Announcement

Collapse
No announcement yet.

Announcement

Collapse
No announcement yet.

Dovizioso: " Yamaha è una moto insolita, c'è solo un modo per essere competitivi"

Collapse
X
Collapse
 
  • Filter
  • Time
  • Show
Clear All
new posts

  • Font Size
    #1

    Dovizioso: " Yamaha è una moto insolita, c'è solo un modo per essere competitivi"



    Mentre Fabio Quartararo guida il campionato MotoGP in modo solido, gli altri piloti Yamaha stanno vivendo una stagione ardua, in cui non riesce a trovare un modo per essere competitivo. Franco Morbidelli, compagno di squadra del francese nella struttura ufficiale, è diciannovesimo, mentre Andrea Dovizioso (con U Yamaha RNF MotoGP) è solo 22mo.

    L'italiano esperto ha detto al sito ufficiale della MotoGP che la YZR-M1 è una moto strana, con la quale non è facile essere veloci se non si guida come Quartararo: «Penso che la Yamaha sia molto insolita al momento. Secondo me, hai un ottimo feeling, puoi girare molto bene e frenare, ma ci sono altre parti che non sono così buone. Se non guidi come Fabio, è molto difficile essere competitivi. [...] . Fabio sta vincendo, c'è un motivo, il che significa che è possibile essere veloci. Ma se altri motociclisti si lamentano come negli ultimi anni, significa che non ci sono più modi per essere competitivi come in passato».

    Per Dovizioso, lo scenario attuale di Yamaha è probabilmente il riflesso di un solo modo di essere competitivi: «Ad esempio, il modo in cui guidiamo è completamente l'opposto. Franky [Morbidelli] usa sempre più angoli, più a lungo, non si blocca forte - è completamente l'opposto di me, ma il risultato è simile. Ma quando c'è una sola bici, significa che forse c'è solo un modo per essere competitivi, questo è il motivo».

    «La Yamaha è una moto insolita; forse c'è solo un modo per essere competitivi» — Andrea Dovizioso (msn.com)
    Last edited by MAX_rr; 13-07-22, 10:59.

  • Font Size
    #2
    A fronte di dichiarazioni del genere? Mi domando...ma non è possibile guidare "simile" a Quartaro? Cioè...io vado in pista una due volte al mese... quando vado cerco di vedere le foto e di capire dove e come sbaglio... va' be' direte voi... te fai un'altro mestiere...il limite è enormemente lontano....ma C***o sono dei professionisti... hanno una squadra alle spalle...mai ... nemmeno per sbaglio riescono a fare un miglioramento?

    Bho.,.. non mi è chiaro....

    Comment


    • Font Size
      #3
      Originally posted by Gabe75 View Post
      A fronte di dichiarazioni del genere? Mi domando...ma non è possibile guidare "simile" a Quartaro? Cioè...io vado in pista una due volte al mese... quando vado cerco di vedere le foto e di capire dove e come sbaglio... va' be' direte voi... te fai un'altro mestiere...il limite è enormemente lontano....ma C***o sono dei professionisti... hanno una squadra alle spalle...mai ... nemmeno per sbaglio riescono a fare un miglioramento?

      Bho.,.. non mi è chiaro....
      Ciao Ste è bello vederti in sezione Motomondiale.

      Tu vai frequentemente al Mugello e qualche volta a Misano, quindi tengo per buono quando hai scritto.

      A Portimao hai fatto un figurone




      Comment


      • Font Size
        #4
        Originally posted by Gabe75 View Post
        A fronte di dichiarazioni del genere? Mi domando...ma non è possibile guidare "simile" a Quartaro? Cioè...io vado in pista una due volte al mese... quando vado cerco di vedere le foto e di capire dove e come sbaglio... va' be' direte voi... te fai un'altro mestiere...il limite è enormemente lontano....ma C***o sono dei professionisti... hanno una squadra alle spalle...mai ... nemmeno per sbaglio riescono a fare un miglioramento?

        Bho.,.. non mi è chiaro....
        Se consideriamo che a volte faticano ad adattarsi i piloti di F1 al cambio di monoposto, figuriamoci su di una MotoGp, dove il pilota conta enormemente di più.
        Il discorso è che si tratta di decimi tra l'essere primo o ultimo, di conseguenza ogni piccolissima sfumatura fa la differenza. Si è estremizzato talmente tanto il tutto, che basta davvero poco per fare la differenza in positivo o in negativo.
        Poi comunque dobbiamo considerare che ogni pilota, come del resto ogni persona, ha le proprie caratteristiche e non è automatico riuscire ad adattarsi facilmente ad un mezzo piuttosto che ad un altro.

