Già Lorenzo, a suo tempo, mostrò a Dall'Igna che la moto poteva essere guidata in modo diverso.
L'ingegnere prese nota e continuò a svilupparla, un po' alla volta.
Con un ottimo pilota/collaudatore...