Announcement

Collapse
No announcement yet.

Announcement

Collapse
No announcement yet.

MotoE partita la produzione a Borgo Panigale

Collapse
X
Collapse
 
  • Filter
  • Time
  • Show
Clear All
new posts

  • Font Size
    #1

    MotoE partita la produzione a Borgo Panigale


    Il capitolo elettrico di Ducati entra nel vivo: a distanza di un anno dal primo test in pista con Michele Pirro al World Circuit Marco Simoncelli di Misano è iniziata la produzione delle moto che saranno protagoniste del 2023 del FIM Enel MotoE™ World Championship. Entro la metà di febbraio saranno completate le moto destinate al campionato e parallelamente sono iniziati i corsi per i tecnici dei team che dovranno gestirle. Due test precampionato, a Jerez e Barcellona, prima del debutto in gara al GP di Francia il 13 maggio.





    La produzione delle moto è iniziata a dicembre e le 23 unità saranno pronte per metà febbraio. Alle diciotto moto che saranno portate in gara si aggiungeranno cinque unità a disposizione dell’organizzazione. Ogni prototipo viene assemblato da tecnici esperti nel Reparto Corse Ducati MotoE con lo stesso procedimento, precisione e cura dei dettagli tipici dell’alta manifattura con cui si costruisce una MotoGP.

    L’avvio della produzione dei prototipi “V21L” rappresenta l’inizio di un nuovo e importante capitolo nella storia di Ducati. Per la Casa di Borgo Panigale questo progetto nasce con lo scopo di sviluppare competenze per il proprio futuro, mantenendo l’approccio che da sempre alimenta il DNA Ducati: sperimentare soluzioni tecnologiche nel mondo delle competizioni e lavorare affinché tutto ciò che viene sviluppato in questo ambito possa poi approdare sulle moto destinate agli appassionati di tutto il mondo. Per fare ciò è stata realizzata la moto elettrica più tecnologica, raffinata e sofisticata del panorama mondiale, frutto del lavoro congiunto dei progettisti dell’R&D Ducati e del team Ducati Corse. “V21L” è la MotoGP delle moto elettriche, unisce le tecnologie elettroniche e quote ciclistiche sviluppate da Ducati Corse a un processo di design e una gestione del progetto tipico di una moto stradale come la Panigale V4. È l’unione delle migliori competenze dei due mondi, corse e produzione, un prototipo con cui Ducati sperimenta in un mondo ancora tutto da scoprire, quello delle moto sportive elettriche.






    Claudio Domenicali, CEO Ducati: “L’inizio della produzione della Ducati MotoE è un momento storico per la nostra Azienda, che con questo progetto sta studiando a fondo le tecnologie del futuro del mondo delle due ruote. È un ambito di sperimentazione importante, in cui stiamo investendo per costruire know-how, per farci trovare pronti se e quando la tecnologia delle batterie dovesse consentire la realizzazione di una moto elettrica stradale davvero emozionante e che quindi abbia peso, performance e autonomia che gli appassionati si aspettano da una Rossa di Borgo Panigale. Affrontiamo quindi questa nuova avventura con l’obiettivo di fare crescere le persone e le competenze interne all’Azienda per plasmare quello che potrebbe essere il carattere di una futura Ducati elettrica stradale. Il progetto MotoE rappresenta per Ducati un passo decisivo per contribuire alla riduzione delle emissioni di CO2 lato prodotto, che si affianca alla ricerca sui carburanti sintetici (eFuel) che permettono di azzerare le emissioni totali di CO2 dei motori a combustione interna. La sostenibilità ambientale è un aspetto che tutti gli individui e tutte le aziende devono considerare una priorità se si vuole preservare il delicato equilibrio del pianeta. Anche a livello industriale Ducati è impegnata in questo senso e la realizzazione della nuova area di Finitura e Delibera Estetica classificata Nearly Zero Energy Building ne è solo l’ultimo esempio”.





    Dopo un anno di test dedicati allo sviluppo che hanno visto Michele Pirro, Alex De Angelis e Chaz Davies alternarsi in sella al prototipo “V21L”, il progetto Ducati MotoE si avvicina al momento in cui le moto scenderanno in pista. Il primo test con i piloti e i team che disputeranno il Mondiale 2023 è previsto per i giorni 6, 7 e 8 marzo a Jerez a cui seguiranno altre tre giornate di prova il 3, 4 e 5 aprile sul circuito di Montmelò a Barcellona.

