Announcement

Collapse
No announcement yet.

WSBK Round 9 Laguna Seca Orari TV

Collapse
X
 
  • Filter
  • Time
  • Show
Clear All
new posts

  • Gianluca Salina
    replied
    Originally posted by ilverdone View Post
    per me si sono dimostrati attaccabili con la scenetta che hanno messo su a imola,team e pilota.
    è da lì che rea ha ripreso vigore ed ha iniziato il forcing,vuoi per le piste meno sfavorevoli alla zxr vuoi per la fiducia che ti dà tornare a vincere,ma alla fine era sembrato rassegnato anche lui di fronte a tanta superiorità nel mezzo.
    Rea non ha mai smesso di crederci ed il suo martellare podi come nessun altro ne è la prova. Era certamente conscio che sarebbero arrivate piste in cui il gap si sarebbe potuto ridurre o annullare. Lui ha sempre ammesso la superiorità del mezzo ma, pur tessendo grandi lodi per Bautista, non ha mai fatto altrettanto per la capacità del pilota, cosa che lo ha sempre messo, con sé stesso per primo, in una condizione di forza e l'aspetto mentale sappiamo benissimo che sia una componente fondamentale. Lui è sempre stato convinto di essere ancora il n°1 e da lì ha tratto le energie, per sé e forse anche in parte per la sua squadra. Certo, non è detto che questo basti, ma è già un gran bel punto di partenza, secondo me.

    Leave a comment:


  • Gianluca Salina
    replied
    Originally posted by polsogrippato View Post

    Secondo me invece sono andati sotto pressione tutti, pilota e squadra, non è giusto scaricare tutte le colpe sul solo pilota, bautista ad una certo punto ha cominciato a lamentare una moto difficile da gestire, e li tocca alla squadra provvedere nelle maniera corretta.... Se poi si sia buttato in terra x guidare sopra i problemi o semplicemente xchè gli è venuto il cagotto non possiamo saperlo, alcune cadute certo sono parse proprio inspiegabili..
    Cmq non volevo certo discutere la preparazione del team factory ducati ma avendo una moto tutta nuova forse in certe circostanze non riescono ad essere così incisivi come quello Kawasaki che ormai di quella moto sa praticamente tutto
    ps
    K poi le vicende legate al rinnovo contrattuale possano aver distratto la concentrazione e la determinazione del pilota, ci potrebbe anche stare
    Sono sostanzialmente d'accordo, anche se la V4R è sempre stata una moto in apparenza (vista da in tv o a bordo pista) decisamente nervosa e non facile da gestire, Il fatto che solo Bautista andasse forte mi fa pensare che gli altri piloti restassero, consciamente o inconsciamente, al di sotto del limite in cui determinati problemi venivano fuori. Circa le colpe, non si tratta di dover per forza trovare un capro espiatorio ma, doverosamente, la squadra ha a che fare, come dici giustamente tu, con una moto nuova (anche se in test da ormai oltre un anno). Da qui l'affermazione che la crisi sia più di Bautista che del team, ma non per colpevolizzare il pilota spagnolo che, alla fine, resta sempre umano, con le varie debolezze del caso di ognuno di noi.
    La Kawasaki è certamente una moto meno estrema, che si è evoluta senza rivoluzioni dal 2011 ad oggi ed è sempre stata gestita dal KRT. All'inizio è arrivata la moto, poi nel 2016 un grosso step di elettronica e quest'anno un altro step di motore, ma la Ninja, che sia la ZX-10R o la RR, è sempre lei. Per Ducati il discorso è profondamente diverso.

    Leave a comment:


  • ilverdone
    replied
    per me si sono dimostrati attaccabili con la scenetta che hanno messo su a imola,team e pilota.
    è da lì che rea ha ripreso vigore ed ha iniziato il forcing,vuoi per le piste meno sfavorevoli alla zxr vuoi per la fiducia che ti dà tornare a vincere,ma alla fine era sembrato rassegnato anche lui di fronte a tanta superiorità nel mezzo.