        Come te sono un amatore, frequentando le piste da anni, non ti è mai capitato un amico che semplicemente cambiando moto ha avuto un miglioramento netto? Spesso è dovuto al mezzo che si confà meglio alle proprie caratteristiche.
        Mentre noi abbiamo lacune anche sulla guida, i piloti non ne hanno, sanno come si fa ad andare forte, ma spesso anche per loro sfruttare le caratteristiche intrinseche del mezzo risulta difficile.

        Comment


        • Font Size
          #5
          Originally posted by andrea nadiani View Post

          Se consideriamo che a volte faticano ad adattarsi i piloti di F1 al cambio di monoposto, figuriamoci su di una MotoGp, dove il pilota conta enormemente di più.
          Il discorso è che si tratta di decimi tra l'essere primo o ultimo, di conseguenza ogni piccolissima sfumatura fa la differenza. Si è estremizzato talmente tanto il tutto, che basta davvero poco per fare la differenza in positivo o in negativo.
          Poi comunque dobbiamo considerare che ogni pilota, come del resto ogni persona, ha le proprie caratteristiche e non è automatico riuscire ad adattarsi facilmente ad un mezzo piuttosto che ad un altro.

          Come te sono un amatore, frequentando le piste da anni, non ti è mai capitato un amico che semplicemente cambiando moto ha avuto un miglioramento netto? Spesso è dovuto al mezzo che si confà meglio alle proprie caratteristiche.
          Mentre noi abbiamo lacune anche sulla guida, i piloti non ne hanno, sanno come si fa ad andare forte, ma spesso anche per loro sfruttare le caratteristiche intrinseche del mezzo risulta difficile.
          a posto
          posso tranquillamente dare la colpa al mezzo (presente e futuro)

          Comment


          • Font Size
            #6
            Originally posted by luciocabrio View Post

            a posto
            posso tranquillamente dare la colpa al mezzo (presente e futuro)
            Aspetta, per noi non è che il mezzo da essere un rivetto ti fa diventare un pilota, eh!

            Comment


            • Font Size
              #7
              nella mia non carriera di crossista ho guidato... cagiva, kawasaki, suzuki e honda... non che da una moto all'altra andassi il doppio ma posso dire con certezza che la suzuki è quella con cui ho guidato meglio...
              detto questo, arrivati ad una certa età è molto difficile cambiare lo stile di guida credo... puoi un po' limarlo per adattarti ma di base quello resta. se sei un pilota che frena forte tardi e fin dentro la curva difficile diventare uno che frena presto e la scorrere. poi come detto parliamo in questi anni di 3/4 decimi. mezzo secondo sei molto indietro...
              detto poi che AD probabilmente sognava la yamaha, ma perchè sognava quella tech3. quando era giovane e con gomme bridgestone... magari con quella andrebbe forte ancora...

              Comment


              • Font Size
                #8
                Originally posted by andrea nadiani View Post

                Aspetta, per noi non è che il mezzo da essere un rivetto ti fa diventare un pilota, eh!
                era per giustificare l amia scarsità
                Do la colpa al feeling col mezzo
                cit. Con una moto come la tua invece....

                Comment


                • Font Size
                  #9
                  Originally posted by wally73 View Post
                  nella mia non carriera di crossista ho guidato... cagiva, kawasaki, suzuki e honda... non che da una moto all'altra andassi il doppio ma posso dire con certezza che la suzuki è quella con cui ho guidato meglio...
                  detto questo, arrivati ad una certa età è molto difficile cambiare lo stile di guida credo... puoi un po' limarlo per adattarti ma di base quello resta. se sei un pilota che frena forte tardi e fin dentro la curva difficile diventare uno che frena presto e la scorrere. poi come detto parliamo in questi anni di 3/4 decimi. mezzo secondo sei molto indietro...
                  detto poi che AD probabilmente sognava la yamaha, ma perchè sognava quella tech3. quando era giovane e con gomme bridgestone... magari con quella andrebbe forte ancora...
                  se deve sognare è meglio che sogna il 2017 con tutte quelle vittorie (altro che i podi tech3) che almenosi sveglia con le mutande bagnate

                  ha avuto la moto campione del mondo pure eh...

                  Comment


                  • Font Size
                    #10
                    Originally posted by luciocabrio View Post

                    era per giustificare l amia scarsità
                    Do la colpa al feeling col mezzo
                    cit. Con una moto come la tua invece....
                    Ho la modalità scusometro sempre in off. Sono umile, a 40 anni rivetto sono e rivetto rimango

                    Comment


                    • Font Size
                      #11
                      Originally posted by andrea nadiani View Post

                      Se consideriamo che a volte faticano ad adattarsi i piloti di F1 al cambio di monoposto, figuriamoci su di una MotoGp, dove il pilota conta enormemente di più.
                      Il discorso è che si tratta di decimi tra l'essere primo o ultimo, di conseguenza ogni piccolissima sfumatura fa la differenza. Si è estremizzato talmente tanto il tutto, che basta davvero poco per fare la differenza in positivo o in negativo.
                      Poi comunque dobbiamo considerare che ogni pilota, come del resto ogni persona, ha le proprie caratteristiche e non è automatico riuscire ad adattarsi facilmente ad un mezzo piuttosto che ad un altro.