    Il debutto in gara avverrà invece nel Gran Premio di Francia sabato 13 maggio. Il calendario 2023 del Campionato Mondiale MotoE è articolato su otto Gran Premi con due gare a weekend, entrambe di sabato. Dopo l’esordio francese il Mondiale delle moto elettriche sarà presente in tutte le successive gare Europee fino a Misano, quindi sarà al Mugello nel fine settimana dell’11 giugno, al Sachsenring in quello successivo e ad Assen in quello del 25 giugno. Dopo la pausa estiva, le Ducati MotoE torneranno in pista a Silverstone il 5 agosto, prima di affrontare i tre Gran Premi finali al Red Bull Ring (20 agosto), Catalunya (2 settembre) e Misano (10 settembre).
    da sportmediaset

  • Font Size
    #2
    che cagate

    Comment


    • Font Size
      #3
      Originally posted by luciocabrio View Post
      che cagate
      Vabbè queste son quasi carine dai.. rispetto alle energika... che ok.. sono state le prime ecc ecc.. però altra cosa questa..

      Comment


      • Font Size
        #4
        Originally posted by mito22 View Post

        Vabbè queste son quasi carine dai.. rispetto alle energika... che ok.. sono state le prime ecc ecc.. però altra cosa questa..
        esteticamente son belle...per i lresto possono pressarle tutte
        Una moto che non romba è come una donna che non strilla...ti diverti a metà

        Comment


        • Font Size
          #5
          Finalmente niente ali bauli ed altre porcherie
          Esteticamente molto bella.

          Comment


          • Font Size
            #6
            Almeno sembra na moto vera

            Comment


            • Font Size
              #7
              Originally posted by luciocabrio View Post

              esteticamente son belle...per i lresto possono pressarle tutte
              Una moto che non romba è come una donna che non strilla...ti diverti a metà
              Fanno Gniiiiiiii invece che Broooooom
              Però le minkyate sono sempre epiche, troppo bravi in Ducati ...
              Reparto a Emissioni Zero ciavrà pure il Fart-Detector per le scoregge dei dipendenti
              Ed è già la Motoelettricamiglioredelmondo ...
              Di sicuro vinceranno il campionato

              Comment


              • Font Size
                #8
                Onestamente è più bella esteticamente della GP. Almeno sembra una moto. Basta non "accenderla"...

                Comment


                • Font Size
                  #9
                  Originally posted by kuorenero View Post
                  Almeno sembra na moto vera
                  ma non lo è

                  Comment


                  • Font Size
                    #10
                    Originally posted by Mr.Molla View Post

                    Fanno Gniiiiiiii invece che Broooooom
                    Però le minkyate sono sempre epiche, troppo bravi in Ducati ...
                    Reparto a Emissioni Zero ciavrà pure il Fart-Detector per le scoregge dei dipendenti
                    Ed è già la Motoelettricamiglioredelmondo ...
                    Di sicuro vinceranno il campionato
                    non è solo il gniiiii

                    Comment


                    • Font Size
                      #11
                      Comprate Auto che il rumore del motore è fatto dagli altoparlanti dello stereo ...
                      Eppoi scassate la minkya per il non rumore dei mezzi Elettrici

                      Intanto nelle Auto sta arrivando la LUCID ... 1111cv e 800km di autonomia
                      Tutto su una Berlina da 150k€ ... alto che Tesla o anche M5, Giulia QV, Audi E-Tron etc
                      Le Moto sono ancora indietro, soprattutto Energica, ma da Ducaudi mi aspettavo decisamente dippiù... invece come Power Unit, Batterie e Peso hanno migliorato pochissimo... fortuna che come Estetica e Ciclistica almeno è un altro pianeta, ma non ci voleva molto

                      Comment


                      • Font Size
                        #12
                        Originally posted by Mr.Molla View Post
                        Comprate Auto che il rumore del motore è fatto dagli altoparlanti dello stereo ...
                        Eppoi scassate la minkya per il non rumore dei mezzi Elettrici

                        Intanto nelle Auto sta arrivando la LUCID ... 1111cv e 800km di autonomia
                        Tutto su una Berlina da 150k€ ... alto che Tesla o anche M5, Giulia QV, Audi E-Tron etc
                        Le Moto sono ancora indietro, soprattutto Energica, ma da Ducaudi mi aspettavo decisamente dippiù... invece come Power Unit, Batterie e Peso hanno migliorato pochissimo... fortuna che come Estetica e Ciclistica almeno è un altro pianeta, ma non ci voleva molto
                        che ti devo dire...c'è a chi piace prenderlo in culo...ognuno ha i suoi gusti
                        Io sono tradizionalista,preferisco una giulia qv o una m3 rispetto ai moulinex
                        Ps tutti i miei mezzi hanno il classico rumore dei motori benzina senza altoparlanti (giulia compresa)

                        Comment


                        • Font Size
                          #13
                          Originally posted by mito22 View Post
                          Il capitolo elettrico di Ducati entra nel vivo: a distanza di un anno dal primo test in pista con Michele Pirro al World Circuit Marco Simoncelli di Misano è iniziata la produzione delle moto che saranno protagoniste del 2023 del FIM Enel MotoE™ World Championship. Entro la metà di febbraio saranno completate le moto destinate al campionato e parallelamente sono iniziati i corsi per i tecnici dei team che dovranno gestirle. Due test precampionato, a Jerez e Barcellona, prima del debutto in gara al GP di Francia il 13 maggio.





