Announcement

Collapse
No announcement yet.

ANTONIO CAITERZI: le avventure, il mistero ed il mito!

Collapse
X
Collapse
 
  • Filter
  • Time
  • Show
Clear All
new posts

  • ANTONIO CAITERZI: le avventure, il mistero ed il mito!

    In occasione nell'ultima gara del CIV al Mugello ero presente e la sera tra una chiaccherata e l'altra con tanti "vecchi" addetti ai lavori sono uscite fuori le storie su questo fantomatico pilota: Antonio Caiterzi.

    Storie pazzesche ma tremendamente vere...

    Partecipava sempre alle qualifiche ma non riusciva mai a qualificarsi... diceva che sul dritto non poteva dare il gas per non consumare le gomme, ed in effetti ci faceva circa una stagione con un treno!

    Una volta, lui come al solito non si era qualificato... ma un'altro pilota per problemi di altro genere, non aveva potuto schierarsi... e lui cos'ha fatto? Ovvio, si è schierato al suo posto e ha provato a partire tra lo sconcerto dei commissari/organizzatori!

    Era capace di farsi trasferte (anche Pergusa), di migliaglia di chilometri... per non qualificarsi!

    Un'altra volta, per andare a Misano gli si è rotto il suo trabiccolo (una specia di auto furgone in cui "infilava la moto) e che altro poteva fare?? Ovvio, si è messo una gomma al collo, tuta è montato in moto (da corsa) ed è arrivato in circuito!!!

    E questi sono solo alcuni degli aneddoti usciti fuori in pochi minuti di chiacchere... era un tipo strano, ma alla fine faceva tenerezza a tanti nel paddock, che come potevano gli davano una mano...
    Un personaggio d'altri tempi che un giorno è sparito e nessuno ha saputo più nulla...

    Non so quanto potrà avere successo questa discussione, però mi piacerebbe ascoltare dalla voce dei protagonisti, chi l'ha conosciuto, magari una storia che lo rigurada, una foto...
    Last edited by xsandrox; 22-10-09, 02:26.

  • #2
    Caiterzi, un mito!!!
    Chi ha fatto la 125 SP agli inizi degli anni 90 o la coppa Italia nei primi anni del 2000 non può non ricordarselo o non averlo notato!

    Alcune chicche: Varano, in prova scivola con la mito e si apre il sellino passeggero del codone ( !!!!!! ): prima di ripartire e rialzare la moto, recupera in fretta e furia tutti i documenti del mezzo ( assicurazione, bollo e quant'altro ) richiude il sellino e riparte!!! Mitico!

    O quella volta che arrivò il Venerdi in circuito con la moto smontata nel baule della Uno, tiro fuori i pezzi, stette tutta la notte a rimontarla e poi dentro in qualifica.

    Le storie sono tante, ma Caiterzi è stato uno di quei personaggi che in molti deridono mentre TUTTI dovrebbero imparare da chi come lui per questa passione ha fatto davvero di tutto!
    Può sembrare strano ma è stato uno dei personaggi più importanti e che mi hanno insegnato di più in tutto il circus!

    La passione per la moto fatta persona

    ( se c'è qualche errore, sto scrivendo dall'iphone in viaggio quindi chiedo venia! )
    ... a rolling stone gathers no moss ...

    Comment


    • #3
      vi ricordate con quale numero sulla carena gareggiava?
      ...storie commoventi ..personaggio un PO' fuori dagli schemi..
      creAzione

      Comment


      • #4
        Io me lo ricordo eccome!!!
        Arrivava in circuito con la sua Uno con la Mito smontata dentro!!!
        Ricordo che spesso lo premiavano anche se era costantemente ultimo,che tipo!

        Comment


        • #5
          Me lo ricordo bene...a turno gli si regalava sempre qualcosa e ti ringraziava come se gli avessi dato dell'oro....cmq non aveva poche moto...tante ma tutte da " demolizione" grande cai! un mito!