    Leave a comment:


  • polsogrippato
    replied
    Originally posted by Gianluca Salina View Post

    Tutto corretto, anche se ad andare in crisi, in questo caso, è stato unicamente Bautista e non il team Aruba o la parte di squadra che segue lo spagnolo. Che poi questa crisi sia stata originata dall'ancora non raggiunto accordo per il contratto futuro (per svariati motivi), piuttosto che per fatto che, nel momento in cui è maturata la consapevolezza che l'obiettivo grosso (il mondiale) era davvero alla portata, al numero 19 delle Ducati sia venuto il braccino o altro ancora, non ci è dato di saperlo, ma la sostanza resta. Il problema, in questo momento, riguarda secondo me fondamentalmente i risultati in pista del solo Bautista, non l'efficacia della moto o la preparazione del team.
    Secondo me invece sono andati sotto pressione tutti, pilota e squadra, non è giusto scaricare tutte le colpe sul solo pilota, bautista ad una certo punto ha cominciato a lamentare una moto difficile da gestire, e li tocca alla squadra provvedere nelle maniera corretta.... Se poi si sia buttato in terra x guidare sopra i problemi o semplicemente xchè gli è venuto il cagotto non possiamo saperlo, alcune cadute certo sono parse proprio inspiegabili..
    Cmq non volevo certo discutere la preparazione del team factory ducati ma avendo una moto tutta nuova forse in certe circostanze non riescono ad essere così incisivi come quello Kawasaki che ormai di quella moto sa praticamente tutto
    ps
    K poi le vicende legate al rinnovo contrattuale possano aver distratto la concentrazione e la determinazione del pilota, ci potrebbe anche stare

    Leave a comment:


  • Gianluca Salina
    replied
    Originally posted by polsogrippato View Post

    Visto l'andamento delle cose, su bautista che le può vincere tutte ci crede solo la marmotta che incarta la cioccolata
    JR ed il suo team si sono dimostrati nettamente superiori, c'hanno sempre creduto, hanno sempre spinto al massimo, andando più forte dello scorso anno anche quando non vincevano, hanno messo sotto pressione gli avversari spingendoli a ripetuti errori, hanno vinto a ripetizione quando dovevano vincere mettendo gli avversari in piena crisi portandoli fino ad un quasi certo abbandono delle speranze di titolo...
    sono semplicemente i più forti e ne vinceranno ancora
    Tutto corretto, anche se ad andare in crisi, in questo caso, è stato unicamente Bautista e non il team Aruba o la parte di squadra che segue lo spagnolo. Che poi questa crisi sia stata originata dall'ancora non raggiunto accordo per il contratto futuro (per svariati motivi), piuttosto che per fatto che, nel momento in cui è maturata la consapevolezza che l'obiettivo grosso (il mondiale) era davvero alla portata, al numero 19 delle Ducati sia venuto il braccino o altro ancora, non ci è dato di saperlo, ma la sostanza resta. Il problema, in questo momento, riguarda secondo me fondamentalmente i risultati in pista del solo Bautista, non l'efficacia della moto o la preparazione del team.

    Leave a comment:


  • polsogrippato
    replied
    Originally posted by ReLuca View Post

    Se bautista le vincesse tutte, con Rea sempre terzo, vincerebbe Bautista con 3 punti di scarto, se ho fatto bene i conti.

    Su Bautista che le vince tutte potrei anche crederci, su Rea che fa sempre terzo la vedo improbabile. Credo che qualche gara secondo potrà finirci, anche con un Davies con ritrovata competitività.

    Se i conti son giusti il vantaggio di Rea è più consistente di quanto a pelle immaginassi.

    C'è anche da dire però che Rea praticamente non ha ancora sbagliato. Statisticamente non aiuta questo.