                          La produzione delle moto è iniziata a dicembre e le 23 unità saranno pronte per metà febbraio. Alle diciotto moto che saranno portate in gara si aggiungeranno cinque unità a disposizione dell’organizzazione. Ogni prototipo viene assemblato da tecnici esperti nel Reparto Corse Ducati MotoE con lo stesso procedimento, precisione e cura dei dettagli tipici dell’alta manifattura con cui si costruisce una MotoGP.

                          L’avvio della produzione dei prototipi “V21L” rappresenta l’inizio di un nuovo e importante capitolo nella storia di Ducati. Per la Casa di Borgo Panigale questo progetto nasce con lo scopo di sviluppare competenze per il proprio futuro, mantenendo l’approccio che da sempre alimenta il DNA Ducati: sperimentare soluzioni tecnologiche nel mondo delle competizioni e lavorare affinché tutto ciò che viene sviluppato in questo ambito possa poi approdare sulle moto destinate agli appassionati di tutto il mondo. Per fare ciò è stata realizzata la moto elettrica più tecnologica, raffinata e sofisticata del panorama mondiale, frutto del lavoro congiunto dei progettisti dell’R&D Ducati e del team Ducati Corse. “V21L” è la MotoGP delle moto elettriche, unisce le tecnologie elettroniche e quote ciclistiche sviluppate da Ducati Corse a un processo di design e una gestione del progetto tipico di una moto stradale come la Panigale V4. È l’unione delle migliori competenze dei due mondi, corse e produzione, un prototipo con cui Ducati sperimenta in un mondo ancora tutto da scoprire, quello delle moto sportive elettriche.






                          Claudio Domenicali, CEO Ducati: “L’inizio della produzione della Ducati MotoE è un momento storico per la nostra Azienda, che con questo progetto sta studiando a fondo le tecnologie del futuro del mondo delle due ruote. È un ambito di sperimentazione importante, in cui stiamo investendo per costruire know-how, per farci trovare pronti se e quando la tecnologia delle batterie dovesse consentire la realizzazione di una moto elettrica stradale davvero emozionante e che quindi abbia peso, performance e autonomia che gli appassionati si aspettano da una Rossa di Borgo Panigale. Affrontiamo quindi questa nuova avventura con l’obiettivo di fare crescere le persone e le competenze interne all’Azienda per plasmare quello che potrebbe essere il carattere di una futura Ducati elettrica stradale. Il progetto MotoE rappresenta per Ducati un passo decisivo per contribuire alla riduzione delle emissioni di CO2 lato prodotto, che si affianca alla ricerca sui carburanti sintetici (eFuel) che permettono di azzerare le emissioni totali di CO2 dei motori a combustione interna. La sostenibilità ambientale è un aspetto che tutti gli individui e tutte le aziende devono considerare una priorità se si vuole preservare il delicato equilibrio del pianeta. Anche a livello industriale Ducati è impegnata in questo senso e la realizzazione della nuova area di Finitura e Delibera Estetica classificata Nearly Zero Energy Building ne è solo l’ultimo esempio”.





                          Dopo un anno di test dedicati allo sviluppo che hanno visto Michele Pirro, Alex De Angelis e Chaz Davies alternarsi in sella al prototipo “V21L”, il progetto Ducati MotoE si avvicina al momento in cui le moto scenderanno in pista. Il primo test con i piloti e i team che disputeranno il Mondiale 2023 è previsto per i giorni 6, 7 e 8 marzo a Jerez a cui seguiranno altre tre giornate di prova il 3, 4 e 5 aprile sul circuito di Montmelò a Barcellona.

                          Il debutto in gara avverrà invece nel Gran Premio di Francia sabato 13 maggio. Il calendario 2023 del Campionato Mondiale MotoE è articolato su otto Gran Premi con due gare a weekend, entrambe di sabato. Dopo l’esordio francese il Mondiale delle moto elettriche sarà presente in tutte le successive gare Europee fino a Misano, quindi sarà al Mugello nel fine settimana dell’11 giugno, al Sachsenring in quello successivo e ad Assen in quello del 25 giugno. Dopo la pausa estiva, le Ducati MotoE torneranno in pista a Silverstone il 5 agosto, prima di affrontare i tre Gran Premi finali al Red Bull Ring (20 agosto), Catalunya (2 settembre) e Misano (10 settembre).
                          da sportmediaset
                          Uhhhh che carine! Fanno anche la versione da "omo"????

                          Comment


                          • Font Size
                            #14
                            Originally posted by eddyrocket View Post

                            Uhhhh che carine! Fanno anche la versione da "omo"????

                            ecco perchè mr.molla pareva interessato...ora si spiega tutto

                            Comment


                            • Font Size
                              #15
                              Il Mondo andrà comunque avanti, l'evoluzione tecnologica non sarà fermata da 4 nostalgici conservatori...

                              ...senza offesa
                              Last edited by matteocali; 19-01-23, 10:07.

                              Comment

                              X
                              Working...
                              X