          Comment


          • #6
            faceva anche dignitosamente il passeggero sui sidecar...
            ha una passione che pochi hanno...
            dormiva nel bedford senza finestrini dietro...sopra le moto...
            www.sidecaritalia.it

            Comment


            • #7
              l'ultima cosa che ho trovato in rete è questa:



              ..tra gli iscritti c'è il suo nome, numero di gara 28...
              Mi piacerbbe molto sentire altri aneddoti del genere.. son personaggio sempre più rari...
              Motociclisti (e piloti)...

              ...strana meravigliosa gente...

              Comment


              • #8
                Mi ricordo del giorno che il Motoclub Ducale lo premiò con una coppa alla costanza e usando una sua foto in gara per la locandina di una prova del Motoestate,girò per un bel pò di tempo nel paddok mostrando orgoglioso il premio.
                Purtroppo in gara,essendo lentissimo,aveva la brutta abitudine di fermarsi per agevolare il doppiaggio appena gli sventolavo la bandiera blu,creando a volte seri pericoli.
                Kawasaki e dietro di noi il vuoto
                Non c'è peggior cosa d'aver visto il tuo rivale vincere dove tu hai fallito

                Comment


                • #9
                  sono contento che in molti se lo ricordino! Io non lo conosco, ma nelle parole di chi ne parlava quella sera al Mugello, c'era un sentimento di sincero affetto e nostalgia... chissà se lui può immaginare di avere così tante persone che lo ricordano...

                  p.s. mi è venuta in mente un'altra storia: autodromo di Magione, lui pare viaggiasse sempre con una sorta di bandana al collo.... sul rettilineo principale la perde e che fa??? Si ferma e ritorna contromano (fuori pista), per andarla a recuperare... anche in quel caso gli volevano strappare la licenza!
                  Last edited by xsandrox; 22-10-09, 15:52.

                  Comment


                  • #10
                    ahahahahhahahahahhahahahahhaha ragazzi che mito!!!!

                    continuate vi prego..
                    choose.

                    Comment


                    • #11
                      CHE MITO...
                      L'ultima volta che lo vidi era il trofeo d'inverno del 2004 ed era iscritto alla classe 125Gp, arrivo con una uno e la moto tutta smontata dentro, la ricosttì per le qualifiche e venne fuori una gp vecchissima, e lui aveva una tuta forse ancora più vecchia..andava pianissimo lui e la moto, non toccava neanche il ginocchio per farvi capire..
                      Sapevo che lavorava alla Bimota se non sbaglio..dal 2004 non lo vidi più nei vari circuiti italiani!

                      Comment


                      • #12
                        chissà se qualcuno sa che fine ha fatto... vediamo quanto è potente questo forum!
                        Last edited by xsandrox; 22-10-09, 17:59.

                        Comment


                        • #13
                          da come ne parlate non avrà di certo avuto un gran manico.. ma nelle piste di oggi è tanto facile trovare qualcuno "più manico" di lui quanto è difficile trovare qualcuno con lo stesso cuore e la stessa spensierata e sana PASSIONE.
                          QUOTO TROTTALEMME A PRESCINDERE!
                          MAONI SEI IL MIO MENTORE!!!!

                          link: La mia Aprilia RS 257


                          NO COMMENT
                          Originally posted by albtuono
                          Parli con uno che ha guidato Gamma 250 e 500 RD 350 e 500.
                          NOn mi son mai piaciuti figurati adesso.
                          Un ben V-twin o un 1090 si che fanno tirare!!!!

