Announcement

Collapse
No announcement yet.

E' morta Nadia Toffa

Collapse
X
Collapse
  • Filter
  • Time
  • Show
Clear All
new posts

  • #16
    Grande guerriera e donna. E' sempre brutto avere queste notizie e sapere quanta gente ancora sta male e se ne va per via di questi maledetti tumori. Purtroppo viviamo in un mondo cosi inquinato che ,ormai, anche i nostri animali si ammalano sempre di più e in forma sempre più grave. In neanche un mese di tirocinio all'ospedale didattico della mia facoltà (Veterinaria), avrò visto almeno 4 casi di tumori al midollo tutti gravi.

    Comment


    • #17
      Originally posted by abhi View Post
      Si morirà sempre di qualche malattia.. dovremmo imparare a curare il nostro pianeta che poi mangiamo e respiriamo la nostra merda, siamo il cancro del nostro pianeta
      Nell era pre industriale le aspettative di vita erano circa la metà di oggi

      Comment


      • #18
        Mi spiace
        "Mi spezzo ma non mi piego." MiKiFF

        Comment


        • #19
          Non mi è mai piaciuta come "giornalista" però è stata una donna fortissima, mi dispiace per come è finita, pensavo ne riuscisse a venir fuori.

          R. I. P.

          Comment


          • #20
            Originally posted by Heinrich View Post
            Il cancro è la bestia peggiore che esista, prende tutti indistintamente.

            Si deve trovare una cura al più presto.

            Riposa in pace Nadia Toffa.
            Pian coi sassi, che la disinformazione su sto tema è allarmante.
            Il cancro non viene così alla cazz.o, non ha nessuna reale caratteristica della "lotteria di capodanno al contrario", come ci viene implicitamente fatto percepire, allo scopo di autoassolvarci davanti alla sfiga che c'ha toccato. Non tocca me o te indistintamente neh.
            Quando si dice che quel tizio (o quella tizia) ha contratto un sarcoma significa che quel tizio (o quella tizia) ha passo passo (in anni, anni e anni di cattive abitudini alimentari-mentali) creato i presupposti per l'insorgere del cancro e non ha colto o ha sottovalutato i segnali di allarme che il proprio organismo ha certamente lanciato nel corso di quegli stessi anni (non si colgono perchè ci stiamo sempre più diseducando ad osservarli e ad ascoltarli, e se li cogliamo li snobbiamo o peggio ancora, in molti casi, assumiamo farmaci per levarceli di torno senza cambiare di fatto le abitudini che li hanno generati.. che e l'equivalente di toglier la sirena d'allarme all'impianto antifurto per evitar di svegliarci nel cuore della notte mentre il ladro ci saccheggia casa). Vedo flotte di genitori che non hanno la minima idea di come dare un'educazione in questo senso ai propri figli, prede di luoghi comuni e amenità che han ovviamente poco/nessun senso.
            Quante volte p.e. avete visto genitori forzare il figlioletto a finire il pasto inculcando il senso di colpa nei confronti della fame del mondo? Ecco.. già p.e. questa è una cattivissima abitudine sia a livello alimentare che di natura psichica. Combinando effetti e rendendo di fatto l'esperienza potenzialmente esplosiva a livello educativo con ovviamente chiari risvolti sociali (contribuendo cioè a creare una mente collettiva che va nel verso assolutamente errato se lo scopo è la salute).
            Cattive abitudini alimentari/mentali creano un ambiente (il nostro corpo) acido, presupposto fondante per l'insorgere di malattie.
            Si sta palesando sempre più il fatto che tutte le c.d malattie moderne hanno inizio dal nostro maltrattare l'apparato digerente.. Tutte o quasi sono riconducibili alla c.d. sindrome metabolica.
            L'alimentazione e lo stato mentale sono fondamentali per preservare una buona salute, è questo che non vogliamo accettare.. Non vogliamo accettare di rivedere le nostre abitudini (che sono strettamente collegate al nostro sociale, al nostro apparire e altre migliaia di amenità ad esse strettamente correlate).
            Insomma... tutto questo per dire che la cosa è ben più complessa di come vogliamo credere.. la dea bendata in tutto ciò ha assai poca influenza.
            Un buon libro sull'igiene naturale può aiutare a comprendere meglio. E a ritrovare una salute spesso smarrita senza manco essercene resi conto (credo che la percentuale di persone che credono indeffessamente di esser sane senza esserlo sia almeno il 99%.. e sottolineo almeno).
            Ovviamente non è mio scopo con questo semi-pistolotto criminalizzare nessuno, ma solo cercare di riportare la discussione su dei binari che mi accorgo sono stati del tutto smarriti, in nome di uno stile che più che moderno definirei retrogrado, non degno di un essere senziente.
            Tornando it:

            Rip per la Toffa, che non amavo come giornalista, ma che di certo ha mostrato gran coraggio.