    EDIT: Bau vincerebbe on 11 punti, non con 3.
    Visto l'andamento delle cose, su bautista che le può vincere tutte ci crede solo la marmotta che incarta la cioccolata
    JR ed il suo team si sono dimostrati nettamente superiori, c'hanno sempre creduto, hanno sempre spinto al massimo, andando più forte dello scorso anno anche quando non vincevano, hanno messo sotto pressione gli avversari spingendoli a ripetuti errori, hanno vinto a ripetizione quando dovevano vincere mettendo gli avversari in piena crisi portandoli fino ad un quasi certo abbandono delle speranze di titolo...
    sono semplicemente i più forti e ne vinceranno ancora

    Leave a comment:


  • Gianluca Salina
    replied
    Originally posted by ReLuca View Post

    senza impegno serio da parte della casa madre in sbk non si combina molto contro ducati e kawasaki. La moto c'entra poco
    Concordo, anche se, in questo caso, l'impegno serio da parte di Yamaha c'è e, in questo caso, sono i piloti ad essere senza dubbio bravi, ma non all'altezza dei due che stanno dominando il mondiale 2019. La R1M è cresciuta molto e con un pilota di vertice assoluto sarebbe secondo me in grado di giocarsela.

    Leave a comment:


  • ReLuca
    replied
    Originally posted by luciocabrio View Post

    ripeto da quanti anni corre la R1 e quante gare ha vinto?
    Se non stanno attenti li passa pure la bmw
    senza impegno serio da parte della casa madre in sbk non si combina molto contro ducati e kawasaki. La moto c'entra poco

    Leave a comment:


  • luciocabrio
    replied
    Originally posted by alesco5 View Post

    Riesce a far sembrare competitivo un pilota come Lowes e con van Der mark avevano ingranato prima del volo di misano, non facciamola tragica
    ripeto da quanti anni corre la R1 e quante gare ha vinto?
    Se non stanno attenti li passa pure la bmw

    Leave a comment:


  • alesco5
    replied
    Originally posted by luciocabrio View Post

    Beh i budget non li so. Se guardiamo i risultati, con moto nuova, c'è da stendere un velo pietoso. Quante gare hanno vinto?
    Riesce a far sembrare competitivo un pilota come Lowes e con van Der mark avevano ingranato prima del volo di misano, non facciamola tragica
    Last edited by alesco5; 18-07-19, 15:55.

    Leave a comment:


  • luciocabrio
    replied
    Originally posted by ReLuca View Post

    Si ma hanno investito la metà di ducati e kawa
    Beh i budget non li so. Se guardiamo i risultati, con moto nuova, c'è da stendere un velo pietoso. Quante gare hanno vinto?

    Leave a comment:


  • ReLuca
    replied
    Originally posted by luciocabrio View Post

    E comunque la R1 non si è dimostrata un missile eh. Qualche annetto di esperienza oramai ce l'hanno.
    Si ma hanno investito la metà di ducati e kawa

    Leave a comment:


  • luciocabrio
    replied
    Originally posted by Gianluca Salina View Post

    Certo, ma non sarebbe comunque una moto completamente nuova come alcuni si attendevano.
    E comunque la R1 non si è dimostrata un missile eh. Qualche annetto di esperienza oramai ce l'hanno.

    Leave a comment:


  • luciocabrio
    replied
    Originally posted by Gianluca Salina View Post

    Se la situazione rimarrà piatta non lo so. Da appassionato mi augurerei di no ma, tra le possibilità, c'è anche quella che non cambi nulla proprio in virtù delle deroghe, senza contare che ci potrebbe essere un mix di cose, alias con qualche novità, ma non da parte di tutte le case.
    Quanto a Yamaha, sì... potrebbe rispolverare la sigla SP, ma resta il fatto che la base sarebbe in ogni caso la moto attuale, da cui hanno realizzato il my 2020, che non è completamente nuova. In quel caso si tratterebbe di una versione più esotica della moto presentata a Laguna Seca.

    Ma non deve debuttare le honda?

    Leave a comment:


  • Gianluca Salina
    replied
    Originally posted by alesco5 View Post

    Potrebbe comunque essere una moto diversa anche se derivata da quella presentata a laguna seca
    Certo, ma non sarebbe comunque una moto completamente nuova come alcuni si attendevano.

    Leave a comment:

Working...
X