare il 100% quando cadrà e si rialzerà senza conseguenze.Solo allora avrà la testa completamente libera.

      Commenta


      • Font Size
        #4
        mauri954 Sarà, secondo me al Mugello tornerà funambolico come prima.

        Non faccio diagnosi sulla psiche e sul braccio perché non ne ho facoltà.


        Commenta


        • Font Size
          #5
          Originariamente inviato da MAX_rr Visualizza il messaggio
          mauri954 Sarà, secondo me al Mugello tornerà funambolico come prima.

          Non faccio diagnosi perché non ne ho facoltà.


          Speriamo il prima possibile
          ....le diagnosi sarà meglio lasciarle ai dottori

          Commenta


          • Font Size
            #6
            mauri954 Anche tu hai parlato di testa...posta la laurea da psicologo /psicoterapeuta.

            Commenta


            • Font Size
              #7
              Originariamente inviato da MAX_rr Visualizza il messaggio
              mauri954 Anche tu hai parlato di psiche...posta la laurea di psicoterapeuta.
              Io parlo per esperienza personale, tutte le volte che mi sono spaccato, prima di rifare le cose come prima ho dovuto provare a me stesso che non avrei avuto di nuovo le stesse conseguenze , poi magari per lui sarà diverso..glielo auguro.

              Commenta


              • Font Size
                #8
                mauri954 Guarda che la mia è una riflessione, niente polemica.

                Commenta


                • Font Size
                  #9
                  Originariamente inviato da MAX_rr Visualizza il messaggio
                  mauri954 Guarda che la mia è una riflessione, niente polemica.
                  Figurati Max , anche la mia

                  Commenta


                  • Font Size
                    #10
                    se c'è una cosa positiva da tutta sta storia.... (se c'è!) mi sembra la maturità di questo ragazzo, l'abbiamo lascaito come il signor "chisura di vena cervello" e lo ritroviamo come uno dei piu cauti del circus,

                    Commenta


                    • Font Size
                      #11
                      Originariamente inviato da ventottoore Visualizza il messaggio
                      se c'è una cosa positiva da tutta sta storia.... (se c'è!) mi sembra la maturità di questo ragazzo, l'abbiamo lascaito come il signor "chisura di vena cervello" e lo ritroviamo come uno dei piu cauti del circus,
                      Marc uno dei più cauti del Circus? Rispettare l'opinione altrui è la prima regola dei forum.

                      Secondo me rifarà quello che gli riusciva meglio...Il Funambolico Fuoriclasse.

                      Commenta


                      • Font Size
                        #12
                        Sono cavoli amari. Sarà dura convincere la testa, solo il tempo ci dirà se ci è riuscito.

                        Ciao

                        Commenta


                        • Font Size
                          #13
                          Sinceramente vedendo cosa ha fatto durante le prove mi pare che di coraggio ne abbia da vendere e mi sembra sempre lui.
                          La gara è un'altra cosa, non è scemo e si è semplicemente gestito senza fare follie.

                          Commenta


                          • Font Size
                            #14
                            andrea nadiani Come al solito ci troviamo con lo stesso punto di vista.

                            Commenta


                            • Font Size
                              #15
                              adesso che ha pagato, in una volta sola, tutta la fortuna che ha avuto nelle Xmila cadute precedenti nella sua carriera, sta reiniziando le cose come se fosse un "normale" pilota, seppure supercampione come lui.
                              Era ora.
                              Credo che adesso il suo "sistema" di approccio alla gara sia cambiato ... basta co sta storia di testare il limite accettando la caduta come fatto ineluttabile e normale, tanto al 99,9% delle volte non mi faccio niente ... adesso sa che c'è anche la sfiga

                              Personalmente, sono curioso di vedere cosa succede DOPO la prima caduta ... perchè è inevitabile che succederà ancora, visto che si corre in moto.

                              Il tutto senza polemica.

                              Commenta

                              X
                              Sto operando...
                              X