            Last edited by gilles1977; 14-08-19, 09:47.

            Comment


            • #21
              Bell' intervento Gilles

              Comment


              • #22
                dal mio punto di vista il problema, in questo caso, non e' la malattia... si muore di cancro... oppure no... non dico che sia quasi casuale, ma poco ci manca.
                il padre di un mio amico, fegato, 6 mesi... non bevitore, non fumatore.
                mia nonna, seno, 2 volte, e' arrivata poi a 96 anni senza ulteriori problemi, fumando come una ciminiera e mangiando dolciumi di nascosto (li metteva nella vaschetta dell'acqua del water, tanto per renderti l'idea).

                il problema, in questo caso, e' la spettacolarizzazione che ha messo in piedi lei, o forse i suoi "amici" ma lei ha voluto stare al gioco.
                ma nessuno, nessuno di quelli che ho conosciuto che hanno avuto direttamente, o indirettamente a che fare con un tumore, si son mai sognati di considerarlo un dono.

                quindi, per fare la "forte", per dimostrare che non ti pieghi (non decidi tu, e infatti....), parli di doni? ecco, adesso l'hai aperto il tuo dono.

                ritengo che certe cose vadano vissute in privato, non sotto i riflettori, e soprattutto mai vendere la pelle dell'orso prima di averlo ucciso, sia in privato, ma soprattutto sotto i riflettori.

                quanto al cancro, e' la "malattia del secolo" perche' semplicemente, prima si moriva prima.
                ma, visto che siamo gia' troppi, e come sappiamo la natura tende a trovare il modo di ribilanciarsi, anche se noi siamo tecnologicamente sempre piu' preparati, lei tentera' sempre di trovare un modo per tenerci "a bada".
                si arrivera' a sconfiggere l'insorgenza dei tumori? la vita media si allunghera' ulteriormente? saltera' fuori qualcosa di peggiore ancora.

                Comment


                • #23
                  Originally posted by Nico1 View Post

                  Nell era pre industriale le aspettative di vita erano circa la metà di oggi
                  Perché, è vita secondo te che gran parte della popolazione mondiale va avanti a farmaci?
                  Si chiama sopravvivere quello..

                  E comunque non preoccuparti, che l' era industriale ci sta giungendo tutti al termine definitivamente
                  http://tinypic.com/m/fyzb4g/3

                  Comment


                  • #24
                    Originally posted by gilles1977 View Post

                    Pian coi sassi, che la disinformazione su sto tema è allarmante.
                    Il cancro non viene così alla cazz.o, non ha nessuna reale caratteristica della "lotteria di capodanno al contrario", come ci viene implicitamente fatto percepire, allo scopo di autoassolvarci davanti alla sfiga che c'ha toccato. Non tocca me o te indistintamente neh.
                    Quando si dice che quel tizio (o quella tizia) ha contratto un sarcoma significa che quel tizio (o quella tizia) ha passo passo (in anni, anni e anni di cattive abitudini alimentari-mentali) creato i presupposti per l'insorgere del cancro e non ha colto o ha sottovalutato i segnali di allarme che il proprio organismo ha certamente lanciato nel corso di quegli stessi anni (non si colgono perchè ci stiamo sempre più diseducando ad osservarli e ad ascoltarli, e se li cogliamo li snobbiamo o peggio ancora, in molti casi, assumiamo farmaci per levarceli di torno senza cambiare di fatto le abitudini che li hanno generati.. che e l'equivalente di toglier la sirena d'allarme all'impianto antifurto per evitar di svegliarci nel cuore della notte mentre il ladro ci saccheggia casa). Vedo flotte di genitori che non hanno la minima idea di come dare un'educazione in questo senso ai propri figli, prede di luoghi comuni e amenità che han ovviamente poco/nessun senso.
                    Quante volte p.e. avete visto genitori forzare il figlioletto a finire il pasto inculcando il senso di colpa nei confronti della fame del mondo? Ecco.. già p.e. questa è una cattivissima abitudine sia a livello alimentare che di natura psichica. Combinando effetti e rendendo di fatto l'esperienza potenzialmente esplosiva.
                    Cattive abitudini alimentari/mentali creano un ambiente (il nostro corpo) acido, presupposto fondante per l'insorgere di malattie.
                    Si sta palesando sempre più il fatto che tutte le c.d malattie moderne hanno inizio dal nostro maltrattare l'apparato digerente.. Tutte o quasi sono riconducibili alla c.d. sindrome metabolica.
                    L'alimentazione e lo stato mentale sono fondamentali per preservare una buona salute, è questo che non vogliamo accettare.. Non vogliamo accettare di rivedere le nostre abitudini (che sono strettamente collegate al nostro sociale, al nostro apparire e altre migliaia di amenità ad esse strettamente correlate).
                    Insomma... tutto questo per dire che la cosa è ben più complessa di come vogliamo credere.. la dea bendata in tutto ciò ha assai poca influenza.
                    Un buon libro sull'igiene naturale può aiutare a comprendere meglio. E a ritrovare una salute spesso smarrita senza manco essercene resi conto (credo che la percentuale di persone che credono indeffessamente di esser sane senza esserlo sia almeno il 99%.. e sottolineo almeno).
                    Ovviamente non è mio scopo con questo semi-pistolotto criminalizzare nessuno, ma solo cercare di riportare la discussione su dei binari che mi accorgo sono stati del tutto smarriti, in nome di uno stile che più che moderno definirei retrogrado, non degno di un essere senziente.
                    Tornando it:

                    Rip per la Toffa, che non amavo come giornalista, ma che di certo ha mostrato gran coraggio.


                    L'alimentazione, come tutti i fattori ambientali come l' aria che respiriamo indubbiamente contano e sono fondamentali.
                    Ma ci sono altri fattori come quelli genetici non in nostro potere.
                    ​​
                    ​Purtroppo non abbiamo la piena padronanza della nostra esistenza
                    http://tinypic.com/m/fyzb4g/3

                    Comment


                    • #25
                      Originally posted by Larsen_EE View Post
                      dal mio punto di vista il problema, in questo caso, non e' la malattia... si muore di cancro... oppure no... non dico che sia quasi casuale, ma poco ci manca.
                      il padre di un mio amico, fegato, 6 mesi... non bevitore, non fumatore.
                      mia nonna, seno, 2 volte, e' arrivata poi a 96 anni senza ulteriori problemi, fumando come una ciminiera e mangiando dolciumi di nascosto (li metteva nella vaschetta dell'acqua del water, tanto per renderti l'idea).

                      il problema, in questo caso, e' la spettacolarizzazione che ha messo in piedi lei, o forse i suoi "amici" ma lei ha voluto stare al gioco.
                      ma nessuno, nessuno di quelli che ho conosciuto che hanno avuto direttamente, o indirettamente a che fare con un tumore, si son mai sognati di considerarlo un dono.

                      quindi, per fare la "forte", per dimostrare che non ti pieghi (non decidi tu, e infatti....), parli di doni? ecco, adesso l'hai aperto il tuo dono.

                      ritengo che certe cose vadano vissute in privato, non sotto i riflettori, e soprattutto mai vendere la pelle dell'orso prima di averlo ucciso, sia in privato, ma soprattutto sotto i riflettori.

                      quanto al cancro, e' la "malattia del secolo" perche' semplicemente, prima si moriva prima.
                      ma, visto che siamo gia' troppi, e come sappiamo la natura tende a trovare il modo di ribilanciarsi, anche se noi siamo tecnologicamente sempre piu' preparati, lei tentera' sempre di trovare un modo per tenerci "a bada".
                      si arrivera' a sconfiggere l'insorgenza dei tumori? la vita media si allunghera' ulteriormente? saltera' fuori qualcosa di peggiore ancora.
                      Non volermene neh.. ma hai messo in fila una serie di strafalcioni. Figli ovviamente di questa società malata.
                      Limitare le cattive abitudini al "bere e fumare" è come limitare alle cattive abitudine nell'andare in auto quella di non accendere i fari di posizione o non mettere le cibture. Tralasciando limiti di velocità, sorpassi azzardati, manutenzione del veicolo e tutta na serie di cose che posson essere ben più gravi, senza che socialmente rientrino strettamente sotto questa voce.


                      Comment


                      • #26
                        Originally posted by abhi View Post

                        L'alimentazione, come tutti i fattori ambientali come l' aria che respiriamo indubbiamente contano e sono fondamentali.
                        Ma ci sono altri fattori come quelli genetici non in nostro potere.
                        ​​
                        ​Purtroppo non abbiamo la piena padronanza della nostra esistenza
                        Ni per non dire no. Ma so che alcuni dogmi sono duri a morire..

                        Comment


                        • #27
                          Originally posted by gilles1977 View Post

                          Ni per non dire no. Ma so che alcuni dogmi sono duri a morire..
                          Vabbè dimmi la colpa di un bimbo di 3 o 4 anni con diabete 1?
                          Lui come persona che potere ha per difendersi da quella malattia e che colpe ha avuto?
                          http://tinypic.com/m/fyzb4g/3

                          Comment


                          • #28
                            Originally posted by gilles1977 View Post

                            Non volermene neh.. ma hai messo in fila una serie di strafalcioni. Figli ovviamente di questa società malata.
                            Limitare le cattive abitudini al "bere e fumare" è come limitare alle cattive abitudine nell'andare in auto quella di non accendere i fari di posizione o non mettere le cibture. Tralasciando limiti di velocità, sorpassi azzardati, manutenzione del veicolo e tutta na serie di cose che posson essere ben più gravi, senza che socialmente rientrino strettamente sotto questa voce.