                      Come te sono un amatore, frequentando le piste da anni, non ti è mai capitato un amico che semplicemente cambiando moto ha avuto un miglioramento netto? Spesso è dovuto al mezzo che si confà meglio alle proprie caratteristiche.
                      Mentre noi abbiamo lacune anche sulla guida, i piloti non ne hanno, sanno come si fa ad andare forte, ma spesso anche per loro sfruttare le caratteristiche intrinseche del mezzo risulta difficile.
                      In F1 molti piloti hanno faticato ad adattarsi alle monoposto 2022 rispetto alle 2021...

                      Comment


                      • Font Size
                        #12
                        Originally posted by andrea nadiani View Post

                        Ho la modalità scusometro sempre in off. Sono umile, a 40 anni rivetto sono e rivetto rimango
                        se tu sei un rivetto io sono una lamiera intera
                        Posso insegnare a pecco a bere però (anzi manco più quello)

                        Comment


                        • Font Size
                          #13
                          Originally posted by andrea nadiani View Post

                          Se consideriamo che a volte faticano ad adattarsi i piloti di F1 al cambio di monoposto, figuriamoci su di una MotoGp, dove il pilota conta enormemente di più.
                          Il discorso è che si tratta di decimi tra l'essere primo o ultimo, di conseguenza ogni piccolissima sfumatura fa la differenza. Si è estremizzato talmente tanto il tutto, che basta davvero poco per fare la differenza in positivo o in negativo.
                          Poi comunque dobbiamo considerare che ogni pilota, come del resto ogni persona, ha le proprie caratteristiche e non è automatico riuscire ad adattarsi facilmente ad un mezzo piuttosto che ad un altro.

                          Come te sono un amatore, frequentando le piste da anni, non ti è mai capitato un amico che semplicemente cambiando moto ha avuto un miglioramento netto? Spesso è dovuto al mezzo che si confà meglio alle proprie caratteristiche.
                          Mentre noi abbiamo lacune anche sulla guida, i piloti non ne hanno, sanno come si fa ad andare forte, ma spesso anche per loro sfruttare le caratteristiche intrinseche del mezzo risulta difficile.
                          Giusto anche il tuo ragionamento, diciamo che è l'altra faccia della medaglia...

                          Loro in quanto professionisti, per me dovrebbero adattarsi di più alle caratteristiche del mezzo, hanno ingegneri e telemetrie per capire cosa fare.
                          Non dico che è facile, sarebbero tutti campioni altrimenti... però due piloti come Dovizioso e Morbidelli che sono riusciti a stare anche davanti e vincere delle gare, mi fa strano vederli costantemente in fondo al gruppo.
                          Bho....

                          Comment


                          • Font Size
                            #14
                            Col tuo ragionamento, anche cambiar moto dovrebbe una cosa relativamente semplice, in realtà abbiamo visto che il cambio moto è una cosa molto complicata.
                            Lo stesso cambio di gomma, in regime di monogomma, mette in crisi alcuni e piloti e ne avvantaggia altri ( basta ricordare l'anteriore Michelin nel ' 17 ) e non è semplice per questi altri recuperare lo svantaggio "copiando" quelliche vanno bene
                            Oggi poi, con una griglia che sta in poco più di 1 secondo, l'andar bene o male è questione veramente di un nonnulla...



                            Originally posted by Gabe75 View Post

                            Giusto anche il tuo ragionamento, diciamo che è l'altra faccia della medaglia...

                            Loro in quanto professionisti, per me dovrebbero adattarsi di più alle caratteristiche del mezzo, hanno ingegneri e telemetrie per capire cosa fare.
                            Non dico che è facile, sarebbero tutti campioni altrimenti... però due piloti come Dovizioso e Morbidelli che sono riusciti a stare anche davanti e vincere delle gare, mi fa strano vederli costantemente in fondo al gruppo.
                            Bho....
                            Last edited by Beppoz; 13-07-22, 20:22.

                            Comment


                            • Font Size
                              #15
                              anche secondo me è stata la nostalgia a fregare Dovizioso, nostalgia insieme ai risultati di Quartararo...


                              Originally posted by wally73 View Post

                              detto poi che AD probabilmente sognava la yamaha, ma perchè sognava quella tech3. quando era giovane e con gomme bridgestone... magari con quella andrebbe forte ancora...

                              Comment

                              X
                              Working...
                              X