                          Comment


                          • #14
                            Io ho trovato questo, datato 17-05-2005.
                            Ben 12 dei 17 giovani che stanno svolgendo stage in team sportivi delle
                            case motociclistiche locali, regionali e nazionali, in aziende produttrici
                            di motociclette e in officine meccaniche specializzate, potranno essere
                            assunti dalle stesse aziende al termine dell’esperienza formativa. E’
                            quanto emerge a metà percorso della II edizione del corso per “Manutentore
                            riparatore - Meccanico di moto da competizione”, promosso dalla Provincia
                            di Pesaro e Urbino (Centro per l’impiego e la formazione di Pesaro) in
                            collaborazione con la Federazione Motociclistica Italiana.
                            Dopo quattro mesi di insegnamenti teorici con docenti ed esperti
                            provenienti da prestigiosi team che partecipano al campionato mondiale,
                            moto GP o nel campionato mondiale Superbike (ma anche direttori di gara e
                            tecnici di case produttrici di componentistica per moto da corsa), è
                            cominciata la fase di stage in team di alto livello tecnico, che hanno
                            coinvolto gli allievi fin dall’inizio delle gare dei vari campionati.
                            Del corso ha parlato anche la trasmissione di Rai 3 “Okkupati”, che ha
                            dedicato un servizio proprio all’esperienza formativa/lavorativa di alcuni
                            partecipanti, evidenziando come presso il Centro per l’impiego e la
                            formazione di Pesaro vi sia un’effettiva integrazione dei due servizi e
                            come, attraverso un’attenta analisi del fabbisogno di figure professionali
                            sul territorio provinciale e nazionale, si intervenga immediatamente,
                            attraverso l’area della formazione, per dare risposta alle esigenze delle
                            imprese.
                            Questi i nomi degli allievi del corso e dei team e aziende ospitanti:
                            Elvin Amato (PSG-1 srl, campionato mondiale Superbike), Fabio Ferlita
                            (Power Racing, campionato mondiale Velocit&#224, Luca Santolamazza (Team
                            Pedercini, campionato mondiale Superbike), Daniele Suraci (Celani Team,
                            campionato mondiale velocit&#224, Riccardo Frasca (Worldwide Communication,
                            campionato mondiale Superbike), Mattia Fontana, Marco Bufarini, Francesca
                            Ferri, Danilo Marrancone (Vyrus Div. Motori, campionato europeo velocit&#224,
                            Daniele Antoniucci (TM Racing, mondiale Supermotard), Federico Bettoni
                            (LCR Tech Division, campionato mondiale velocit&#224, Claudio Giulietti,
                            Andrea Magherini (Derby Team, campionato mondiale velocit&#224, Daniele Penzo
                            (Team Lorenzini Leoni, campionato mondiale Superbike), Antonio Caiterzi
                            (Team Adriatico Corse, campionato italiano velocit&#224
                            , Valentino Ceccaroli,
                            Fabrizio Gori (KTM Team, campionato mondiale velocit&#224.
                            di questi conosco anche luca santolamazza che lavorava nel team pedercini quando era ducati.. è quello che mi ha venduto la moto, l'avevo presa da lui perchè sicuro, data la sua competenza, di andare tranquillo.. un'inculataaaaaa biblica!!!

                            scusate l'OT
                            Last edited by Alberto2811; 22-10-09, 18:05.
                            QUOTO TROTTALEMME A PRESCINDERE!
                            MAONI SEI IL MIO MENTORE!!!!

                            link: La mia Aprilia RS 257


                            NO COMMENT
                            Originally posted by albtuono
                            Parli con uno che ha guidato Gamma 250 e 500 RD 350 e 500.
                            NOn mi son mai piaciuti figurati adesso.
                            Un ben V-twin o un 1090 si che fanno tirare!!!!

                            Comment


                            • #15
                              Originally posted by Sidecar View Post
                              faceva anche dignitosamente il passeggero sui sidecar...
                              ha una passione che pochi hanno...
                              dormiva nel bedford senza finestrini dietro...sopra le moto...


                              Me lo ricordo,faceva coppia con Sala non il titolato pluricampione,ma un simpatico signore lecchese che in quell'occasione a Varano fra prove e gara non completarono più di cinque giri causa rottura di ben due motori Yamaha fz 750.Mi ricordo che la fiammata prodotta dal secondo motore lo fece scappare dal sidecar e lo vidi arrampicarsi sulle reti a bordo pista.
                              A Monza se non ricordo male il suo giro veloce in prova fu ben di 3'48"
                              Una panda a metano è sicuramente più veloce.
                              Last edited by kawa62; 22-10-09, 18:41.
                              Kawasaki e dietro di noi il vuoto
                              Non c'è peggior cosa d'aver visto il tuo rivale vincere dove tu hai fallito

                              Comment

                              Working...
                              X