                            gilles, non per smontare le tue sicurezze... ma non ce ne sono.
                            vero che alcuni sono "professionali", tipo polmoni per minatori o chi ha avuto a che fare con l'amianto... ma molti dei cancri "naturali" sono, per restare in tema "toffa", come il natale: quando arrivano, arrivano.

                            allora o passi la vita dentro una tac, h24, a controllare di continuo che sia tutto a posto, oppure vivi e basta... magari ti viene qualcosa, magari no.
                            cibo, ambiente, stile di vita possono in certi casi influenzare il "risultato"... ma non sono risolutivi.

                            la degenerazione cellulare e' scritta nel nostro dna... in certi casi "esagera" (ed ecco i tumori)... ma fa parte di quei passaggi della vita biologica che, al momento, e' ovvio non siano ancora ben chiari.
                            se sapessero come sconfiggere il cancro, saprebbero anche come renderci immortali (le due cose vanno di pari passo), ma questo significherebbe ovviamente la fine dell'umanita'.

                            quindi, se vuoi che la specie sopravviva, qualcuno deve morire, se si smette di morire, la specie si estingue.

                            Comment


                            • #29
                              Originally posted by abhi View Post

                              Vabbè dimmi la colpa di un bimbo di 3 o 4 anni con diabete 1?
                              Lui come persona che potere ha per difendersi da quella malattia e che colpe ha avuto?
                              Le colpe non sono dirette. E credo che sia pure sbagliato definirle "colpe". Io parlerei più di cause.
                              Che saranno certamente indirette (nate magari nel grembo materno per cattive abitudini della madre o persino degli avi.. visto che p.e. alcuni ceppi della flora batterica intestinale sembra siano trasmissibili sino a 5-6 gradi di parentela, sempre che la mia memoria non mi inganni).
                              Si sta capendo sempre più il ruolo p.e. del microbiota.. e come influenzarlo per ritrovare salute.

                              Tutto ciò poi è strettamente legato a come percepiamo il cibo.
                              p.e.
                              un cibo che potenzialmente è nutriente per il corpo umano ma che per dogma sociale, religioso o culturale "crediamo" non ci faccia bene, avrà effetti diversi rispetto al soggetto che è convinto del contrario. L'effetto placebo ha un ruolo anche nella vita di tutti i giorni, davanti ad un piatto di pasta.
                              ed evito di parlare di combinazioni alimentari, l'ordine con cui introdurre il cibo per migliorare l'efficienza con cui digerirlo, il ruolo della masticazione soprattutto per certi alimenti (carboidrati semplici e complessi), il ruolo del saltare i pasti ecc. ecc. ecc
                              insomma.. districarsi non è certo semplice.. ma da lì a buttar tutto in caciara ce ne passa.
                              Last edited by gilles1977; 14-08-19, 09:38.

                              Comment


                              • #30
                                Originally posted by gilles1977 View Post

                                Le colpe non sono dirette. E credo che sia pure sbagliato definirle "colpe". Io parlerei più di cause.
                                Che saranno certamente indirette (nate magari nel grembo materno per cattive abitudini della madre o persino degli avi.. visto che p.e. alcuni ceppi della flora batterica intestinale sembra siano trasmissibili sino a 5-6 gradi di parentela, sempre che la mia memoria non mi inganni).
                                Si sta capendo sempre più il ruolo p.e. del microbiota.. e come influenzarlo per ritrovare salute.

                                Tutto ciò poi è strettamente legato a come percepiamo il cibo.
                                p.e.
                                un cibo che potenzialmente è nutriente per il corpo umano ma che per dogma sociale, religioso o culturale "crediamo" non ci faccia bene, avrà effetti diversi rispetto al soggetto che è convinto del contrario. L'effetto placebo ha un ruolo anche nella vita di tutti i giorni, davanti ad un piatto di pasta.
                                insomma.. districarsi non è certo semplice.. ma da lì a buttar tutto in caciara ce ne passa.
                                Mi trovi d'accordo sul fatto che l intestino sia quasi sempre il covo delle malattie, non si può pensare di buttarci dentro quel cacchio che ci pare e che poi la merda scompaia magicamente una volta oltrepassata la bocca.
                                Non credo invece nell' effetto placebo con esiti diversi
                                Last edited by abhi; 14-08-19, 09:33.
                                http://tinypic.com/m/fyzb4g/3

                                Comment

                                Working...
                                X